Utente 242XXX
Salve a tutti sono una ragazza di 22 anni. La scorsa settimana mi sono sottoposta a una rm encefalo +tronco+ angio rm. Questo esame mi è stato prescritto dal centro cefalee. Tre anni fa ho avuto la mia prima emicranea con aura e da quella volta, vedo più volte al giorno delle linee e macchie luminose. La risonanza ha rilevato: "Esame eseguito con sequenze FLAIR e FSE pesate in T2, DP e FSE pesate in T1 e DWI acquisite su piani di scansione multipli. L'indagine è stata integrata con sequenze 3D GRE pesate in T1 acquisite con tecnica T.O.F. mirate allo studio del circolo intracranico.
Presenza di millimetrica e circoscritta aree di iperintensità di segnale in sede sottocorticale frontale a destra, di significato gliotico aspecifico; utile follow-up anche dopo somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto.
IV ventricolo nella norma.
Regolari le dimensioni del sistema ventricolare sovratentoriale, in asse rispetto alla linea mediana.
Nei limiti della norma l'ampiezza degli spazi subaracnoidei della volta e le cisterne della base cranica.
Lo studio del circolo arterioso intracranico non ha rilevato significative alterazioni del segnale di flussso a livello dei principali afferenti del circolo arterioso di Willis."
Vorrei sapere cosa comporta l'area di iperintensità di segnale...mi devo preoccupare?? Vi ringrazio per la risposta. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la piccolissima area di iperintensità è stata interpretata dal neuroradiologo di tipo gliotico aspecifico, cioè come una piccola cicatrice. Se fosse confermata questa natura, non avrebbe alcun significato patologico.
Il neuroradiologo, probabilmente per estrema prudenza, consiglia un controllo RM con mezzo di contrasto <<utile follow-up anche dopo somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto>>.
E' seguita da un neurologo?

Cordiali saluti


Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 242XXX

La ringrazio per la risposta. Non sono seguita da un neurologo. Sono andata per la prima volta al centro cefalee, consigliato dal mio medico di famiglia e dal mio oculista. Precedentemente mi ero recata dal mio oculista al fine di avere delle delucidazioni su queste macchie e linee luminose e dopo aver effettuato anche un campo visivo mi ha riferito che è tutto ok, che tutto può essere riconducibile a forme di emicrania. Secondo lei sono delle emicranie?
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è probabile che il problema visivo sia assimilabile ad aura, soprattutto se seguito dall'emicrania, è così? Le consiglio di fare vedere gli esami diagnostici al centro cefalee che li ha richiesti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 242XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per l'attenzione. Queste macchie e linee che vedo,a volte con andamento intermittente e di durata di qualche secondo, si presentano ogni giorno e sono poche le volte in cui sono seguite da mal di testa. Il mio dubbio è il seguente: se sono forme di emicrania vuol dire che ogni giorno ne ho più di un paio? E tutti i giorni? Il fatto è che non ricordo un giorno in cui non si siano verificate.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'oculista Le ha parlato di possibili emicranie (in questo caso sarebbero aure senza cefalea) ma al centro cefalee cosa Le hanno detto?

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 242XXX

Gentile Dottore, purtroppo la mia prima visita al centro cefalee è stata molto deludente. Il medico in modo molto sbrigativo mi ha fatto domande sulla natura e l'incidenza ti tali episodi, e senza chiedere neanche informazioni su esami del sangue o sul mio quadro clinico, mi ha prescritto una terapia. Questo quanto scritto nel referto: Toliman IIV gocce la sera; Pineal tens una bustina al giorno per tre mesi poi dieci giorni al mese in prossimità del ciclo mestruale; aspirina orosolubile una bustina al bisogno. Inoltre mi ha prescritto RM encefalo, visita oculistica e campo visivo. Oltretutto gli ho spiegato del mio problema con i farmaci antidolorifici, le spiego fin da piccola ho solo usato in caso di febbre o dolori la novalgina, mai preso fans, una volta in assenza della novalgina per dolori mestruali presi la tachipirina da 250 e mi fece star male, mi sentito intontita come in una bolla d'aria. E il medico mi ha risposto prescrivendo il bentelan, in caso di reazione allergica. Sinceramente avendo dei dubbi sulla prescrizione del Toliman e l'inefficienza nel darmi spiegazioni ho deciso di non seguire tale terapia e di prendere appuntamento in un altro centro cefalee, che sfortunatamente avrò a dicembre.
Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quindi mi pare di capire che non ha mai fatto una terapia di prevenzione. Comunque se il sintomo visivo che riferisce fosse un'aura sarebbe un'aura atipica sia per la frequenza con cui si manifesta sia per la brevissima durata. Comunque la prevenzione dell'aura generalmente è meno efficace di quella dell'emicrania, almeno con i farmaci classici, invece promettono bene alcuni antiepilettici. In ogni caso la risposta è strettamente individuale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro