Stordimento capogiri e nausea

Buongiorno,
esattamente da martedì accuso senso di stordimento (come fossi un po' ubriaco), senso di capogiro (anche se negativo test di Romberg) e da oggi un leggera nausea, come se avessi un nodo in gola. In più ogni tanto ho un po' di tensione al collo e sento i muscoli del viso un po' rigidi. Mal ti testa, poco e comunque generalizzato (non emicranico ad esempio).
Da dire che domenica ho effettuato una gara in bici e da dopo la gara ho iniziato dieta a zona (giusta coincidenza).
Aggiungo che qualche anno fa, forse più di 10 anni fa, ho accusato sintomi analoghi in cui mi fu diagnosticata cefalea tensiva, ben curata con SSRI.
Infine, sono un soggetto allergico stagionale ed a breve inizierà il mio periodo clou (già prendo antistaminici e inuver, e da lunedì inizierò un po' di terapia cortisonica preventiva).
Ritenete che il problema possa essere di natura neurologica oppure è da ricercarsi nel nuovo regime alimentare? O magari l'allergia inizia a farsi viva con sintomi secondari?
Per completezza vi comunico che sono alto 1,69 m. e peso 66,5 kg (ho buttato via 1 kg in 5 gg) ed ho il 14,5% di massa grassa (vorrei scendere al 12,5/13%).
Ringrazio per le risposte.
Saluti
[#1]
Dr. Matteo Preve Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 411 10 18
...Aggiungo che qualche anno fa, forse più di 10 anni fa, ho accusato sintomi analoghi in cui mi fu diagnosticata cefalea tensiva, ben curata con SSRI...

il trattamento di una cefalea con SSRI? mi scusi ma quali erano gli altri sintomi che aveva avuto in quel periodo? e che periodo dell'anno era?

...Ritenete che il problema possa essere di natura neurologica oppure è da ricercarsi nel nuovo regime alimentare? O magari l'allergia inizia a farsi viva con sintomi secondari?...

Se la sintomatologia è analoga alla passata si potrebbe rivolgere allo specialista del passato. Ritengo che una corretta diagnosi differenziale vada anche posta anche verso un disturbo di ansia (visto che in un precedente post aveva anche parlato di sindrome ossessiva??), e la migliore cosa che può fare è parlarne con il suo medico difiducia.

Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve Dr. Preve, la ringrazio per la risposta certamente preziosa.

Vorrei però capire il perché del suo stupore al trattamento di cefalea muscolo-tensiva con SSRI? È un protocollo standard, ormai consolidato dalla comunità medico scientifica internazionale.

Il sintomo è passato da se, possibilmente è stato un momento di stress eccessivo o magari un lieve cefalea "autoriparatasi" o ancora un virus stagionale che non ha portato febbre visti gli accorgimenti immunologici che sono solito adoperare (vaccini, immunostimolanti, ecc. non per fobia ma per questioni sportive - mi alleno spesso sotto la pioggia).

Il problema ossessivo è passato ed era causato da un rapporto complesso con la precedente partner; a rapporto finito tutto si è risolto per il meglio.

La ringrazio ancora per il tempo dedicato.
[#3]
Dr. Matteo Preve Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 411 10 18
Genztile utente,
Gli SSRIs si sono dimostarti efficaci non più del placebo sulla cefalea muscolotensiva (linee guida publicate su european journal of neurology del 2010 e Cochrane database 2009).
I farmaci di prima scelta rimangono l'amitriptilina, mirtazapina e venlafaxina (nessuno dei tre è un SSRI).
Per trattare una patologia serve dapprima una corretta diagnosi (non delle teorie sue ma quello che le consiglia il suo medico che può valuutare adeguatamene nella diagnosi differenziale il motivo della sua cefalea) e seguentemente una terapia adeguata.
Cordiali saluti.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Mi scuso per la gaffe, ma in effetti all'epoca non sono stato trattato con SSRI ma con Laroxyl che è appunto un triciclico.
Per tutto il resto concordo pienamente con lei: dovesse ripresentarsi il disturbo non avrò alcuna esitazione a parlarne con il mio curante.
Cordiali saluti e buona Pasqua

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test