Anello ornibel

Buonasera,

su prescrizione della ginecologa del consultorio da qualche giorno ho iniziato ad usare l'anello Ornibel come contracettivo.
La pillola mi è stata sconsigliata in quanto ho la sindrome di Gilbert, e quindi valori di bilirubina sopra la norma.


Avrei qualche domanda.


1.
Nel foglio illustrativo è scritto che la protezione di Ornibell è assicurata fino a 3 ore dopo una sua eventuale fuoriuscita dalla vagina.
Si riferiscono però sempre alle settimane in cui l'anello dovrebbe essere inserito.

Ma nel periodo si sospensione, si possono avere rapporti completi con eiaculazione interna?
O nei 7 giorni di pausa bisogna usare il preservativo?


2.
Anzichè di inserire l'anello il primo giorno di ciclo (domenica), ho deciso di inserirlo il secondo (lunedì) in quanto preferivo un giorno che fosse più "di routine", senza il rischio di sfasare troppo con gli orari - essendo la domenica un giorno festivo e quindi con possibili impegni nei mesi futuri -.
Ho notato però, che mentre domenica e lunedì il mio ciclo è partito con il suo solito flusso ovvero molto abbondante, già martedì mattina avevo pochissime perdite e oggi, giovedì, è praticamente già concluso (di solito il ciclo mi dura 7-8 giorni, quindi sarebbe dovuto terminare sabato o domenica).

So che l'uso di un contracettivo ormonale può ridurre flusso e durata del ciclo, ma è possibile che questi effetti ci siano già dopo poche ore dal primissimo utilizzo?


3.
Durante il ciclo mestruale uso assorbenti interni e coppetta.
Mi è capitato che, estraendo l'assorbente interno, sia uscito anche l'anello... mentre la coppetta (uso la taglia più grande) non riesco a farla aderire bene alle pareti perché inserendola "incontra" parte dell'anello.
Eppure non riesco a far salire l'anello più di così! Non ci arrivo con le dita (e non ho di certo mani piccole) ed in ogni caso ho l'impressione che nell'arco della giornata scenda leggermente.

Suppongo quindi che, alla ripresa dei rapporti con il mio partner, lui percepisca la presenza dell'anello o che lo faccia uscire accidentalmente.
C'è la possibilità che, durante i rapporti, si possa rompere?



Ringrazio anticipatamente per le risposte.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 39,9k 1,2k 246
Se l'anello fuoriesce casualmente entro tre ore dalla fuoriuscita deve essere inserito dopo averlo lavato con acqua fredda (mai calda !!) .
L'anello vaginale va inserito soltanto la prima volta dal primo giorno del flusso mestruale , nei cicli successivi , farà 7 giorni di pausa , nei quali compare il flusso mestruale , e indipendentemente dall'inizio e fine del flusso mestruale , inserirà il nuovo anello.
Esempio se l'anello viene inserito un mercoledì alle 22:00, andrà rimosso il mercoledì di 3 settimane dopo , sempre alle 22:00 . Il mercoledì della settimana successiva sempre alle 22 andrà inserito un nuovo anello. Durante la settimana di pausa senza anello è presente la copertura contraccettiva.
La rottura dell'anello è una eventualità molto rara , un anello rotto , fintanto che è posizionato all'interno della vagina , assicura la stessa sicurezza contraccettiva , sebbene vi sia la possibilità che fuoriesca. Per tale motivo bisogna sostituirlo con un nuovo anello il prima possibile.
Saluti

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno.

Domani sera (lunedì) scadono le 3 settimane e dovrei estrarre il primissimo anello. Stamattina, però, ho avuto delle perdite abbastanza importanti (simili a quelle che ho il primo giorno di ciclo), che si sono ripetute anche verso sera.

Nei giorni scorsi avevo già avuto delle piccole perdite, marroncine e molto scarse, che ho associato allo "spotting", fenomeno che ho letto essere molto frequente nei primi mesi di utilizzo dell'anello. Quindi non mi sono preoccupata.

Le perdite di oggi, però erano rosso vivo e troppo abbondanti rispetto a quelle dei giorni scorsi...
Di cosa potrebbe trattarsi?
Sembra quasi che il ciclo mi sia arrivato in anticipo, ma sarebbe assurdo dal momento che con l'anello inserito non dovrebbe succedere.

In queste tre settimane ho sempre tenuto l'anello inserito, ininterrottamente. Tende a scendere, per cui ogni tanto lo rispingevo verso l'alto, ma ho letto che la sua posizione all'interno della vagina è indifferente.

I rapporti che ho avuto sono sempre stati protetti con profilattico.

L'unico evento "diverso" dal solito, è stato un episodio di indigestione nella notte tra martedì e mercoledì, che mi ha causato una leggera emicrania nelle due giornate successive e quindi ho dovuto assumere Oki task e moment. Ma mi è stato spiegato che sono farmaci che non interferiscono con l'efficacia dell'anello.

Cosa, quindi, può essere capitato?

Ringrazio anticipatamente.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio