Utente
Buongiorno dottori, vi scrivo perché è da un mese che sono parecchio agitato. Tutto è iniziato con un attacco di panico, il primo della mia vita, arrivato all'improvviso in una situazione abbastanza assurda. Ho passato la restante giornata intontito fino a quando sono crollato dal sonno sul divano.
Ecco, dalla mattina dopo ho iniziato a sentirmi una serie di acciacchi e fastidi che credevo sparissero col tempo dopo aver assimilato l'accaduto.
Invece non è sparito niente.
Mi sento perennemente stanco, con alcuni tipi di luce ho la vista appannata, faccio spesso eruttazioni, mi sento il cuore uscire dal petto e, soprattutto, sento alle gambe, in particolare sul gluteo e dietro la coscia sinistra, una specie di prurito come se mi stessero facendo l'elettrostimolatore. Prurito che, da sdraiato, scende fino alle dita dei piedi. Ed ho le gambe pesantissime che a volte faccio fatica a trascinare.
Il mio medico curante mi ha detto che l'attacco di panico è stato l'epilogo ad un anno molto difficile, iniziato con la scomparsa di una mia cara amica morta di tumore al fegato a 26 anni, a cui si sono aggiunti ritmi di lavoro frenetici, i lavori di ristrutturazione in casa e l'alopecia areata alla barba e che tutti i sintomi che ho sono soltanto la conseguenza dello spavento.
Per tranquillizzarmi mi ha fatto fare le analisi del sangue i cui risultati sono perfetti.
Ammetto però di continuare a non essere sereno.
Ho provato a fare sport per non pensarci, ma mi sentivo le gambe ancora più pesanti ed il pensiero c'era sempre e comunque.
Premetto di essere una persona di base ipocondriaca, ma che nel corso degli anni ha sempre goduto di ottima saluta. Questi fastidi mi hanno fatto entrare nel tunnel della cybercondria. Ho passato l'ultimo mese a cercare su internet qualsiasi tipo di malattia. Lo so, è sbagliatissimo, ma dopo aver creduto di averle tutte, adesso mi sono fissato con la sclerosi multipla.
Che cosa mi consigliate di fare, anche perché così, sinceramente, non posso andare avanti.
Grazie mille e buona giornata.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare che la sintomatologia descritta possa essere assimilata ad un disturbo d'ansia, almeno la maggioranza dei sintomi riferiti.
Potrebbe fare preliminarmente una valutazione neurologica, risultando questa negativa dovrebbe affrontare il problema psichico rivolgendosi ad uno psichiatra o ad uno psicologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta e per la sua disponibilità.
Sinceramente era ciò che avevo pensato di fare ma, vivendo in un momento di paura perenne, credo di non essere pronto a ricevere qualsiasi tipo di esito. Compreso quello di non avere niente.
Un' ultimissima domanda: so che è impossibile fare una diagnosi a distanza e per di più davanti ad un monitor, ma crede davvero che non ci sia niente di più preoccupante?
Glielo chiedo perché una cosa che ho notato è che ho un bisogno continuo di rassicurazioni. Dentro di me, quel poco di parte razionale che ogni tanto mi ricorda di esserci, sono sicuro di non avere niente. Il problema è che sono io che non mi ricordo di averla!
Mi sembra strano che, se ci fosse qualcosa di grave, sia venuto fuori a causa di un attacco di panico. No?

Grazie mille ancora.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
<<ho un bisogno continuo di rassicurazioni>> già questa affermazione è molto indicativa di un disturbo ansioso.
Con i famosi limiti del consulto on line ritengo che non ci sia nulla di grave.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Salve dottore, scusi se rispondo solo adesso ma ho avuto problemi con la connessione. Intanto ho prenotato la visita neurologica per giovedì. I pruriti ci sono sempre quando sono sdraiato, in più mi sento la bocca amara e nonostante urini con regolarità, a volte devo correre in bagno.
Crede che abbia somatizzato la mia "convinzione" di avere la sclerosi multipla? Più che altro mi chiedo spesso: può un solo attacco di panico (avuto in circostanze alquanto surreali) scatenare una malattia del genere??
Grazie e scusi ancora il disturbo.

[#5] dopo  
Utente
Dimenticavo, di solito prima di pranzo e subito dopo cena mi capita spesso di fare 3/4 sbadigli quasi di fila e poi nessun'altro durante il giorno

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
<<può un solo attacco di panico scatenare una malattia del genere?>> infatti, per fortuna non è tra le cause della SM!
Stia tranquillo e mi faccia sapere l'esito della visita neurologica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno dottore.
Ieri sono stato a fare la visita neurologica. La dottoressa, capendo il mio stato d'ansia, mi ha fatto una visita molto accurata, tranquillizzandomi sul fatto di non avere assolutamente niente di grave, ma che come mi hanno detto un po' tutti, ho somatizzato la mia paura. Mi ha consigliato di fare una tac lombosacrale perché potrei avere dei problemi all'ernia del disco senza bisogno di rm ed elettromiografia.
Cosa mi consiglia di fare adesso??
Grazie mille per tutto.

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'esito negativo della visita neurologica dovrebbe tranquillizzarLa.
Per quanto riguarda lo studio della colonna lombare, tra TC e RM è preferibile quest'ultima.
Per il resto affronti il disturbo d'ansia rivolgendosi ad uno psicologo o ad uno psichiatra.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente
Ammetto di essere molto più tranquillo anche se i tutti i sintomi che le avevo scritto ci sono sempre, ma con minor frequenza.
Adesso dovrò cercare di risolvere il problema con una persona perché da solo non credo di riuscirci.
La ringrazio per la pazienza e per la gentilezza.

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buon fine settimana.
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
mi scusi se la disturbo ancora, ma continuo a non stare bene.
Dopo tutte le visite e tutte le rassicurazioni ammetto di essermi tranquillizzato molto.
Da qualche giorno però vedo all'occhio sinistro un puntino nero che si muove a seconda di dove guardo. Si può immaginare che tutti i "fantasmi" sono tornati. In più le gambe sono sempre più pesanti e al posto dei formicolii adesso ho come delle pulsazioni, specialmente ai polpacci e al bicipite destro quando sono sdraiato e metto il braccio a 90 gradi.
Anche questo fa parte della somatizzazione post attacco di panico??
Scusi ancora e buona giornata

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I sintomi riferiti sono compatibili con un disturbo d'ansia, ha affrontato questo problema?
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
Se intende con uno psicologo, ho la prima seduta la settimana prossima.
Una domanda: è soltanto la psicoterapia l'unico modo per venirne fuori??
Grazie ancora per la sua gentilezza

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Oltre la psicoterapia esiste anche la farmacoterapia.
Se ha già l'appuntamento con lo psicologo inizi tranquillamente la terapia.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
giovedì ho avuto la mia prima seduta. La psicoterapeuta per il momento non mi ha somministrato nessun farmaco perché dice che posso superare le mie paure senza bisogno di "aiuti".
Volevo chiederle una cosa: le avevo scritto che mi sentivo come delle pulsazioni al bicipite destro quando ero sdraiato, adesso le pulsazioni sono finite ma mi è preso un fastidio all'articolazione della spalla. E' come se avessi una fascia strettissima.
E' sempre tutto normale??
Grazie mille per la sua gentilezza.

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se sia ''tutto normale'' non è possibile stabilirlo a distanza, vediamo come evolve il sintomo e poi si deciderà come procedere.
Continui la psicoterapia iniziata. Per quanto riguarda i farmaci, se la psicoterapeuta non è medico non può prescriverli.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro