Utente 409XXX
Salve dottori. A ottobre dopo un forte senso di svenimento,difficolta respiratoria,pressione alta e vertigini fini al pronto soccorso. Fatto gli esami del sangue ed erano tutto a posto.Anche quelli cardiologici erano a posto e vengono escluse cause cardiologiche. Dopo quella notte iniziano anche le mie sofferenze che continuano anche adesso che vi sto scrivendo. I sintomi che avverto tremori tutto il corpo sopratutto gambe e braccia,formicoli,parestesie dita mano e piede sinistro che vanno e vengono,vertigini tutto il giorno,senso di sbadamento e testa vuota,astenia,tensione muscolare collo e rigidita,vibrazione palpebre,paura di svenire,paura di uscire dalla casa a causa di questi sintomi che ho citato,nausea,reflusso,difficolta a respirare,dolore torace,e molti altri che non ricordo bene ma che ogni giorno erano diversi.Ce poi da mesi che non riesco a dormire,ho ansia,difficolta a rilassarmi ecc. Decido di rivolgermi al neurologo per paura della SM.La visita al neurologo risulta negativa ma lui per essere piu assicurato mi consiglia di fare RM encefalo e una RX cervicale. Fatto la Rm encefalo e il referto e questo: Esame eseguito mediante sequenze FSE,GE e FLAIR,pesate in T1 e T2, e DWI acquisti nei tre piani della sede.Sono state eseguite anche le sequenze 3D TOF per lo studio del circolo di Willis. Non sono evidenti alterazioni dell intensita di segnale con caratteristiche di lesioni a carico cerebrale. Regolare le sede turcica,senza apprezzabili tumefazioni in sede ipofisaria. Caviti ventricolari di regolare ampiezza,in asse. Spazi subaracnoidei di regolare ampiezza sia in sede sotto che sovratentoriale. Non sono evidenti dilatazioni aneurismatiche a carico del circolo Willis evidenziate nella sequenza. Lievi dilatazione degli spazi di Virchow Robin. Da quel referto si possono escludere che i problemi citati sopra dipendono dalla testa e dal cervello? La dilatazione degli spazi di Virchow Robin e una cosa problematica per me che ho 26 anni e puo essere causa dei miei problemi? Vi devo dire che dalla RX cervicale e emerso la perdita della fisiologica lordosi cervicale. Il fisiastra pensa che le vertigini possono essere causate da questa e per questo ho iniziato a fare anche esercizi di streching con lui,mentre il neurologo pensa che vengono dall ansia. Sto prendendo xanax da 6 mesi 0.37mg al giorno. Secondo voi bastano questi accertamenti che ho fatto per escludere problematiche di natura neurologica ed e possibile che tutto questo malessere che mi accompagna dai 6 mesi sia da attribuire all ansia?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la "lieve dilatazione degli spazi di Virchow Robin" non è da considerare un reperto francamente patologico e non è la causa della sintomatologia riferita.
Anche da questa postazione l'impressione è quella dell'origine ansiosa dei disturbi descritti ma soltanto con lo xanax (è sicuro del dosaggio e del nome del farmaco?) peraltro assunto da diversi mesi (quindi adesso con scarsa efficacia terapeutica) non risolverà il problema. Nel Suo caso è indicata una terapia diversa dal solo ansiolitico, si rivolga ad uno psichiatra per una rivalutazione terapeutica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 409XXX

