Utente 457XXX
Buonasera, sono un ragazzo di 21 anni , ho recentemente fatto una rm all'encefalo sotto prescrizione di specialista per una cefalea temporale da parecchi mesi sul lato destro.
I risultati della rm sono :
alcuni sporadici puntiformi focolai di tenue iperintensità di segnale nelle frequenze FLAIR e T2 dipendenti sono visibili in corrispondenza della sostanza bianca iuxtacorticale della circonvoluzione frontale superiore sinistra al vertice,del tetto della cella media del ventricolo laterale destro in sede anteriore e di entrambe le radiazioni callose frontali ,rilievi dal carattere aspecifico ed ascrivibili a gliosi adiacente gli spazi perivascolari dei vasi penetranti centrali.
Tuttavia analoghi rilievi sono riportati in letteratura quale espressione di alterazioni del microcircolo.
Si consiglia controllo evolutivo prudenziale a distanza di 8-10 mesi.
L'alterazione frontale superiore più posteriore presenta sottile enhancement ed è pertanto più verosimilmente ascrivibile ad anomalia di sviluppo venoso.
Quale variante anatomica ,si osserva la presenza di duplicazione del tratto A2 dell'arteria celebrale anteriore sinistra.
Sperando in una risposta mi interesserebbe sapere se sono pericolose e cosa sono queste alterazioni ed anomalie del microcircolo di cui parlano e come mai mi hanno consigliato un controllo evolutivo prudenziale.. grazie mille in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il reperto, come recita il referto, è aspecifico, cioè non indica una particolare condizione patologica.
È corretto però cercare di risalire alla causa, se possibile.
Queste possono essere varie. Ha fatto vedere le immagini dell’esame ad un neurologo? Nel caso affermativo cosa Le ha consigliato?
L’indicazione a ripetere l’esame è per valutare se le alterazioni riscontrate restano invariate o, per es., aumentano di numero.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 457XXX

Grazie della risposta. No non l'ho ancora mostrato ad un neurologo, lo farò al più
Presto. quali potrebbero essere le cause ?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Le dicevo, le cause possono essere diverse, da quelle cardiologiche, per es. forame ovale pervio (PFO), a quelle relative alla coagulazione del sangue, in quest’ultimo caso di solito si esegue il cosiddetto screening trombofilico.
Più raro ma possibile anche una sofferenza perinatale, durante il parto, se è stato difficile. In quest’ultimo caso non assume nessuna importanza.
Ritengo che Le dirà tutto il neurologo a cui si rivolgerà.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro