Utente
Buongiorno,
Sono una ragazza di 19 anni, e dal mese di giugno convivo con un terrore che non mi fa chiudere occhio. Sono estremamente ipocondriaca, vivo da sola per cui questo si accentua, sono finita al pronto soccorso più volte per paura di innumerevoli patologie durante l'anno, ma l'unica che non sono riuscita a mettere da parte è questa. È iniziato tutto con degli acufeni (che perdurano tutt'ora) e con una modificazione della sensibilità nella faccia mediale del secondo dito del piede sinistro, poi con delle vertigini che mi hanno portato ad effettuare diversi esami:
Per tre volte l'esame audiometrico tonale, sempre con esito di normoacusia bilaterale;
Esame impedenzometrico con esito negativo;
Esame otovestibolare con il seguente esito:
Nei limiti le membrane timpaniche
Nei limiti Romberg
Marcia nei limiti con qualche incertezza ad occhi chiusi
Assenza di nistagmo spontaneo e indotto
Posizione e posizionamento nei limiti
Stimolazione termica con morfologia regolare e V.S.T. Diminuito (credo ci sia scritto) sia a destra che a sinistra
In sintesi è risultato nei limiti di norma. L'esame negativo mi ha tranquillizzato per l'estate, quando sono tornata a casa. A settembre sono tornata all'università, e cominciando di nuovo a studiare per gli esami si ripresentano nuovi sintomi il 27 ottobre:
formicolio alluce, dura 3 giorni e poi smette per 5 giorni, inizia dolore al nervo sciatico pulsante sia a destra sia a sinistra, per 2 giorni, smette per 2 giorni e comincia formicolio zigomo sinistro episodico (dura 5 minuti e scompare per ore) per 3 giorni e poi smette tutto per 8 giorni quando riprende il formicolio allo zigomo sempre episodico che dura un giorno, poi tregua per 10 giorni, in cui ho sintomi sparsi e vari come insensibilità mignolo mano sinistra, bruciore e formicolio ginocchio e coscia destra, tutti che durano per 2-3 ore e passano. Infine formicolio labbro superiors Destro che dura un giorno e mezzo e scompare del tutto. Per 15 giorni ho tregua da tutti i sintomi quando stamattina comincia una vibrazione interna nella coscia e natica di destra..... Ho il terrore di avere questa malattia, farò una visita neurologica appena tornerò a casa, quante probabilità ci sono che sia effettivamente sclerosi multipla?

Aggiungo che nessuno dei formicolii portava intorpidimento, erano superficiali ma la sensibilità era perfetta, e nessuno di essi tra continuo, duravano qualche secondo o un minuto, poi smettevano e ricominciavano dopo intervalli variabili di tempo. (Da qualche minuto a qualche ora)

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dal Suo racconto mi sembra improbabile l'ipotesi SM, faccia però la visita neurologica in quanto a distanza non è possibile dare certezze.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buonasera dottore,
La ringrazio per la sua risposta. Non ho ancora effettuato la visita neurologica, però questo pomeriggio mi sono accorta di un nuovo sintomo che mi ha allarmato parecchio. Mentre usavo il cellulare mi sono resa conto che la luminosità della stanza "sfarfalleggiava" in maniera molto veloce, per 3-4 secondi per poi smettere. Nonappena me ne sono resa conto è come se questo sintomo fosse diventato più evidente, e sono stata presa da un attacco d'ansia con forte tachicardia, palpitazioni e iperventilazione. Ho veramente tanta paura e non so più cosa fare, i miei genitori non mi prendono sul serio ascrivendo tutto alla mia ipocondria .

[#3] dopo  
Utente
Dottore mi scusi, non riesco a cancellare il mio commento, tutto risolto, era un problema della lampadina, avvertito anche da mia sorella per cui non soggettivo. Mi scusi

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tranquilla, non si preoccupi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
Ho appena effettuato la visita dal neurologo, gli ho descritto i miei sintomi e ha immediatamente negato che si potessero riferire ad una sclerosi multipla in quanto intermittenti, circoscritti ad aree troppo piccole perche potessero essere indicativi di una lesione, e perché a 19 anni avrei dovuto piuttosto presentare una neurite ottica o perdità di focalità, emiparesi, quindi ha escluso che i miei sintomi potessero ascriversi ad una patologia demielinizzante.

Però data la mia insistenza ha comunque deciso di effettuare la "visita", che è durata all'incirca 5 minuti, nei quali ha testato il riflesso di accomodazione, la percezione degli arti nello spazio ad occhi chiusi, il test di romberg, la la prova di toccare la punta del naso ad occhi chiusi, mi ha fatto stringere le sue dita per controllare che non ci fosse perdita del tono muscolare. Non ha testato nessun riflesso, superficiale o profondo, non ha testato il riflesso pupillare alla luce, nè la funzionalità dei nervi cranici, nè la sensibilità cutanea, grossolana od epicritica.
Dopo le prove di equilibrio ha semplicemente detto che non avevo nulla dicendo che la sclerosi multipla è molto gettonata tra gli studenti del secondo anno di medicina quando iniziano a studiare neuroanatomia.

Io ovviamente non ho nessuna qualifica per giudicare il lavoro del neurologo ma credo che sia stato troppo superficiale. Devo fidarmi del suo parere o approfondire?

Mi scusi sempre per il disturbo e grazie

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

personalmente faccio sempre una visita neurologica completa anche quando sono convinto dell'esito negativo (problematiche di tipo psicosomatico per es.).

Anche a distanza, per quanto possa valere un parere di questo tipo, ho avuto la stessa impressione pure io, infatti nella prima replica ho scritto <<dal Suo racconto mi sembra improbabile l'ipotesi SM, faccia però la visita neurologica in quanto a distanza non è possibile dare certezze.>>

Veda come evolve la sintomatologia ed eventualmente senta un secondo parere.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,
Allora dovrei rivolgermi privatamente ad un neurologo perché i miei genitori non vogliono più saperne di visite mediche... A proposito oggi è comparsa una sorta di fascicolazione nella zona dello zigomo di destra.
Una domanda: perché dai miei sintomi è improbabile una diagnosi di SM? Il neurologo mi ha detto che i formicolii che ho avuto erano estesi ad aree troppo piccole (1,5 cm^2 al massimo la superficie dell'area interessata), io penso anche per il fatto che siano intermittenti, che passino così in fretta e che ci siano troppe aree colpite, lei cosa pensa?

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, le considerazioni che rendono poco probabile una SM sono proprio queste, quelle del collega e quelle aggiunte da Lei. Non trascurerei nemmeno l'insorgenza autunnale in concomitanza con l'inizio dello studio.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro