Utente 547XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni e negli ultimi anni, almeno una volta all’anno ho avuto un episodio di Candidosi. Quest’anno, per ora, si sono verificati due episodi, il primo a Gennaio e il secondo si è presentato in questo mese, dunque a distanza di 4 mesi. Di fronte all’episodio di Gennaio la mia ginecologa mi ha prescritto una cura antimicotica con Sporanox, e successivamente (dati i vari episodi) mi ha prescritto una cura preventiva tramite l’assunzione, due volte al mese (ogni 15 giorni una compressa) di Zoloder. Purtroppo mi si è manifestata una reazione allergica al farmaco e ho dovuto smettere. A distanza di un mese esatto si è ripresentata puntuale la Candida, anche se in maniera meno aggressiva e sopportabile. Ho eseguito un tampone vaginale il quale è risultato positivo alla Candida albicans (numerose colonie). A causa della mia allergia la ginecologa ha deciso di optare per una nuova strada, tramite l’assunzione di integratori (precisamente UNILEN MICROBIO). Purtroppo non riesco a trovare ancora un motivo valido per il quale mi ritrovo sempre punto e a capo, considerato il fatto che seguo un’alimentazione corretta, faccio attività fisica, non uso detergenti intimi aggressivi (anzi negli ultimi mesi uso il Tea Tree Oil), ho eliminato qualsiasi tipo di vestuario attillato, e ultimamente per evitare tutto io e il mio ragazzo abbiamo rapporti sessuali protetti. È possibile riuscire a sconfiggere la Candida senza farmaci e tramite l’aiuto di questi integratori? Di fronte ad ogni soluzione mi illudo di aver finalmente risolto e invece risulta sempre tutto inutile, il problema mi perseguita ormai da anni e ne sto risentendo anche psicologicamente.
Attendo vostre notizie
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi permetto di non essere d'accordo sull'uso immediato del "fluconazolo" che viene consigliato dalla linee guida soltanto in caso di episodi (almeno 5 in 1 anno SICURAMENTE accertati ) di CANDIDA con esecuzione di esame batteriologico a fresco o colture specifiche di tamponi per MICETI .
Se nella sua storia ci sono stati casi diagnosticati come " presunta vaginite da Candida " , questi non hanno valore .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI