Utente 484XXX
Buongiorno a tutti,
vorrei un parere su un sintomo strano che sto sperimentando da alcune settimane.
Sono maschio, 25 anni, storia familiare negativa per malattie importante, e anamnesi patologica remota negativa fatta eccezione per asma bronchiale e poli allergie, oltre a una personalità abbastanza ansiosa.
Come dicevo, da alcune settimane avverto contrazioni muscolari ritmiche e involontarie nella porzione posteriore (indicativamente tricipitale) del braccio sinistro. Queste si verificano solo quando l'arto è a riposo, scomparendo col movimento volontario.
Andando a guardare il braccio durante queste sensazioni, ho notato piccole scosse ritmiche che contraggono il muscolo ben visibili.
Ragionandoci su, mi sono ricordato di avere avuto episodi di dolore tipo scossa elettrica molto intenso sempre nello stesso braccio, che dalla spalla si irradia sia verso il braccio che verso il collo, della durata di pochi secondi ma molto forte. Non ricordo precisamente da quanto si è verificato questo dolore, ma indicativamente almeno un anno.
All'inizio ho attribuito tutto a un disturbo di origine posturale (studio molte ore al giorno, piegato e appoggiato spesso su quel braccio). Mi sono auto somministrato (si, studio medicina ahimè) un esame neurologico di base (valutando forza muscolare, sensibilità, riflessi e coordinazione) risultato negativo, fatta eccezione per un pò di tremore posizionale sempre allo stesso braccio durante il mingazzini, che però ho attribuito a una sorta di autosuggestione non essendo sempre presente.
Potrebbe essere importante sottolineare che avverto questo disturbo sempre e soltanto nella stessa zona, non tende a migrare e tende a rimanere costante come manifestazioni.
Le mie domande sono: devo preoccuparmi di questa cosa? Dovrei consultare uno specialista neurologo per una visita? A cosa può essere dovuto questo disturbo? Può essere come pensavo inizialmente legato a una "posizione errata" che tengo nello studio o durante il sonno (ho notato di dormire spesso con lo stesso braccio sotto la testa)?

Grazie mille a chiunque risponderà!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Collega,

verosimilmente siamo in presenza di una condizione di ipereccitabilità neuromuscolare.
A volte, come causa, tale condizione può riconoscere una discopatia, uno squilibrio elettrolitico, sforzi muscolari, ecc.
Ma non sono rari i casi in cui non si riesce ad identificare una causa nota.

"mi sono ricordato di avere avuto episodi di dolore tipo scossa elettrica molto intenso sempre nello stesso braccio, che dalla spalla si irradia sia verso il braccio che verso il collo, della durata di pochi secondi ma molto forte", in base a quest'ultimo elemento suggerirei di indagare la colonna cervicale, utile anche il dosaggio degli elettroliti nel sangue ( Na, K, Ca e Mg).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 484XXX

Gentile Dr. Ferraloro,
La ringrazio innanzitutto per la risposta.
Anche io ho pensato a una qualche forma di ipereccitabilità nervosa, abbastanza caratteristico anche il dolore irradiato lungo la radice nervosa.
Effettuerò al più presto gli esami da Lei consigliati, e La aggiornerò sui nuovi sviluppi.
Volevo chiederLe, sapendo di risultare ipocondriaco ed esagerato, se queste manifestazioni possano essere legate a una qualche malattia sistemica in fase iniziale (es. sclerosi multipla, sla, etc) o sia più da ascriversi a un fatto locale (irritazione della radice nervosa per discopatie, posizioni o sforzi muscolari etc)?
So che la domanda è posta in modo errato ed è difficile dare una risposta sulla base di una semplice descrizione online, ma un suo parere ed un eventuale rassicurazione sarebbero molto importanti per me.

La ringrazio ancora!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Collega,

con tutti i limiti di un consulto a distanza, quindi senza una valutazione clinica diretta che sa essere fondamentale, sembrerebbe un problema locale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro