Utente 509XXX
Salve, mi chiamo Alice e ho 20 anni, non scrivo questo consulto diretto per me, ma per mia madre.
Sono molto preoccupata specialmente in questo periodo, anche se lei non ha problemi di salute, ma dato che fin da giovane ha sempre avuto qualche incidente dove le è capitato di battere la testa, la mia preoccupazione è che negli anni questo le abbia portato a formarsi un'aneurisma cerebrale, nonostante le sono stati fatti esami ed è stata tenuta sotto osservazione. Ma il fatto che non le sia mai stata fatta una RMN o una TAC mi preoccupa molto, anche per il fatto che spesso lei dimentica le cose nonostante sia giovane e siano passati 20 anni e di più da alcuni traumi/incidenti, questa cosa mi preoccupa...
Potreste aiutarmi ad informarmi su come funzionano i traumi cranici e i danni che creano a distanza nel tempo?
Scusate la domanda, ma sono veramente ansiosa.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se la Mamma sta bene non vedo motivi di preoccupazione per eventi successi circa 20 anni fa. Mi sembra più che altro una Sua paura che ritengo immotivata.
Se la mamma stessa ha delle perplessità in tal senso potrebbe effettuare una RM encefalica ma senza nessuna preoccupazione, altrimenti si rassereni e non vada a pensare eventuali problematiche.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 509XXX

Grazie mille dottore per la risposta rassicurante, lo so, sono una persona ansiosa e con mille preoccupazioni soprattutto per i miei genitori. Lei non ritiene necessario effettuare una RM, però non capisco io come mai non gliene sia mai stata effettuata una a seguito di un incidente, ma abbiano preferito semplicemente tenerla sotto controllo in pronto soccorso. Quali sono le probabilità che dopo un trauma cranico si possa formare un'aneurisma o possa svilupparsi la sindrome di Alzheimer? Cercherò di non pensare a queste problematiche, è solo che a volte mi chiedo come funzioni, perché ho sentito spesso dire che i traumi cranici creano danni a distanza.

Cordiali Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza una RM encefalica non è possibile dare un parere.
Consideri che le malattie che Lei teme sono estremamente rare come esiti di traumi cranici. La cosa più importante e rassicurante è che la Mamma sta bene e non ha alcun problema.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 509XXX

Grazie mille dottore per avermi aiutato a capire un po' e per il tempo speso! Magari sono troppo ansiosa, ma le sue risposte sono rassicuranti in merito alla mia domanda quindi la ringrazio davvero per aver chiarito i miei dubbi,
Le auguro una buona giornata!

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 509XXX

Dottore, scusi se torno di nuovo, ma ho un dubbio che questa volta riguarda me. A maggio ho effettuato una TC cervicale ed encefalo perché soffrivo di dolori cervicali e mal di testa da mesi, era tutto negativo, ma qualcosa non mi è chiaro. "non grossolani espansi" significa che sono presenti espansi ma non enormi? Mi è venuto il dubbio perché ultimamente, avendo avuto il raffreddore e continuando a soffiare il naso, mi è capitato di sentire un dolore al centro della testa a sinistra, dove sempre per la cervicale ho sofferto di fitte a colpo di piccone per settimane... sempre nello stesso punto che si irradiavano anche al naso, secondo lei di cosa si tratta?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ciò che recita il referto significa che non ci sono masse rilevabili alla TC, l’esame è negativo.
Per quanto riguarda l’attuale sintomatologia è verosimile che si tratti di un problema di tensione muscolare in quanto si verifica quando si soffia il naso.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 509XXX

Grazie mille dottor. Ferraloro, effettivamente anche per quanto riguarda il collo, i muscoli sono sempre tesi, ma anche gli altri e non so come scioglierli un po'...
Buona serata!

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

può rivolgersi ad un fisiatra che Le consiglierà la terapia più adeguata al Suo caso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 509XXX

Dottore scusi di nuovo il disturbo, ma ho un'altra domanda da porle per quanto riguarda la mia mamma, abbiamo parlato dell'Alzheimer, ma per quanto riguarda invece lesioni cerebrali come gli aneurismi, invece che cosa potrebbe dirmi? So che ci vogliono esami specifici prescritti dal medico e che non può essere giustamente sostituito online, ma è per informazione in quanto sono sempre molto preoccupata per lei, per i precedenti traumi cranici che anche se risalgono a 35 anni fa, mi destano preoccupazioni molto forti. Il primo appunto risale a 35 anni fa, quando cadde dal motorino senza il casco, però era ferma, ma mi ha detto che quando è caduta ha avuto uno svenimento e vedeva tutto nero, alcune volte si sveglia ancora oggi con nausea e mal di testa, però passano subito dopo un antidolorifico. Gli altri traumi, non di gravissima entità risalgono appunto come le spiegavo a 20 anni fa e mi chiedevo se è possibile che magari ci sia una lesione (aneurisma) che non è stata diagnosticata. E' la mia paura più grande, perchè riconosco che questa patologia possa di fatto dipendere anche da lesioni traumatiche.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un aneurisma cerebrale causato da trauma cranico è raro, in genere deve essere un trauma importante.
L'esame non invasivo più indicato per la ricerca di un aneurisma è la RM encefalica con sequenze angiografiche.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 509XXX

Scusi davvero se torno a disturbarla, guardi mi viene da piangere stasera, l'altra sera uscendo dal supermercato mia mamma ha preso una botta in testa con il baule della macchina, dove c'è la plastica invece stasera eravamo alla toelettatura e il cane, abbiamo un cane di 40kg enorme, le ha dato una testata in fronte e io ansiosa come sono ho paura per le emorragie cerebrali e mia mamma non vuole andare al pronto soccorso, continua a sbattere la testa, anche prendendo accorgimenti, non so più cosa dirle.
Potrebbe avere un'emorragia cerebrale tra qualche ora? Potrebbe capitare qualcosa? Scusi dottore, ho davvero paura...

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il trauma sembrerebbe minimo, la Mamma non ha perso coscienza e questo è molto importante.
Stia tranquilla.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 509XXX

Grazie mille dottore, mi ha davvero rasserenato sentire le sue parole.
Le auguro una buona serata e buone feste!

Saluti!

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Mi fa piacere che si sia rasserenata.

Trascorra serenamente le prossime festività e non si faccia prendere dall’ansia.

Grazie e buone feste anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 509XXX

Buonasera dottore, vorrei solo porle una domanda , premettendo che l'ansia per questi avvenimenti si è placata ora che passo più tempo con mia mamma. Ma, leggendo per caso che lavorare in piedi al caldo per diverse ore, dilata i vasi sanguigni ( Mio papà mi ha chiesto ieri sera di cercare le cause delle Vene Varicose, perché ne soffre da anni e deve operarsi fra qualche mese ) mi è venuto un dubbio, quindi se una persona ipoteticamente come mia madre che ha avuto parecchi traumi cranici, lavora per diverse ore in un ambiente caldo in posizione eretta, è più a rischio per la dilatazione dei vasi? Stessa cosa per mio padre, fanno lo stesso lavoro e secondo me potrebbe essere la causa del perché ha questo problema alle vene degli arti inferiori.

[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, l'ambiente caldo e la posizione eretta mantenuta a lungo possono causare vasodilatazione venosa agli arti inferiori ma pregressi traumi cranici non sono un fattore che ne possa aumentare il rischio.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 509XXX

Grazie dottore!

Saluti.

[#19] dopo  
Utente 509XXX

Dottore scusi, volevo farle una domanda.. io soffro di cervicale da due anni circa, va e viene a momenti e dipende anche da come dormo la notte e la posizione della testa sul cuscino perché spesso se non dormo bene mi sveglio con i dolori al collo. Oggi è tutto il giorno che sento come se avessi la pressione alta dentro la testa e dolore al collo, alla schiena ma la cosa che mi preoccupa è che sento questa pressione nella testa, io avevo eseguito degli esami e una visita neurologica, non è risultato nulla, quindi attribuisco il tutto alla cervicale. Il fisioterapista della mia palestra dove vado con mia zia e con mia mamma, che l'ha seguita dopo un'operazione al menisco mi ha dato una serie di esercizi di fare per sciogliere i muscoli cervicali, sono due giorni che li eseguo a casa ma non trovo sollievo e non migliora per niente. Sento proprio i muscoli duri come una pietra e se si allenatano un po' è solo per qualche secondo. Che cosa altro potrei fare?

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se avverte i muscoli induriti associati alla sintomatologia riferita è possibile che ci sia una contrattura muscolare, compatibile con ciò che riferisce.
Si rivolga al Suo medico curante, si faccia controllare e se viene confermata la contrattura il collega saprà come risolvere il problema, potendo prescrivere un’adeguata terapia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#21] dopo  
Utente 509XXX

La ringrazio dott.Ferraloro, la sintomatologia ad ora è migliorata, la testa ha smesso di fare male, ma i muscoli del collo sono rimasti contratti, nonostante io avessi applicato anche l'Arnica, che di solito mi aiuta. Tornerò dal mio curante, che già qualche mese fa aveva confermato la contrattura muscolare e mi aveva prescritto una terapia, che ho seguito tuttavia senza risultati, dato che appena cambia il tempo o assumo una posizione sbagliata, i muscoli cervicali si contraggono e il collo fa male. Spero di trovare qualche metodo che funzioni, anche se so che per la cervicale non ci sono trattamenti definitivi.
Grazie mille di nuovo.
Le auguro una buona serata!

Saluti.