Utente 352XXX
Buongiorno, mio padre ha 79 anni ed negli ultimi 7 ha avuto 3 ischemie.
Vi scrivo perché in un solo giorno ha perso quasi completamente la mobilità della gamba sinistra e parzialmente del braccio sinistro. Premetto che entrambi gli arti erano già parzialmente compromessi. Portato in ospedale gli è stata fatta una TAC e una visita neurologica. L'esito è che non è successo nulla e che probabilmente si tratta di una accelerazione del processo degenerativo dovuto alle precedenti ischemie. Ora la domanda: tutto ciò è possibile in un solo giorno? Non dovrebbe essere comunque un decadimento progressivo? Dalla mattina alla sera non riesce più a deambulare autonomamente senza che non sia successo nulla? Vi chiedo se è il caso di fare ulteriori accertamenti o se quanto ci è stato detto è sufficiente. Vi ringrazio anticipatamente. Roberto.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dopo quanto tempo dall'episodio descritto è stata effettuata la TC?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 352XXX

La sera stessa.
Grazie.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato il breve lasso di tempo intercorso tra l’episodio riferito e la TC è possibile che un’eventuale ischemia non sia stata rilevata, spesso infatti occorrono da 48 a 72 ore affinché una lesione ischemica si renda evidente alla TC.
Potrebbe effettuare una RM di controllo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 352XXX

Grazie mille dottore.
Seguirò le sue indicazioni.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro