Utente 368XXX
Buon giorno,
ho 25 anni ed è da 1 anno che ho mal di testa ogni giorno. Il mio mal di testa è nato in concomitanza con il nascere di dolori cervicali e di allergia che mi costringeva a soffiarmi il naso ogni minuto.
Tutt ora mi ritrovo con il collo che mi scricchiola quando lo piego a destra e a sinistra e un ipertrofia dei turbinati che nonostante mi fossi operato non va via, e mal di testa ogni giorno.
Il mal di testa mi parte dal collo e si concetra sul sopracciglio prendendomi l'occhio, si focalizza sempre a destra o sinistra. e mi prende sempre un lato della testa.
Tutto è nato un anno fa quando dal niente mi è venuta una forte allergia che mi provocava fuoriuscita continua di muco bianco dal naso e continui starnuti, e inoltre sempre parallelamente dolore alla cervicale, il tutto mi portava appunto ai mal di testa.
Tutti questi sintomi che ho tutt'ora col tempo sono andati ad aumentare e mi ritrovo con una forte cervicalgia e naso che cola costantemente e un ipertrofia dei turbinati, infatti ho sempre una narice chiusa e l'altra libera e queste si alternano nel corso della giornata.
Nel corso di quest'anno ho fatte le seguenti cure tutte inutili, massaggi da osteopati e fisioterapisti totalmente inutili, operato dall'otorino col laser per l'ipertrofia dei turbinati e non è cambiato niente, gia dopo 4/5 giorni avevo la narice chiusa.
Ho fatto dei test di intolleranze che però non so l'affidabilità, e mi hanno trovato moltissime intolleranze. Non è cambiato quasi niente neanche eliminando i cibi incriminati (latticini,uova,glutine) anche se sono sicuro che il cibo centra molto, sopratutto con la mia allergia che ho potuto notare non dipende dalla polvere/graminacee come mi avevano detto ma da quello che mangio.
Ho potuto notare anche che è un fattore di tensione/ansia/stress in parte perchè fatalità quando ci sono avvenimenti importanti il mal di testa mi aumenta di molto.
E inoltre penso che centri anche come sto moralmente, avendo problemi a casa e in famiglia.
Volevo chiedere gentilmente a chi potrei rivolgermi e cosa potrei fare. perchè sono abbastanza disperato, non riuscendo a trovare la causa che mi ha scatenato tutto questo.
La ringrazio molto, e scusi il disturbo.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in caso di cefalea il primo specialista di riferimento è il neurologo che mi pare Lei non abbia ancora consultato. Non menziona nemmeno un'indagine a livello cervicale per studiare questo tratto della colonna vertebrale per cercare un eventuale legame con la cefalea.
Pertanto effettui prima una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee, poi sarà il neurologo ad indicare come procedere (terapia, indagini strumentali o invio ad altro specialista).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 368XXX

ok grazie, non sono ancora andato da un neurologo appunto perchè questo mal di testa mi viene per altre cause come i dolori cervicali, il naso che sempre chiuso con ipertrofia. A breve prenderò appuntamento.
Ma Lei cosa dice del fatto che sono stato operato per ipertrofia dei turbinati e non è cambiato niente, gia dopo 3 giorni avevo una narice sempre chiusa.
E che con molti massaggi alla cervicale non è migliorato niente?
Io sono convinto che naso e cervicale e quindi mal di testa siano tutti legati, però non riesco a capire cosa me lo provoca.
Grazie per la risposta, molto gentile, le farò sapere cosa dirà il neurologo

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la domanda sull'ipertofia dei turbinati deve farla all'otorino che l'ha operata, su questo sito può però chiedere un parere nella sezione "Otorinolaringoiatria".
Come neurologo Le posso dire che una cefalea è prioritariamente di competenza neurologica, poi sarà il neurologo che, inquadrandola, potrebbe inviarla presso altro specialista, se ritenuto opportuno in base ai riscontri della visita.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro