Tac encefalo

Buongiorno,

ho 31 anni, sono hiv+ da circa 7 anni e ho iniziato la terapia antiretrovirale con Eviplera circa 1 mese fa. I miei CD4 sono sempre stati buoni (prima della terapia ne avevo 550) e la viremia non ha mai superato 40.000.
Ieri mi sono recato al pronto soccorso perché da alcuni mesi ho capogiri, difficoltà di concentrazione, dolore e sensazione di perdita di sensibilità a mani e piedi e talvolta mi sembra di vederci meno (avevo questi problemi già prima della terapia). Soffro di altri disturbi tra cui apnee notturne, ipertrofia dei turbinati. I problemi descritti vanno avanti da anni ma in questi ultimi mesi sono aumentati notevolmente. Ieri sono stato visitato da un neurologo che mi ha fatto i test per verificare i riflessi ed è tutto ok. mi hanno fatto fare una tac encefalo e il risultato è: non lesioni parenchimali focali. sistema ventricolo cisternale di dimensioni ai limiti superiori della norma, in possibile rapporto ad iniziali fenomeni regressivi. mi è stata prescritta una RMN con contrasto che farò giovedì mattina. Mi potete spiegare il significato del referto che ho avuto? Vorrei sapere la verità. Mi devo preoccupare? il neurologo che mi ha visitato è stato molto vago e mi ha detto a voce che c'è un regstringimento dell'encefalo e il fatto che mi abbia prescritto la RMN in urgenza differita non mi fa stare affatto tranquillo. Lui ha subito ipotizzato che il virus possa aver fatto dei danni. Ho recuperato una risonanza fatta nel novembre 2010 e gli spazi ventricolo-cisternali erano normorappresentati. perché ora si sono ingrossati?
La dott.ssa delle malattie infettive mi ha detto che con dei CD4 a 550 è quasi impossibile che il virus mi stia creando dei problemi al sistema nervoso. cosa ne pensate?
Grazie in anticipo per la vs. risposta.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Utente,

ovviamente non possiamo sapere la causa della sofferenza neuronale (un'eventuale atrofia infatti è data da sofferenza dei neuroni). Questo è un reperto non raro a riscontrarsi anche in soggetti perfettamente normali. Da ciò che descrive il referto sembrerebbe che si tratti di entità non significativa, in ogni caso vediamo cosa rileverà la RM encefalica. Se questo reperto dovesse essere confermato una strategia utile è quella di monitorarlo nel tempo con controlli RM stabiliti dal neurologo.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
grazie mille, molto gentile.
[#3]
dopo
Utente
Utente
grazie mille, molto gentile.
[#4]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Di nulla, ci mancherebbe!

Buona giornata
[#5]
dopo
Utente
Utente
buongiorno ecco il referto che ho ritirato poco fa:
non sicure lesioni endocraniche focali a carico del parenchima encefalico. ne prese di contrasto anomale in sede intracranica. si segnalano tuttavia focali aree iperintensita a contorni sfumati a carico della bianca di entrambi i centri semiovali in sede essenzialmente parietale di non univoca interpretazione: trattasi possibilmente di condizione costituzionale/incompleta maturazione mielinica, ma non puo essere esclusa iniziale sofferenza da localizzazione del virus di cui il paziente è portatore. trofismo consono all etâ .

stamattina ho fatto la visita alle malattie infettive. sono in terapia da 1 mese e la viremia è scesa da 21000 a 323. quindi la terapia funziona. lei cosa ne pensa di questo referto?
[#6]
dopo
Utente
Utente
buongiorno ecco il referto che ho ritirato poco fa:
non sicure lesioni endocraniche focali a carico del parenchima encefalico. ne prese di contrasto anomale in sede intracranica. si segnalano tuttavia focali aree iperintensita a contorni sfumati a carico della bianca di entrambi i centri semiovali in sede essenzialmente parietale di non univoca interpretazione: trattasi possibilmente di condizione costituzionale/incompleta maturazione mielinica, ma non puo essere esclusa iniziale sofferenza da localizzazione del virus di cui il paziente è portatore. trofismo consono all etâ .

stamattina ho fatto la visita alle malattie infettive. sono in terapia da 1 mese e la viremia è scesa da 21000 a 323. quindi la terapia funziona. lei cosa ne pensa di questo referto?
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Utente,

i fenomeni regressivi di cui parlava il referto TC non sono stati confermati dalla RM, anzi si specifica che il trofismo è consono all'età.
Le altre alterazioni riscontrate sono aspecifiche nel senso che non orientano verso una determinata patologia e possono essere anche congenite.
In ogni caso faccia visionare l'esame al neurologo.
Un consiglio potrebbe essere quello di ripetere la RM a distanza di 8 mesi-un anno o meglio secondo il parere del neurologo.
La terapia mi pare molto efficace.

Cordialmente
[#8]
dopo
Utente
Utente
grazie mille x la celere risposta. ma se il discorso della mielina è congenito come mai non è emerso nella risonanza fatta 3 anni fa nello stesso ospedale?
[#9]
dopo
Utente
Utente
grazie mille x la celere risposta. ma se il discorso della mielina è congenito come mai non è emerso nella risonanza fatta 3 anni fa nello stesso ospedale?
[#10]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Utente,

si tratta solo di ipotesi che ha formulato il neuroradiologo, non è detto che sia sicuramente congenito, ne parli col neurologo che La segue.

Cordialità
[#11]
dopo
Utente
Utente
buongiorno. ho un'altra domanda. quanto riscontrato dalla risonanza è compatibile con il calo di attenzione, la perdita di concentrazione, calo della vista e dolori a mani e piedi? grazie
[#12]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Utente,

si dovrebbero visionare le immagini della RM per dare una risposta attendibile, cioè si deve localizzare attentamente la sede delle alterazioni riscontrate per vedere se possono essere coinvolte le aree e le vie responsabili delle funzioni che Lei cita. Così, soltanto in base al referto, non sembrerebbe, ma questa è una valutazione molto superficiale.

Cordiali saluti

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test