Le ringrazio per la risposta dottore. Allora volevo chiarire che all inizio ho preso 1mg di xanax al giorno. Ora sto scalando e sto al 0.37 al giorno.Devo dire che molti dei sintomi sono ridotti ma non del tutti e continuo per esempio ad avere ancora delle vertigini certo non così forti come all inizio,dolori al petto,e leggerezza nelle dita del mano e piede che vanno e vengono. Volevo chiederle siccome non voglio cadere nella trappola degli antidepresivi e possibile che i sintomi vanno via piano piano anche solo con xanax? Ho letto che la dilatazione degli spazi Virchow Robin non ha un andamento evolutivo nel tempo.E vero oppure devo essere attento a cose che possano influenzare nel suo ampliamento in futuro? E anche un ultima domanda, spesso sento come una leggerezza che non so come spiegare delle dita delle mani e anche della piede sinistra,che vanno e vengono per alcuni momenti.Questi sintomi con carateristiche non tipiche si possono attribuire all ansia.non so come spiegare la sensazione che percepisco ma mi sembrano le dita così leggeri e non e tipica una forma di parestesia,ma come se le dita non fossero miei.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

<<non voglio cadere nella trappola degli antidepresivi>> perchè sarebbe una trappola?

Riguardo la sintomatologia in atto, l'ipotesi maggiormente accreditata, almeno da questa postazione, sembrerebbe quella dell'astinenza, compresa la sensazione alle dita della mano, non potendosi escludere per quest'ultimo sintomo l'origine cervicale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 409XXX

Le ringrazio dottore. E per quanto riguarda questi spazi Virchow Robin ce qualcosa per cui devo avere attenzione al futuro? Poi vorrei scrivere anche per un altro problema per cui chiedo un suo opinione. Da dicembre dopo un mese di fisioterapia per problemi con la perdita di lordosi cervicale(ho citato anche sopra) ho ogni giorno dolori al petto. I dolori sono in generale non forti ma continuano tutto il giorno. In generale sento dolori allo sterno,e nella parte alta del torace. I dolori si spostano anche nella sede sinistra vicino al cuore,qualche volto sono delle fitte,e altre volte dolore continuo. I alcuni casi quando i dolori sono più forti mi prende il panico e ho anche une senso di nausea. Per farli passare devo sdraiarmi per alleviare i sintomi,oppure devo mettere una borsa di acqua calda al petto per attenuare il dolore. Ho fatto vari accertamenti cardiologici ekg,eco cuore (rilevato solo un minimo rigurgito tricuspidale)e prova da sforzo entrambe negative. Devo dire che soffro di reflusso ma secondo i gastroenterologo questi dolori non sono causati dal reflusso perché ho preso una cura per 4 mesi con omeprazolo ma il dolore non scompare. cioe vengono escluse anche cause come reflusso e un lieve esofagite trovato dalla gastroscopia. Questi dolori mi stanno rovinando la vita perché durano tutto il giorno e ogni volte che sono forti mi prende il panico e comincio a sudare e ho nausea. Devo dire che qualche volta prendo ibuprofen o miorilassanti che allevia i sintomi per un po ma non posso stare tutto il tempo usando questo farmaco. Secondo voi possono essere escluse le case cardiologiche dei miei problemi siccome ho 26 anni,non fumo e neanche bevo.Sono dolori difficile da descrivere esattamente per cambiano di intensità e sono diffusi al centro e parte sinistra del torace.Nessuno sa darmi una risposta. Il cardiologo,i gastroenteralogo,e reumatologo escludono cause che appartengono a loro campo. Secondo lei questi dolori possono essere causati dalla perdita della fisiologica della lordosi cervicale oppure da ansia?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mantenga nella norma i valori della pressione arteriosa e stia tranquillo.

Riguardo i dolori che riferisce, cause cardiologiche sono state escluse dagli esami effettuati e dal cardiologo.
Cause cervicali? Mi sembra poco probabile, possibile invece una causa ansiosa, una somatizzazione.
Ovviamente queste sono solo ipotesi a distanza senza nessun valore diagnostico.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 409XXX

Le ringrazino tantissimo.E per quanto riguarda questo lieve dilatazione degli spazi Virchow Robin ce qualcosa per cui devo avere attenzione al futuro?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

già risposto, mantenere nella norma i valori della pressione arteriosa, in ogni caso la lieve dilatazione non è un segno preoccupante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro