Utente 387XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 27 anni e da qualche mese non sto bene.
I miei sintomi sono: testa pesante, giramenti di testa ma non quelli in cui la stanza gira o gli oggetti si muovono, è più una sensazione soggettiva di testa confusa, di mente non completamente lucida e spesso ho la sensazione di mancamento, come se stessi per svenire, ma anche in questo caso non lo svenimento da calo di pressione con gambe molli e debolezza…mi prende all'improvviso una sensazione strana, che mi blocca qualsiasi cosa io stia facendo, che faccio fatica anche a descrivere, come se dovessi svenire da un momento all'altro.
Mi sento come lontana dalla realtà e dalla situazione in cui sono.
Ho fatto diversi esami in questi mesi: visita cardiologica ed elettrocardiogramma, visita dall'otorino, visita dal gastroenterologo, dalle quali non è risultato nulla; visita neurologica e successiva risonanza magnetica senza mezzo di contrasto, perché il medico sospettava una sindrome cervicale. Riporto l'esito della risonanza:
R.M. ENCEFALO
Esame eseguito con sequenza S.E. pesata in T1, T2 e con sequenza FLAIR mediante sequenze sagittali, assiali e coronali dello spessore di 5mm.
In fossa cranica posteriore il IV ventricolo è mediano, di dimensioni normali, non si documentano delle alterazioni focali a carico del tronco encefalo e del cervelletto. Normale il pacchetto acustico facciale. In sede sovratentoriale il sistema ventricolare è in asse e di dimensioni normali. Non si documentano delle alterazioni focali a carico delle strutture sovratentoriali.
R.M. CERVICALE
Esame eseguito con tecnica S.E. pesata in T1 e T2 mediante acquisizioni assiali e sagittali con spessore di 3mm.
Normale allineamento dei metameri vertebrali con diametro antero-posteriore del canale rachide nei limiti di norma con aspetto rettilineizzato della fisiologica lordosi cervicale. A livello C5-C6 si riconosce una piccola ernia discale mediana con lieve impronta anteriore mediana sul sacco durale. Ai livelli esaminati non significative impronte estrinseche sul sacco durale. Normale il midollo spinale.
Non ho ancora avuto occasione di sottoporre l'esito al neurologo, anche se mi sembra di capire che a parte la piccola ernia sia tutto a posto.
Ho fatto esami del sangue e tutti i valori sono nella norma. Avevo sangue occulto nelle feci e ho già fatto una colonscopia risultata negativa. A questo punto non so più cosa pensare e a cosa attribuire questi disturbi che continuano ad esserci.
Spero in un vostro consiglio e aiuto.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita, escluse cause organiche come sembra dal contenuto del post, potrebbe essere di tipo psicosomatico.
Dalle RM effettuate si riscontra soltanto la piccola ernia cervicale che non giustificherebbe gran parte dei sintomi.
Faccia vedere l'esame al neurologo che oltre ad un "orientamento cervicale" non Le ha dato altre indicazioni?

Buon ferragosto
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 387XXX

Buonasera Dottore e buon Ferragosto anche a lei.
Grazie mille per la sua risposta. Il neurologo, dopo la visita, ha ipotizzato una sindrome cervicale e non mi ha dato nessuna indicazione, se non quella di fare la risonanza (preciso che ha aggiunto la parte relativa all'angolo ponto cerebellare, dopo che io gli ho detto che, secondo il gastroenterologo che mi aveva visitata, era un problema dell'orecchio interno). Fosse stato per il neurologo, mi avrebbe fatto fare solo quella cervicale. Nonho con me il risultato della visita, ma era tutto negativo... Il romberg, la marcia a stella non era deviata... E purtroppo non ricordo tutto il resto del referto, ma nulla di anomalo. Dovrò tornare da lui con l'esito della risonanza e di tutti gli altri esami. Con tutti i limiti dati dalla distanza, lei cosa ne pensa?!
Grazie mille!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con visita neurologica e RM negative, anche in base alla sintomatologia riferita, non escluderei un fattore ansioso all'origine del problema.
Vediamo però cosa Le dirà il neurologo dopo avere visionato le immagini della RM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 387XXX

Ma lei pensa che con la RM negativa, posso stare tranquilla?!
Se ci fosse stato qualche problema, si sarebbe visto?!

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con RM negativa possiamo escludere molte malattie neurologiche che potrebbero causare la sintomatologia che riferisce.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 387XXX

Quali escluderebbe dottore?! Io le ho pensate tutte... SM, tumori, emorragie, aneurismi... Ho letto di tutto e sono terrorizzata! Con la RM negativa, pensa si possano escludere?! Preciso che io non sono mai svenuta, non ho mai avuto difficoltà a parlare, a seguire i discorsi ecc ecc... Sono proprio sensazioni che non si concretizzano in niente! Pensa che siano necessari altri esami?!
Grazie mille!

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le patologie che menziona possono essere escluse con RM encefalica negativa, stia tranquilla.

<<Preciso che io non sono mai svenuta, non ho mai avuto difficoltà a parlare, a seguire i discorsi ecc ecc..Sono proprio sensazioni che non si concretizzano in niente>> proprio questo tipo di sintomatologia orienterebbe teoricamente verso il versante psichico del problema.

Cordialità

Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 387XXX

Il suo "teoricamente", a cosa è dovuto?! Quali altre cause ritiene possibili?! E se fosse un problema di natura psichica, cosa potrei fare per risolverlo?!
Grazie!

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

significa che i sintomi ci stanno con la natura psichica del problema ma on line non è possibile fare diagnosi. Cosa fare? In questo caso dovrebbe rivolgersi ad uno psicologo o ad uno psichiatra ma prima senta cosa Le dirà il neurologo che ha l'indubbio vantaggio di averla visitata e di avere visionato la RM.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 387XXX

Buongiorno dottore,
riprendo il consulto perché ieri sono stata dal neurologo.
Ha guardato la mia risonanza e mi ha detto che è assolutamente pulita a livello cerebrale e che non c'è assolutamente nulla. Al contrario, mi ha detto che ho una cervicale bruttissima e che alla mia età è strano che io abbia già un'ernia. Ha detto che secondo lui la mia sintomatologia dipende totalmente dalla cervicale, con forse un percentuale di causa psicosomatica. Per una maggiore completezza mi ha consigliato di fare un elettroencefalogramma, che secondo lui sarà negativo, ma che esclude altre cause come ad esempio lievi forme di epilessia o altre patologie curabili con pastiglie per 6 mesi. Lei sa dirmi se è possibile che siano lievi crisi epilettiche o quali sono le patologie curabili con trattamenti di 6 mesi, a cui si riferiva il neurologo?
Nel mentre mi ha fatto prenotare una visita fisiatrica per iniziare un trattamento per la mia cervicale, dalla quale lui pensa dipenda il tutto.
Lei cosa ne pensa?
Devo fare l'elettroencefalogramma? Sono mesi che faccio esami e non risulta mai niente!
Grazie mille e buona giornata.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per mia forma mentis quando viene prescritto un esame diagnostico o una terapia, va fatto, pertanto se Le è stato richiesto un EEG il mio consiglio è di effettuarlo.
Comunque è poco probabile la natura epilettica del disturbo.
Il collega probabilmente non vuole avere il minimo dubbio.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 387XXX

Gentile dottore buongiorno,
grazie per le sue risposte e per la sua disponibilità. Seguirò il suo consiglio ed effettuerò l'esame, ma le chiedo a questo punto, dopo aver riportato l'esito della risonanza e dell'ennesimo controllo neurologico, un suo parere su questa cosa. Da cosa possono dipendere questi sintomi, che ormai ho da mesi?
I giramenti di testa mi durano anche tutto il giorno, a volte mi sveglio la mattina che sto bene e dopo un paio d'ore, così da nulla, inizia questo stato di ovattamento e poca lucidità. Poi magari torno a casa e sto di nuovo bene e la sera, sempre all'improvviso, tornano. Possibile che sintomi dati da ansia o da somatizzazione durino tutto il giorno, tutti i giorni? A volte mi sembra che dipendano da ciò che mangio o bevo, ma la maggior parte delle volte mi sembra che non dipendano da niente. A volte mi sembra che si accentuino dopo episodi di forte nervosismo, come ad esempio una discussione, ma li ho sempre e comunque anche se non ho liti o discussioni. Ormai è il mio pensiero fisso… vivo nella paura di queste brutte sensazioni. Mi sveglio al mattino già con una sensazione di preoccupazione addosso e anche nei momenti in cui mi sento bene il mio pensiero fisso è "tra quanto starò di nuovo male?".
Non so più cosa fare. Lei ha altri esami da consigliare a parte l'EEG?
Grazie mille e buona giornata.

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

<<Ormai è il mio pensiero fisso… vivo nella paura di queste brutte sensazioni. Mi sveglio al mattino già con una sensazione di preoccupazione addosso e anche nei momenti in cui mi sento bene il mio pensiero fisso è "tra quanto starò di nuovo male?">> questo purtroppo è negativo ed alimenta, accentuandolo, il disturbo. Ha pensato ad un percorso di tipo psicologico?
Dr. Antonio Ferraloro