Utente
La ringrazio in anticipo per l'attenzione che presterà. Mio padre, 67 anni, è stato sottoposto a TC d'urgenza, per riferita diplopia, tre settimane fa.
Di seguito il referto:
non si apprezzano sicure immagini riferibili a lesioni di tipo vascolare e/o traumatico recenti. Assenza di ematomi in sede epi e/o subdurale. Diffusa ipodensità della sostanza bianca periventricolare e dei centri semiovali da sofferenza ipoperfusiva cronica, con iscritte piccole lesioni ipodense di tipo ischemico lacunare. piccoli esiti ischemici si apprezzano in sede capsulo-lenticolare d'ambo i lati. Sistema ventricolare in asse, moderatamente ectasico in rapporto ad atrofia centrale. Lieve ectasia degli spazi liquorali periencefalici per neuroatrofia corticale.Strutture mediane in asse.
Gli è stata, così, prescritta l'assunzione di cardioaspirina. Dopo tre giorni dall'assunzione ha presentato melena e due episodi di svenimento. Ricoverato urgentemente e sottoposto a trasfusione, in quanto l'emoglobina si attestava a 7.1. valutazione cardilogica, alettrocardiogramma e doppler negativi. Eseguite anche gastroscopia e colonscepia con esito negativo. Dimesso con la prescrizione di effettuare la Videocapsula.
L'assunzione della cardioaspirina è stata sospesa sino a quando l'iter diagnostico non sarà concluso. Adesso mi chiedo:1) premettendo che, al momento,non ci sono segni neurologici,oltre alla diplopia,quanto è "grave" la sua encefalopatia e quale decorso potrebbe avere nei prossimi anni? 2) puo essere stata la cardioaspirina la causa di eventuali lesioni gastrointestinali con successiva emorrragia interna o si tratta solo di una coincidenza, e quindi di lesioni già presenti che hanno sanguinato in seguito ad una maggiore fluidificazione del sangue( dovute all'ass. di cardioaspirina)? 3) in attesa della videocapsula, mio padre assume 2 pastiglie di ferro, vitamina B, gastroprotettore e i soliti 50mg di Eutirox (all'età di 40 anni asportazione di tiroide, da allora nessun altro problema). Cosa potrebbe assumere e fare, fin da ora, in alternativa alla cardioaspirina, per trattare l'encefalopatia vascolare e lacunare diagnosticata e prevenedo un peggiorameneto?
Consapevole delle possibili conseguenze ho paura di perdere del tempo prezioso lasciando ancora il sistema nervoso sofferente.
Ancora grazie per la sua dedizione!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il reperto di sofferenza ipossica cronica non è raro a riscontrarsi in soggetti dell'età di Suo padre, rappresenta una condizione che può restare invariata come può evolvere verso un peggioramento, nella maggioranza dei casi resta invariata, c'è però la possibilità d'insorgenza di nuove ischemie. Sono state inoltre riscontrate vecchie ischemie ed una lieve atrofia cerebrale.
Tre giorni di assunzione di aspirina generalmente sono pochi per causare un'emorragia di questo tipo (possibile comunque), pertanto l'ipotesi più probabile è che il farmaco si sia comportato da fattore favorente una precedente condizione.
In attesa degli accertamenti programmati e della normalizzazione dei parametri alterati è sconsigliabile utilizzare farmaci di questo tipo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinite per la pronta risposta. Farò concludere l'iter diagnostico e riporterò qui i risultati ed eventuali dubbi.
Grazie ancora!!