Utente
Buongiorno dottore, da molti anni ho sintomatologia cronica, che negli ultimi anni (ne ho 34) è leggermente peggiorata. Ho fatto visite ed esami. I primi sintomi, un'improvvisa debolezza mani e piedi, poi rientrata in parte, li ebbi dopo breve influenza, la neurologa ha ipotizzato possa aver avuto una neuropatia autoimmune (ho anche allergia e vitiligine).Ho stanchezza, affaticabilità a gambe, scapole (mi stanco a salire scale e tenere braccia alzate), collo, polsi e mani, muscolo tibiale e polpaccio, tremore in movimento, dolori specie schiena (cervicale, lombare, talvolta sciatica), ho, come rilevato in visita neurologica, fascicolazioni, miochimie, rilascio muscolare ritardato (dopo sforzo) lieve su mani, piedi e collo, crampi e spasmi, sporadici formicolii e parestesie, ecc. Soffro di disturbi d'ansia, acutizzati dopo questa vicenda (assumo fluvoxamina e a volte alprazolam), e talvolta insonnia.

Risultati esami:
Parametri del sangue normali, tranne eosinofilia e leggera diminuzione paratormone con calcio normale.
Elettroneurografia:conduzione normale in fibre motorie e sensitive.
Elettromiografia :assenza di attività spontanea nei muscoli deltoide di sinistra, tibiale anteriore e gastrocnemio mediale bilaterale. Con l'attivazione volontaria a debole sforzo si registrano potenziali d'azione di UM che appaiono, in alcuni campi, nei limiti per morfologia, ampiezza marcatamente aumentata e durata legg. aumentata, ed il tracciato massimale è di tipo intereferenza legg. ridotto.Segni neurogeni cronici stabilizzati, pregangliari.
RMN lombare:Regolare ampiezza del canale e dei forami.Alterazioni di segnale del disco lombosacrale disidratato ed ernia contenuta mediana che impronta il sacco durale e disloca radici di S1 con prevalenza destra.No alterazioni di segnale delle vertebre o del contenuto endospecale.
RMN cervicale:Regolare ampiezza del canale e dei forami.Alterazioni di segnale per fenomeni involutivi con dischi disidratati.In C3-C4 materiale protruso con osteofiti unconvertebrali nel recesso laterale e nel forame di coniugazione di destra.Protrusione paramediana destra C4-C5 e C5-C6.Artrosi spondilosica e uncovertebrale.No alterazioni di segnale focale delle vertebre o, per quanto possibile vedere con apparecchio a basso campo, del midollo.Esame reumatologico: ipercifosi,iperlordosi,lussazione e artrosi della mandibola, lieve dislocazione scapolare.Da ragazzino ebbi un incidente sulla neve, battendo schiena e testa, con leggero colpo di frusta.Sono state ipotizzate nel tempo: neuropatia e patologie non rapidamente progressive, miopatia, ansia somatizzata, radicolopatia, mielopatia spondilogenetica, senza diagnosi definitiva.Ultimamente ho dei movimenti 24 ore al giorno agli alluci come si vede qui
https://www.youtube.com/watch?v=c9pYgRp5NVc
Potrebbe essere tutto dovuto a leggera compressione del midollo cervicale, o un'inizio di essa? O potrebbe trattarsi di patologia neuromuscolare?

[#1]  
Dr. Alberto Lerario

20% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,

da quello che emerge dall'elettromiografia c'è una sofferenza cronica dei nervi periferici, anche se parte della sua sintomatologia è esacerbata sicuramente da uno stato ansioso e dalle alterazioni osteo muscolari della schiena.
Il suo caso merita un nuovo consulto neurologico per visionare quali esami ematici sono già stati eseguiti (valutare se sia il caso di richiedere lo studio di alcuni auto anticorpi o meno), e per valutare il follow up adeguato.

Gestire i suoi disturbi per via telematica risulterebbe troppo incompleto e difficoltoso
Dr. alberto lerario

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta, ho già una visita neurologica prenotata

[#3] dopo  
Utente
Gli esami del sangue che ho effettuato l'anno scorso, oltre a quelli di routine, sono i seguenti:

Esame Risultato Valori normali

Calcio totale 9.3/ 8.6-10
Sodio 138 / 136-145
Potassio 3.87 / 3.50-5.00
Magnesio 2.13 / 1.80-2.60
LDH 182 / 120-248
CPK 103 / <171
Anticorpi EBV negativi
Vit. B12 203.3 / 180-914 car <145
Folati 6.6 / 3.1-19.9
FT4 0.98 / 0.80-1.80
TSH 1.94 / 0.25-4.00
Paratormone 8 / 10.00-65.00

[#4] dopo  
Utente
Ho ripetuto alcune analisi e sono risultate negative, tra cui ANCA ed ENA. Ho consultato nuovamente la neurologa, ho effettuato la visita, una nuova EMG con anche la stimolazione ripetuta ed è emersa sempre una generalizzata sofferenza neurogena muscolare cronica.

Consigliata un RMN encefalo e delle analisi di cui non ho ci ho capito molto, riguardo a questi problemi che ho io, di lunga data, forse per la stanchezza muscolare e la concomitanza di disturbi d'ansia?
Gli esami sanguigni e urinari sono:
ceruloplasmina, rame ureico, rame (cupremia), ferritina.

[#5]  
Dr. Alberto Lerario

20% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2018
In questo caso l'ansia non è la causa del disturbo ai nervi. L'ansia può al limite peggiorare la sintomatologia percepita.
Le analisi richieste vanno ad approfondire ulteriormente il quadro, andando ad escludere o confermare anche eventuali cause più rare di una neuropatia
Dr. alberto lerario

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno, la ricontatto dopo alcuni mesi. Ho effettuato una nuova elettromiografia con risultati analoghi o simili alla prima, e ulteriori analisi per l'esclusione della malattia di Wilson, risultati negativi. Mi è stata prescritta la risonanza magnetica all'encefalo senza mdc e l'angio-rm intracranica arteriosa. Ecco il referto.

Non si dimostrano alterazioni di segnale intraparenchimali focali a carico selle strutture nervose sotto e sopratentoriali.

Si segnala una posizione congenitamente leggermente bassa delle tonsille cerebellari, che raggiungono piano corrispondente al margine inferiore del forame magno, senza comunque assumere la dignità di malformazione di Chiari 1.

Non si osservano alterazioni di segnale riferibili a lesioni vascolari sistemiche o prodotti di degradazione dell'emoglobina.
Formazioni linea mediane in asse, normale morfologia e segnale del corpo calloso.
Sistema ventricolare normale e in sede.
Spazi subaracnoidei ben rappresentati e adeguati.

Discreto ispessimento di aspetto flogistico della mucosa dei seni mascellari. Leggermente ispessita, sempre su base infiammatoria la mucosa del seno sfenoidale. Moderati segni flogistici bietmoidali, con prevalente ipertrofia della mucosa del turbinato inferiore sinistro ed iniziale tendenza alla deviazione ad S italica del setto nasale.

Angio RM senza alterazioni del segnale legato al flusso riferibile a presenza di malforazioni vascolari aneurismatiche o arterio-venose ad alto flusso a carico dei distretti carotidei e vertebro basilari.
Adeguato segnale di flusso dei vasi arteriosi maggiori intracranici, con arteria cerebrale posteriore sinistra alimentata prevalentemente dalla carotide interna omolaterale attraverso la comunicante posteriore corrispondente.