Utente 159XXX
buonasera , ho 42 ani donna.
Dalla settimana scorsa ho mal di testa frontale o come se la testa fosse intronata e ogni tanto mi vengono giramenti di testa e non so di preciso da cosa dipendono, se da un problema infiammatorio o dal periodo che sto vivendo, da un mese vivo un forte stress psicologico per colpa di altre persone che mi porta ad avere attacchi di ansia (già ne soffrivo in passato), in questo periodo mi venivano spesso mal di testa vario tipo, ma questo nuovo tipo di mal di testa o come se fosse intronata in tutta la testa al di fuori della cervicale e fronte, e prende anche le orecchie. L'anno scorso avevo fatto tutti gli esami al cranio e vestibolare con esito negativo, andata da otorino, neurologo, ecc..con risultato che devo prendere le medicine che già prendevo di routine nei casi di mal di testa o ansia. Avevo paura di più che questo mal di testa dipendesse dalle orecchie. Ora mi sto curando con ansiolitico e paracetamolo per la testa, ieri mi era passato ma oggi con il forte vento freddo è peggiorato. Credevo che dipendesse dall'ansia poiché mi veniva mal di testa e attacchi di ansia. Ma è la prima volta che la testa fa in questo modo.

Secondo voi dottori, il mal di testa e giramenti di testa e malessere possono dipendere dall'ansia?

Grazie.




[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

certamente, possono essere causati dall'ansia o da posture prolungate. Un'ipotesi potrebbe essere una cefalea di tipo tensivo.
Quali farmaci sta assumendo e a quale dosaggio?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 159XXX

episodi del genere li avevo avuti negli ultimi due anni e mi venivano vertigini per una sospetta sindrome di meniere, ma di tutti gli esami fatti e gli otorini non è risultato niente solo un pò di sordità ad un orecchio che aumenta con l'ansia. L'anno scorso i mal di testa di tipo tensivo mi venivano o con l'ansia o con l'umidità. spesso mi sveglio la mattina con il mal di schiena, non mi hanno fatto nessuna terapia solo o le gocce per le vertigini, in concomitanza con influenza o infiammazioni alle vie respiratorie, che per fortuna erano passati. In questo periodo che sto vivendo un forte stress sono ritornati, ansia e dolori alla testa o testa intronata. Ma dalle passate esperienze che però si mischiavano influenza o bronchite con vertigini, ansia e allergie ai pollini perché si manifestavano in primavera e autunno. Dietro consiglio medico mi passavano con medicinali per questi tipi di malanni ma per la testa il paracetamolo o ansiolitico che già prendevo quando mi venivano gli attacchi di ansia. Ora non so se le cause possono essere varie come stress, ansia, mal tempo, ecc. Per esempio ieri sera stavo meglio, ma con il forte vento mi faceva stare ancora più male la testa, avendo preso il parcetamolo durante il giorno mi sentivo meglio la sera, ma questa mattina mi ero svegliata con sensazioni di nausea e tensione alla testa e malessere, e ho preso l'ansiolitico e fino adesso sto meglio. Nei giorni scorsi ero stato quasi sempre a letto per i malesseri. Ma per il fatto del mal di testa è dall'anno scorso che mi vengono di diverso tipo, alla cervicale muscolo tensivo, alla fronte da sinusite o alla sommità quando c'è umidità. Ma i specialisti visti non hanno trovato nulla.


[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non mi dice però quale ansiolitico sta assumendo e a quale dosaggio.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 159XXX

prendo xanax a bassa dose, 5 gocce la mattina e 5 la sera, datemi negli anni passati il medico e confermato dal neurologo l'anno scorso perché riesco a gestire l'ansia in breve tempo. Ma ieri di giorno non le ho prese, mentre oggi si e sto meglio anche se ho qualche sintomo di ansia e testa intontita e malessere simile come quando si ha l'influenza. Ma sono ancora pochi giorni che prendo le gocce. L'anno scorso i tipi di mal di testa forse erano di natura muscolotensiva o a causa dell'umidità, era la prima volta che si manifestava l'ansia in questo modo accompagnata da vertigini. Invece questa volta prima mi faceva male dopo mi si intronava la testa con giramenti di testa ce passavano se stavo a letto o attacchi di ansia. Però in passato avendo avuto anche problemi alle orecchie e alle vie respiratorie non sapevo se i problemi alla testa di ora dipendono dall'ansia o da eventuali infiammazioni.

Per l'ansiolitico prendo solo xanax e per molto tempo non ho ansia, perché fino ad ora non ho avuto bisogno di altri medicinali anche perché ho paura nel prenderli.

Lo stress che ho vissuto fino a questi giorni, aveva colpito anche un altro mio famigliare.
che però per adesso la causa dello stress non c'è più.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se la Sua ansia non riesce a gestirla solo con l'ansiolitico (che consiglio di assumerlo per periodi relativamente brevi) si potrebbe pensare a qualche altro farmaco che agisca in modo più incisivo. Comunque questa è una decisione che deve prendere lo specialista che La segue. Con l'ansiolitico si riduce la cefalea?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente, è stato visto da un dentista in merito alle sue problematiche?
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#7] dopo  
Utente 159XXX

per il dottor Ferraloro

sono due giorni che la situazione sta migliorando, l'ansia vera e propria non c'è l'ho più da due giorni, solo sintomi somatici come testa intontita e malessere e orecchio tappato che si accentuano se mi stresso, che nel mio caso nelle precedenti esperienze se non reagisco subito durano molto. La testa non mi fa male, ma forse può essere causato anche dal fatto come dormo, anche se dormo dritta la mattina mi sveglio un pò con la testa intronata e mal di schiena, così anche mia sorella che vive anche lei lo stress come me, si sveglia con cervicale e mal di testa.


al dottor Formentelli
negli anni passati avevo preso anche l'ipotesi di eventuali problemi ai denti, perché leggendo le notizie, e anche perché qualche dentista mi disse che i denti non sono bene allineati anche se non si vede molto da quando mi hanno messo un ponte di tenti non fissi. Ne ho parlato a vari otorini ma dissero che non è evidente il problema. Alcuni denti denti non li ho più per i denti cariati e curati in passato. Anche dalla radiografia fatta l'anno scorso che si vedevano i denti, cervicale e seni nasali e paranasali e cranio, non è stato evidenziato molto, sono setto nasale un pò deviato, assenza di seno paranasale, seni sanali destri ipertrofici, e breve spessore tra 4 vertebre della cervicale. Avevo fatto la radiografia perché in estate mi venivano mal di testa alla sommità. Ma su queste cose il mio medico e un otorino non hanno molto considerato.In realtà ho la conformazione dal mento al naso non ben allineato ma non è evidente. I problemi che ho avuto fino ad ora è rinite, mal di testa frontale quando tira il vento, l'estate scorsa cervicale muscolotensiva, e in estate mal di testa sulla sommità quando era molto afoso. che però sono passati ma che in concomitanza avevo anche l'ansia. Ma ai denti non ho avuto molti problemi, ora ho solo una radice che bisogna togliere.


[#8] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"Ne ho parlato a vari otorini ma dissero che non è evidente il problema."

In effetti posso comprenderli.
Non è il loro lavoro, e molto spesso non hanno gli strumenti culturali per riconoscere la problematica.




"Alcuni denti denti non li ho più"
"Cervicale muscolotensiva"

Questi sono due elementi che mi portano a pensare all'origine orale del problema, almeno come concausa.
Senza trascurare in alcun modo altre ipotesi e gli altri accertamenti che il dr. Ferraloro le ha suggerito, consulti uno gnatologo.
Non è un dentista qualsiasi, ma uno specializzato nei disturbi conseguenti al cattivo assetto della bocca.

In questo link informazioni più dettagliate.

https://www.medicitalia.it/sergioformentelli/news/439/Lo-gnatologo-ma-chi-e-costui











www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9] dopo  
Utente 159XXX

gentile dott.Ferraloro

nei giorni scorsi la situazione stava migliorando anche con l'ansia, ma questa mattina è di nuovo peggiorata, sempre testa un pò intontita, orecchio tappato e acufene, giramento di testa che però passò subito, poi malessere e pressione al naso tra occhi come da sinusite. Allora mi sembrava che i problemi dipendessero dalle orecchie o da qualche infiammazione, ho mandato mia sorella dal medico che mi ha prescritto Torecan supposte per i giramenti di testa) che serve anche per le infiammazioni orecchie, vertigini,ecc. Ha detto che forse è il freddo di questi giorni e devo prendere l'aspirina e stare al caldo e vedere come va.

Leggendo il foglietto delle supposte torecan dice che può interagire se preso contemporaneamente con medicinali come psicofarmaci o che vanno nel sistema nervoso centrale, poiché prendo le gocce xanax a basse dosi per l'ansia, ora le devo diminuire e devo prendere solo la sera e scalarle da 5 gocce in giù. Ho chiesto al medico e dice che posso prendere entrambe le medicine. Secondo lei possono avere interazioni se prendo le supposte una mattina e sera e le gocce 5 la sera prima di dormire.

Poiché ho paura degli eventuali effetti da interazioni.

Grazie.

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non sono riportate interazioni negative tra torecan e benzodiazepine (xanax) soprattutto a bassi dosaggi, pertanto non dovrebbero esserci problemi. In ogni caso il Suo medico ha autorizzato l'assunzione di entrambi i farmaci.
Eviti comunqu l'assunzione ravvicanata dei due farmaci la sera.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 159XXX

per non prenderli ravvicinati avevo pensato di prendere Torecan alle 18:00, il paracetamolo alle 20:00, e le 5 gocce di xanax alle 23:30 o 24:00. La mattina Torecan alle 8:00.

Come da consiglio medico oggi ho ripreso a prendere il paracetamolo e mi erano passati i sintomi ma poi ritornati il pomeriggio, mi sembrano dovuti a malattie da raffreddamento poiché si è aggiunto anche il freddo addosso. fino a ieri non li avevo.

Grazie per la risposta.

[#12] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, va bene lo schema che si è fatto.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente 159XXX

chiedo al neurologo.
Nel frattempo mi erano passati i sintomi dei malanni da raffreddamento, mal di testa, vertigini e ansia. Ma sono tre giorni che mi viene una forte agitazione e nervosismo, all'inizio pensavo fosse dovuto agli ormoni quando mi viene la sindrome premestruale, poiche le sensazioni partivano dal basso ventre e gambe. Poi invece se dipendevano dalle supposte Torecan, che in realtà non mi hanno dato fastidio. questa mattina l'agitazione era molto più forte che quasi mi sembrava volesse venire le convulsioni. Avevo mandato mia sorella dal medico per scrivere le vitamine visto che da ieri ho la spossatezza e che ha detto che le gocce per l'ansia le devo prendere almeno 10 alla volta. Questa mattina ho preso 10 gocce e mi è passato subito, mi è rimasta solo un pò di agitazione e molta spossatezza. il medico mi ha prescritto una visita dal neurologo per neurosi. Negli ultimi anni mi capitava di ammalarmi in questo modo, Ma questa volta questa forte agitazione. Poi ho pensato se non fosse dovuto all'ansia, visto che già cercavo di diminuire le gocce visto che non c'è l'avevo più.

Poiché devo aspettare qualche giorno per andare dal neurologo se mi sentirò bene, secondo lei questi ultimi sintomi possono dipendere dall'ansia e dal forte stress che ho avuto.
graxie

[#14] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dalla descrizione che fa la natura ansiosa della sintomatologia è concreta, soprattutto dopo la riduzione dei sintomi in seguito a somministrazone dell'ansiolitico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente 159XXX

in altri periodi con l'ansia nel diminuire l'ansiolitico non mi aveva dato mai problemi. Forse se è ansia dovevo prolungare la terapia, erano 10 giorni circa ma visto che non avevo più ne prendevo di meno. La mia paura di oggi ancora dipendesse da altri fattori neurologici. Ma fino ad ora sono migliorata e continuerò con l'ansiolitico con 10 gocce poi vedrò cosa dirà il neurologo. che in precedenza avevo già visto e che mi fece passare l'ansia solo con la valeriana.


Grazie.

[#16] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non deve mai ridurre la dose dei farmaci senza il consenso del medico, è lui a prendere queste decisioni.
Comunque senta cosa Le dirà il neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
le mancano diversi denti!

La mandibola, verosimilmente, non appoggia correttamente, e la muscolatura della bocca si mette in tensione per trovare una posizione stabile.

E' questa la motivazione funzionale dell'insorgere della "cervicale muscolo-tensiva".
Certo, ci possono essere altre cause.

Ma finché non si rivolge ad un dentista competente della questione (uno gnatologo, in sostanza), nessuna diagnosi può essere fatta con certezza.
E quindi, nessuna terapia potrà essere data con cognizione di causa.

Poi, faccia lei.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#18] dopo  
Utente 159XXX

Gentile dott. Ferraloro

Sono andata dal neurologo che già avevo visto due volte l'estate scorsa. Secondo le diagnosi passate e quella attuale e visita, ha detto che devo solo continuare a prendere lo xanax 10 gocce la mattina e 10 la sera e diminuirlo lentamente e non come facevo io anche se in passato non mi aveva creato problemi). Gli ho fatto vedere anche la radiografia dell'estate scorsa per i mal di testa e vertigini e cervicale, ha detto ce non c'è niente da preoccuparsi che è solo per il tempo meteo per i mal di testa e un fatto di ansia per gli altri problemi.

L'anno scorso l'ansia mi era venuta da febbraio ad agosto compreso il tempo di scalare l'ansiolitico. Se faccio come ha detto il neurologo sarò coperta per tutto il periodo e spero che non mi venga più l'ansia perché l'anno scorso ho passato tutte l'estate in casa, più per la paura che per l'ansia stessa.

vorrei farle una domanda. Molti dicono che gli ansiolitici vanno presi per breve periodo, massimo 3 mesi come dice il foglietto. Fino a poco tempo f al'ho preso per brevissimo tempo ma l'anno scorso per 3 o 4 mesi a bassa dose facendomi guarire dall'ansia e senza dipendenza, anzi mi fa reagire in modo positivo. il neurologo ha detto una volta che molte altre persone gli ansiolitici li prendono per molto più tempo e a dosi più forti. Poiché non mi piace prendere medicinali come i psicofarmaci ho molta riluttanza e in 10 anni di ansia discontinua i psichiatri, neurologi e medici non hanno ritenuto darmi altri psicofarmaci perché guarivo subito. Per esempio oggi sto molto meglio.

La terapia che mi ha dato il neurologo è:10 gocce la mattina e 10 la sera e quando mi sentirò bene devo diminuirle 1 goccia ogni 20 giorni.

Se le prendo così arrivo alla fine del periodo che solitamente mi viene l'ansia, fino a fine estate, in autunno/inverno raramente o leggermente.

E' corretta questa terapia?

Mi fido ma vorrei un parere.

Grazie




[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in effetti le cure con benzodiazepine non dovrebbero essere protratte per lunghi periodi per la possibilità di assuefazione e dipendenza. La riduzione di una goccia ogni 20 giorni a mio parere è eccessiva ma se lo specialista Le detto di fare così segua le sue indicazioni.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente 159XXX

Gentile dottore.

sulla modalità datemi dal neurologo facendo i conti dovrei finire di scalare fra 6 mesi a settembre, mi sembra lungo il tempo. Sul foglietto di xanax sta scritto mediamente scalare 0,5 mg ogni 3/4 giorni che sarebbero 2 gocce, così in un mese si finisce. In passato mi capitava di finire la terapia in 15 giorni perché guarivo subito.

Ora Per esempio sono tre giorni che prendo xanax 10 gocce la mattina e sera e l'ansia mi è passata per ora e sto molto meglio e non mi vengono tutte quelle fisse e paure che mi venivano altre volte quando avevo l'ansia.

però adesso vedo come vanno le cose e poi comincio a scalare come disse il neurologo.

[#21] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, segua le indicazioni dello specialista e, se vuole, può farmi sapere.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente 159XXX

gentile dott.Ferraloro

vorrei un suo parere sulla terapia che sto facendo con xanax.

Qualche settimana fa ero guarita dai malanni da raffredamento e ansia e avevo incominciato a scalare l'ansiolitico. Però mi sono ritornati i sintomi da raffreddamento che però passano con il paracetamolo.

Il neurologo visto la settimana scorsa disse che potevo scalare xanax 1 goccia ogni 20 giorni. Ne prendevo 10 la mattina e 10 la sera per pochi giorni perché prima ne prendevo la metà. Visto che sono 4 anni che prendo saltuariamente xanax ero pratica nello scalare e scalavo esempio 5 mattina e 5 sera, prendevo solo 5 la sera e poi scalavo in una settimana. E non mi ha mai provocato niente.

Così dalla settimana scorsa stando bene ho incominciato a provare a scalare 1 goccia ogni 3 giorni e andava bene, arrivata a 8 gocce la mattina avevo la testa un pò vuota e un pò sonnolenza e lievi vuoti di memoria. Oggi stando già male per i malanni da raffreddamento e avendo preso il paracetamolo la mattina che certe volte mi da sedazione, non ho preso le gocce di xanax la mattina e volevo vedere come andava, ma alle 18 mi è venuta un pò di ansia e ho preso 5 gocce di xanax e mi è passato, però non so se è perché la mattina non avevo preso le gocce o è colpa dei miei pensieri che so e prevedo quando mi verrebbe l'ansia, solitamente il pomerigio, per questo in passato le prendevo a pranzo, perché prenderle la mattina è troppo lungo il tempo fino a sera, anche l'anno scorso mi veniva ala paura dell'ansia il pomerigio dalle 18 in poi. Però è anche quasi normale che l'ansia ritorna visto che mi stresso a stare sempre in casa malata e il pensiero ce ha scatenato l'ansia.

Le gocce non le vorrei prendere di mattina per non sentirmi intontita, perché mi sembra di stare bene e devo per forza prendere l'ansiolitico.

Adesso prendevo 8 la mattina e 8 la sera per scalare e ritornare alle 5 gocce iniziali.

so che non si dovrebbe fare da soli ma dipende come vanno le cose, ma vorrei un parere.

Grazie.

[#23] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

infatti, non dovrebbe prendere iniziative autonome, Le consiglio di seguire le indicazioni dello specialista.
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente 159XXX

Dr. Antonio Ferraloro

le volevo fare delle domande.Ho letto l'articolo sulle cefalee.
Per i miei malesseri per l'ansia va bene e non mi viene da un bel pò.

Dal 1 di febbraio erano incominciati i miei malesseri, i principali: mal di testa che si sposta in varie parti del capo, alla fronte, tempie, alla sommità e poi alla nuca, credo sia di tipo tensivo. A febbraio ogni tanto mi venivano i giramenti di testa che non mi vengono più. Da allora i mal di testa vanno e vengono, spariscono e poi ritornano. prendo il paracetamolo e passa. Il mal di testa viene spesso dal pomerigio, specialmente quando si alza il vento freddo o c'è umidità. Aumenta quando sono al pc o quando faccio cose in cui sto per molto tempo ferma o con la testa china come per esempio il ricamo. Dopo un mese sono ritornati insieme ad altri malesseri, come malessere generale, aumento acufene e orecchio tappato, colite, ecc. Quasi sembra più un influenza. Per esempio erano 3 o 4 giorni che ero migliorata, questa mattina avevo solo un pò la testa intontita e qualche segno di allergia ai pollini, poi passato e nel pomerigio vari sintomi di malesseri e mal di testa come se mi aveva preso tutta la parte destra del corpo e testa e colite, dopo un paio di ore è passato ed è rimasto mal di testa in contemporanea si è alzato il vento freddo.
Da un mese l'andamento è: per alcuni giorni mal di testa o testa intontita, o brividi freddo, o malessere generale o mal di gola, o sinusite ecc. si alternano, poi alcuni giorni miglioro e poi ritornano. Sono due anni che mi vengono così, durano da una settimana e un mese e mezzo. Prima facevo varie terapie per le singole malattie ma poi ho visto che mi passava con il paracetamolo (per il mal di testa e sintomi associati).

Ho osservato che mi influenzano: il tempo con il vento e l'umidità, la sindrome premestruale e l'ansia.
L'ansia ora non c'è l'ho da un bel pò, ma in questi giorni è la sindrome premestruale che mi crea altri sintomi.

Da agosto scorso sono tre volte che sono andata dal neurologo e non ha trovato niente, solo che dovevo curare l'ansia. Dalla radiografia per cervicale e sinusite niente. Dall'otorino ed esami vari non ha trovato niente.Ho fatto terapia anticatarrale.

(in famiglia ho una sorella e fratello che hanno sempre sofferto di emicrania e soffrono ancora).

Quando vengono questi periodi sono sempre da fine febbraio a maggio o in autunno.

Le volevo chiedere se il tempo meteo come umidità e vento freddo, può influire molto sul mal di testa?, credo di soffrire di meteoropatia, ma non so.

Stare ore nella stessa posizione a ricamare può far venire il mal di testa?

E lo stress psicologico?


Grazie

[#25] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è normale che nelle cefalee primarie la visita neurologica risulti nella norma, anzi deve risultare nella norma (a meno che si trovino alterazioni per altri motivi che non siano legati alla cefalea ma non è il Suo caso).
Circa i fattori che Lei menziona (eventi meteorologici, posture prolungate, stress) sono spesso dei fattori scatenanti.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
le ricordo ancora che il bruxismo è responsabile di molte cefalee, e spesso questa causa è poco conosciuta anche agli stessi dentisti generici.
La mancanza di diversi denti (come nel suo caso), comportando cattiva chiusura della bocca, potenzia enormemente l'effetto del bruxismo, diventando un cocktail micidiale.

Oltre agli articoli pubblicati sul mio sito www.malocclusione.it , in cui tratto diffusamente l'argomento bruxismo, volevo inoltre segnalarle un altro ottimo articolo presente su questo portale:

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca

E la cefalea muscolo-tensiva è, nella maggioranza dei casi, originata dalla bocca e li trova la sua soluzione.

La invito fortemente ad un consulto con un professionista PREPARATO IN MATERIA (uno gnatologo), perchè è mio enorme sospetto che la maggior parte delle SUE problematiche derivi dall'ambito orale; ma questo si potrà appurare solo con una visita clinica, non certo con un consulto on-line.

Cordiali saluti

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#27] dopo  
Utente 159XXX

per il Dr. Sergio Formentelli

l'anno scorso mi ero interessata e trovato notizie sull'argomento, per vedere se alcuni dei miei problemi di salute derivassero dai denti. Ma no per il mal di testa ma per il problema all'orecchio che anche in questo caso non ho trovato esiti e risolto e altre cose.
Ma mi è difficile trovare i specialisti dove vivo e specialmente per il fatto che non avendo soldi per curare i denti e le eventuali anomalie non posso farci quasi niente, questo da quando già da piccola, solo in due periodi dai 25 anni in poi ho potuto curare i denti.
Ora che mi hanno tolto anche l'esenzione tiket, anche se non dovrei pagare, devo pagare tutto. Già da anni mi ero fatta l'idea che con il passare degli anni, non avrei mai potuto curare la dentatura. Se non il minimo indispensabile.

Per la mia situazione dentaria e mandibolare, credo sia nata con il capo e mascella non ben allineati e non avendo avuto la possibilità di curare la dentatura sin da piccola, mi è rimasta la confermazione che ho ora, che però è normale o quasi.
In generale mi mancano due molari, due denti superiori ai lati dei canini e altri due denti a destra in basso. A sinistra in basso ho un ponte.

Quando starò bene vedrò di trovare di fare qualche visita, ma anche se dovrei curare la formazione della dentatura non potrei farlo per mancanza di soldi.

[#28] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Comprendo la sua problematica.
Mal di testa e problemi all'orecchio sono spesso collegati, ad ulteriore conferma della probabile natura orale della problematica.

Venendo alla situazione della sua bocca, le mancano, a quanto ho capito, sei denti, e ha un ponte fisso.
E' verosimile che, a causa di queste mancanze, gli altri elementi dentali si siano spostati.
La sua bocca non chiude correttamente, NON PUO' chiudere correttamente.
Una dentatura "normale" permette ai muscoli della bocca di chiuderla mantenendo i denti chiusi CON IL MINIMO SFORZO.
Quando i denti mancano e gli altri si spostano, finisce che alcuni denti toccano prima degli altri, o interferiscono fra di loro durante i normali movimenti della bocca.
I muscoli, in questo modo, devono mettersi IN TENSIONE per fare lo stesso lavoro.
I muscoli che fanno muovere la mandibola sono attaccati alle tempie e alla parte posteriore della testa.
Questa è la base anatomica e funzionale della cefalea di origine orale.
Se poi lei è bruxista , ovvero soffre di quella parafunzione muscolare che le fa sbattere, serrare o digrignare i denti fra loro durante la notte, lei è veramente messa male, perchègli effetti deleteri della malocclusione e del bruxismo si moltiplicano fra loro.

Non intervenire (SE QUESTA IPOTESI VERRA' CONFERMATA) sulla VERA CAUSA del problema, per esempio somministrando farmaci, potrà tamponare la sintomatologia, anche efficacemente, ma non risolverla.

La terapia idonea, sempre se l'ipotesi verrà confermata, potrebbe non essere poi così costosa.
Forse anche inferiore ai mille euro.
Purtroppo queste problematiche non vengono quasi mai affrontate in ambito pubblico, a parte alcune lodevoli eccezzioni.

E su questo la sanità pubblica tutta è colpevole.


www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#29] dopo  
Utente 159XXX

credo di non essere bruxista, se non molti anni fa, quando mi ero accorta ce quando faceva freddo una volta digrignavo i denti e mentre dormivo sognavo che digrignavo i denti e avevo paura che si rompessero e avevo associato al freddo o allo stress, il digrignamento dei denti e lo sognavo. In generale non ho mai avuto problemi alla bocca e ai denti, solo molti anni fa quando aprivo e chiudevo la bocca forte faceva lo scatto. Ma da tutti i dentisti e radiografie fatte ai denti non hanno mai visto niente di anomalo, solo il fatto che qualche dentista mi ha fatto notare che il ponte che mi avevano messo era un pò più basso degli altri denti, ma non mi ha mai creato problemi.
quando avevo problemi alle orecchie o le vertigini, ai rispettivi specialisti ho parlato se i problemi potevano derivare dalla mascella, ecc. Ma hanno sempre escluso.

Ma i problemi del mal di testa li ho da poco, ad agosto ogni volta che c'era l'umidità afoso e poi è passato e dalla RX non è risultato niente di importante. I mal di testa sono tornati anche se diversi da febbraio da quando vivevo un forte stress, ansia e il mal tempo, per cui i mal di testa erano da stress o da sinusite. Come per esempio c'è l'ho in questi giorni.
Il problema all'orecchio che dagli esami è uscito solo un pò sordo che aumenta con l'ansia c'è l'ho da 10 anni e da allora non hanno risolto niente. Così per le vertigini.

Poiché ogni anno mi viene l'ansia i problemi saltuari menzionati non l'associano nemmeno all'ansia. E avendo altri problemi come l'allergia ai pollini e rinosinusite che non sono riusciti nemmeno a diagnosticare. I problemi che mi vengono possono provenire da tutti questi fattori.

Come lei ha anche detto non associano mai i disturbi alla bocca.

già avevo pensato che se se pure qualche mio problema derivasse dalla bocca potevo solo curare i denti mettendo il ponte ai denti mancanti.

Ma leggendo le esperienze delle altre persone che hanno problemi più gravi alla bocca mi impressionava. Io a loro confronto non avrei niente.

Il problema è che molta gente non si cura bene i denti e rimane con la dentatura alterata o gli mancano i denti, questo è nella maggior parte delle persone che conosco.

Le posso fare una domanda?
Ma se in generale persone come per esempio anche mia sorella non ha una dentatura buona e gli mancano alcuni denti e ha i denti piccoli, può avere problemi ?


Ma quando starò meglio cercherò di fare una visita da qualche dentista specializzato per far visionare la mia dentatura.


[#30] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"qualche dentista mi ha fatto notare che il ponte che mi avevano messo era un pò più basso degli altri denti, ma non mi ha mai creato problemi. "

Funzionalmente, è come se mancassero anche loro, visto che non toccano con gli altri

Un bite ben costruito potrebbe compensare i dislivelli per qualche tempo.

Lei non può sapere se bruxa o no.
Se se ne accorge, lo è sicuramente, ma se non se ne rende conto, potrebbe esserlo, e non in forma ipotetica.

Esistono delle macchine apposite per misurarlo, nei laboratori del sonno (questo si fa in ospedale).
Da poco più di un anno si può fare anche a casa, ma la metodica è pochissimo diffusam purtroppo.

Una persona può avere problemi?

Le rispondo con un piccolo aneddoto: nella mia formazione culturale devo molto al prof. Slaviceck, ricercatore dell'Università di Vienna e fondatore di una scuola gnatologica.
Lui diceva sempre, nel suo stentato italiano: "Contadino FELICE copn dieci denti in bocca non afere patologia."

Questo a indicare l'assoluto primato della forma muscolare orale, fra cui anche il bruxismo, su ogni altro tipo di considerazione.
Non posso dare una risposta, quindi, su un caso come quello di sua sorella.
Problematiche come la sua si verificano anche in persone con tutti i denti senza nessun tipo di malocclusione.
Solo ed esclusivamente per il bruxismo.
E, finché non giungono all'osservazione di qualcuno che prende in considerazione la cosa, sono persone che girano decine di specialisti e affrontano le terapie più disparate senza successo e con scarsi risultati.

Ma, naturalmente, i colleghi neurologi sono preziosi, perchè le cause possono essere sovente fuori dalla bocca.
E noi dentisti, in questo caso, ci capiamo poco.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)