Utente 499XXX
Buonasera dottore,
sono un uomo di 75 anni ho fatto delle coronarografie con stend e angioplastica ho effettuato l'esame SPECT CEREBRALE RECETTORIALE (DAT SCAN) consigliato dal mio neurologo poiché è da circa un anno e mezzo che presento i seguenti sintomi: testa pesante ,sensazione "come se camminassi sulle nuvole", tipo vertigini o giramenti di testa, lentezza nel camminare e quando mi abbasso in avanti perdo l'equilibrio e cado.
Di seguito le riporto l'esito dell'esame:
Si rileva bilateralmente una riduzione della fissazione del radiofarmaco negli striati, di entità più grave nello striato destro con un putamen più deficitario rispetto al caudato.
Il rapporto di captazione putamen/caudato è risultato ( valori normali > 0,60 )
striato destro = 0,13
striato sinistro = 0,87
Conclusioni:
"Deplezione bilaterale delle terminazioni dopaminergiche striatali a carattere asimmetrico ( deplezione più grave nello striato destro soprattutto nel putamen. )
il pattem scintigrafico descritto è compatibile con una sindrome extrapiramidale di natura neurodegenerativa ( PD ?)
Vorrei gentilmente un suo parere a riguardo e se esiste una cura efficace per almeno diminuire i suddetti sintomi e quali controindicazioni può provocare .
La ringrazio gentilmente e spero tanto in una sua risposta.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'esito dell'esame è compatibile con una sindrome extrapiramidale che va inquadrata clinicamente per una diagnosi corretta.
Solo dopo la diagnosi è possibile instaurare un'adeguata terapia.
Esistono diversi farmaci in grado di ridurre la sintomatologia, questi li prescriverà il collega che La segue.
Riguardo la loro efficacia e i loro effetti collaterali, la risposta è estremamente individuale e riferita anche alla forma clinica specifica.
Il consiglio è di rivolgersi ad un centro per la cura dei disturbi del movimento.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro