x

x

Consulto neurologico

Salve, sono un ragazzo di 20 anni e so già che per risposte più concrete e specializzate dovrò sottopormi ad una visita e non di certo chiedere a voi su internet. però volevo comunque un parere.
Sono un ragazzo molto ansioso e questo dovrà cambiare nella mia vita però ho passato e sto passando tutt'ora un periodo di fortissimo stress.
Già ho chiesto dei consulti per altre motivi la quale risposta sia dal mio medico che qua su internet si sono rilevati ANSIA.
Veniamo al dunque.
Se inizio a toccarmi il mio cranio sento che nella parte posteriore destra ho un osso che fuoriesce che si nota più della parte destra, cosa che il mio dottore mi ha spiegato essere così di natura non di certo una malattia o ancor peggio un tumore. Però io continuo a toccarmi e a sfiorare questa parte che adesso è diventata più sensibile. Ma per fortuna non ho nessun mal di testa e se viene ogni tanto è molto leggero e va via subito.
Però forse dovuto dall'ansia se mi metto a pensare a queste cose inizio a notare un po di difficoltà, a mettere a fuoco le cose con la mia vista o noto anche che sbaglio e o "intrigo" un po le parole mentre parlo. Insomma mi sento poco lucido. Cose che accadono solo se ci penso. Quando penso ad altro ed ho la testa occupata da altri pensieri e non ci faccio caso non mi rendo conto di queste cose e inoltre le persone intorno a me dicono che sbaglio alcune volte come accade più o meno a tutti.
Quindi può essere che tutto questo sia dovuto alla paura che ho di queste malattie?
Scusate se la domanda sembra banale ma le risposte di persone competenti mi aiutano ad essere più tranquillo.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71,1k 2,2k 23
Gentile Utente,

alla Sua giovanissima età questi sintomi sono generalmente di origine ansiosa, non si faccia prendere da paure e preoccupazioni.
Piuttosto mi sembra fondamentale affrontare il problema e non lasciarlo sedimentare, poi diventa più difficile affrontarlo, pertanto contatti uno psicologo ed inizi un percorso di lavoro che possa portarLa fuori da questa situazione.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta dottore. Credo che seguirò quanto lei ha detto però voglio porvi un'altra domanda.
Oggi mi è capitata un'altra cosa strana, forse mi è successa perché ho letto alcuni sintomi su internet e automaticamente li auto-interpreto nel mio corpo, ma avendo avuto qualche brivido, sicuramente dovuto alla temperatura che è scesa di qualche grado rispetto ai giorni precedenti, durante questi brividi la parte della testa che le ho indicato nel precedente messaggio mi si è intorpidita, insomma come se sentissi i brividi in quella zona. Come le avevo già scritto nei giorni precedenti e forse anche oggi mi sono strusciato in continuo, come se fosse una specie di "tic". So già di aver sbagliato ma volevo sapere se anche questo formicolio può dipendere dall'ansia e da questa mia paura. Ripeto che cercherò di seguire il consiglio da lei indicato e la ringrazio per la pazienza.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71,1k 2,2k 23
Gentile Utente,

il sintomo descritto, soprattutto se di breve durata, può essere di origine ansiosa.
Non darei particolare importanza.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie delle risposte rapire che mi ha dato ed ho l'ultime domande da porle.
Ritorno al fatto delle orecchie che "fischiano", diciamo che ultimamente mi fischiano almeno 2 o 3 volte al giorno quando prima non succedeva quasi mai.
E inoltre le ho spiegato che quando penso a queste paure, ovvero la maggior parte della giornata, mi sembra di avere difficoltà alla vista, non vedo annebbiato o cose così, ma mi sforzo di più a mettere a fuoco e questo mi provoca un leggere fastidio o mal di testa sopra agli occhi. Inoltre soffro di sonnolenza ma può essere che conduco uno stile di vita non adatto e quindi dormo forse troppo, vado a letto tardi e mi sveglio tardi la mattina, Scusi ancora una volta e grazie.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Scusi se le scrivo di nuovo ma volevo sapere se può rispondermi al messaggio precedente al quale aggiungo che in questi giorni ho molta più sete del solito, io ho allegato la cosa al piccolo alzamento di temperatura però volevo sapere se si può allegare alle cose che le ho scritto precedentemente. Grazie.
[#6]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71,1k 2,2k 23
Senza una valutazione diretta non è possibile dare un parere attendibile, come Le dicevo, i sintomi descritti sembrerebbero di origine ansiosa. L'aumento della sete potrebbe essere dovuto all'aumento della temperatura ambientale.

Cordialmente