Attivo dal 2019 al 2020
Buongiorno, vi scrivo a causa dell'infezione da klebsiella spp che ho saputo di avere ad aprile 2019, anche se i sintomi (bruciore locale sia post minzione che senza un apparente fattore scatenante) li ho ormai da ottobre 2018.
Dopo aver appurato di avere questa infezione tramite due tamponi vaginali, ho iniziato subito a prendere antibiotici, ho dovuto fare più cure perché con tutti gli antibiotici che ho usato la situazione sembrava migliorare i primi giorni di cura, ma poi tornava ad essere la stessa.
Gli antibiotici usati sono:
1) ciproxin
2) cefixoral
3) cura locale con gentamicina
4) augmentin
Successivamente ho dovuto rifare un tampone lo scorso 31 maggio 2019 ed è risultata ancora la klebsiella spp dai tamponi vaginali, ora mi rivolgo anche a voi, chiedendovi come fare per far passare questa infezione in modo definitivo.
inoltre vorrei chiedere come sia possibile che né dal sangue né dalle urine risulti esserci questa infezione?
spero di essere stata quanto più chiara, vi ringrazio in anticipo per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le comunico una notizia che la sbalordirà : la KLEBSIELLA fa parte della flora saprofitica vaginale e la terapia antibiotica che ha praticato è stata inutile.
In caso di numerose colonie si procede a terapia topica vaginale , eliminando il dubbio che si tratti di vaginosi batterica da Gardnerella, di vaginite da COLI , da TRICHOMONAS, ect.
In caso di coltura di tampone vaginale è utile specificare il tipo di microorganismo (batterio, micete, virus) da ricercare altrimenti la coltura metterà in evidenza i batteri presenti in vagina come flora saprofitica.
L'ambiente vaginale non è sterile , perchè comunica con l'esterno come pure la cavità buccale.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Attivo dal 2019 al 2020
Grazie dottore, quindi quale esame mi consiglia di fare?
Per quanto riguarda la cura, se ho capito bene, sarà necessaria una cura locale, giusto?
Grazie ancora per la disponibilità immediata...e mi perdoni per il disturbo

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Esame batteriologico a fresco del fluor vaginale e determinazione del pH vaginale
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI