Primo mese di sospensione della pillola

Buonasera, sono una ragazza di 30 anni ed è un mese che ho sospeso la pillola perché io e il mio compagno siamo alla ricerca di una gravidanza.
Essendo il primo mese di sospensione della pillola avrei dovuto ovulare (nel caso in cui fosse regolare il ciclo) il 13 di gennaio, credo però di averlo fatto intorno al 17/19 di gennaio, perché sono stata parecchio male in quei giorni, tensione quasi perenne nella zona del ventre, gambe stanche (ho deciso di non fare test di ovulazione perché mi condizionano troppo).
Il ciclo mi sarebbe dovuto arrivare il 28 gennaio sempre nel caso in cui fosse stato regolare ma dato che sono quasi sicura di aver ovulato in quei giorni ad oggi del ciclo ancora nulla.
Dopo quanti giorni secondo lei dovrei fare un test di gravidanza?

Il 28 gennaio ho avuto un improvviso dolore forte al ventre (tipo dolore da ciclo) e mi sono sentita mancare dopo poco, sono quasi svenuta.

È possibile che questi sintomi risalgano ad una gravidanza?

Attendo risposta grazie mille!! ! !
[#1]
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo 812 32 123
Gent. Sig., alla sospensione della pillola è normale che l'ovulazione e di conseguenza anche la mestruazione si facciano attendere, perchè il blocco ovulatorio che è il meccanismo principale di azione di questo contraccettivo talvolta dura anche alla sospensione dello stesso, causando l'assenza delle mestruazioni anche per alcuni mesi. Il dolore che ha avuto potrebbe dipendere da una colica ovulatoria. Di solito si consiglia di effettuare il test di gravidanza dopo una settimana di ritardo. Se il test fosse negativo senza che sopraggiungano le mestruazioni o aspetta o può consultare il suo ginecologo di fiducia, per la prescrizione di una terapia "di richiamo" del ciclo ( di solito progesterone). Cordiali saluti e auguri.

Dr. Lucia Vecoli

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per le risposta dottoressa!
In che modo avviene il "richiamo" del ciclo? Come funziona?
Grazie!!
[#3]
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo 812 32 123
Gent. Sig., di solito si somministra progesterone per qualche giorno, che, agendo su un endometrio sensibilizzato dagli estrogeni, ne provoca lo sfaldamento e la conseguente mestruazione. I ritardi mestruali di solito nascono proprio da un deficit di progesterone, legato alla mancanza dell’ ovulazione. La pillola blocca temporaneamente il sistema ipotalamo- ipofisario che stimola il meccanismo ovulatorio, ne consegue il blocco dell’ ovulazione. Alla sospensione del contraccettivo ormonale, talvolta occorre un po’ di tempo per ristabilire i regolari processi di feedback a livello neuroendicrino, quindi, per mancata produzione ovarica di progesterone, si può’ verificare una temporanea amenorrea. Cordialmente.

Dr. Lucia Vecoli

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottoressa per avermi spiegato in modo dettagliato!
Non ce n'è bisogno perché mi è arrivato il ciclo stamattina,non ho beccato la cicogna questo mese ma me lo immaginavo,dopo 10 anni di pillola beccarla il primo mese mi sembrava troppo bello per essere vero! Però sono contenta comunque almeno non c'è bisogno del richiamo e almeno significa che "funziono" dopo 10 anni di ciclo comandato.
Grazie mille e buona giornata

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa