Referto eeg

Buongiorno Dottori.
Chiedo un parere per l'interpretazione di un referto EEG "ritmo di fondo alfa di medio voltaggio, bilaterale, lievemente asimmetrico in ampiezza per dx>sx, reagente all'apertura degli occhi.
Sporadica comparsa di attività parieto-temporale bilaterale di onde theta occasionalmente a morfologia aguzza con lieve prevalenza a sinistra.
Le prove di attivazione non modificano il tracciato.
Conclusione: Anomalie parieto-temporali bilaterali sx>dx di significato aspecifico.
"

L'EEG era stato fatto a seguito di un'episodio durato un ora di non comprensione verbale e scritta e "scotomi scintillanti" (definizione data dal medico) poi archiviata come episodio di emicranea senza aurea dato anche il risultato di una RM negativa.
L'esame neurologico è stato fatto dal medico di base ed è risultato negativo.


Volevo chiedere se era stato fatto tutto aeguatamente e se il referto EEG può essere considerato normale (leggo "anomalie...").
Inoltre la RM era a basso campo (casua claustrofobia), questo è dirimente?
Nel senso, un evento ischemico o un tumore al cervello si sarebbero visti l stesso?

Grazie
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Buongiorno,

le RM dell'Encefalo sono attendibili se ad elevato campo (1.5 Tesla). Quelle a basso campo magnetico forniscono immagini non sempre accurate.

Circa l'EEG "...onde theta occasionalmente a morfologia aguzza con lieve prevalenza a sinistra...",
Le consiglio un EEG Holter delle 24 ore.

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dott. Poli.
Quindi lei consiglia anche di effettuare una nuva RM ad alto campo? Nel caso di qualche patologia grave, in quella a basso campo non si sarebbe visto proprio niente o perlomeno "qualcosa" di anomalo ma magari "aspecifico"?
Mi informerò per quanto riguarda l'EEG.

Secondo lei si potrebbe trattare di qualcos'altro e non di aurea senza emicranea (mi scusi nello scorso messaggio avevo invertito)? (considerato che non soffro di emicranea) Ovviamente sono conscio dei limiti di un consulto a distanza però vorrei sapere in linea di massima verso cosa ci si potrebbe orientare. Il medico di base mi ha comunque rassicurato ma insomma non vorrei trascurare qualcosa. Vorrei solo sapere se tra il "ventagli di ipotesi" ci possa essere qualcosa di grave, perchè altrimenti sono costretto a rimandare a qualche mese per impossibilità economica.

Cordialità
[#3]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Buongiorno

nel caso di una patologia grave (ischemia o neoplasia per usare le sue parole) certamente qualcosa comunque si sarebbe visto.

Il consiglio è quello di migliorare e di molto la visibilità di eventuali dettagli... pensavo fosse chiaro.

Una cosa è una RM a basso campo 0.3-0.45 Tesla ed altra cosa circa la qualità di definizione delle immanini è una RM ad elevato campo 1.5 Tesla.

Ciò per escludere cause organiche del disurbo avuto.

Circa l'EEG-Holter 24ore comprende come una cosa sia registrare 20-30 minuti di attività bioelettrica cerebrare ed una cosa sia registrare 24 ore della medesima compresa la fase di addormentamento e la fase di risveglio (quelle fasi in cui anomalie bioelettriche più facilmente sono registrabili).

Cordialmente

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Dottor Poli la ringrazio per la dettagliata rispsta.
Mi sembra di capire che porblematiche legate al cervello si possono comunque escludere dato il risultato della RM. Se invece era positiva per qualcosa dovevo ripeterla ad alto campo per migliorare i dettagli. Mi corregge se sbaglio ma mi sembra di capire questo. Posso stare tranquillo.

Per quanto riguarda l'EEG 24 ore ho capito la sua utilità e mi sto informando già per eseguirlo ma andrà a finire tra mesi. Secondo lei le anomalie che sono state evvidenziate anche se posso legger ASPECIFICHE sono comunque indice di qualche malattia? Sono collegate a quello che mi hanno detto che ho avuto cioè aurea senza emicranea? Sono anomalie che si trovano anche in persone normali (Questo me lo ha detto il medico ma mi fido più di lei per questo)?
Le mie domande sono di statistica perché capisco le difficoltà che avete nel dare risposta a distanza.

Intanto la ringrazio dottore immensamnte
[#5]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Allora io penso che se un semplice EEG standard mostra anomalie bioelettriche onde theta (ossia rallentate) con morfologia aguzza qualcosa, verosimilmente di funzionale, deve aver generato la anomalia bioelettrica ed il disturbo che Lei ha raccontato.

Le ipotesi circa la causa sono, a mio avviso, molteplici.

Ripeto che siamo nel contesto di un consulto a distanza, ossia senza alcun contatto diretto, visita o possibilità di osservare EEG ed RM da parte mia.

Io ho indicato gli approfondimenti strumentali che Le prescriverei se fosse un paziente da me visitato...

Io sono solo un Medico Neurologo.
Come si dice non ho ne' la palla di vetro né poteri divinatori.

Lei è dotato di libero arbitrio.
Pertanto in grado di decidere se e quali acceramenti eseguire e con quali tempi.

Cordialmente

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Dottor Poli grazie per la risposta.
Io sono dotato di libero arbitrio ma sono totalmente ignorante in matera dato che nella vita faccio tutt'altro. Per questo mi affido a chi di queste cose si occupa quptidianamente e quindi ha anche una casistica che magari può servire a rispondere in linea generale a questo genere di quesiti (cioè senza la possibilità di una visione diretta). Comunqe purtroppo le tempistiche sono date da cose più grandi di me quali file interminabili dovute alla pandemia, ci tengp alla mia salute e se fosse per mia decisione farei gli esami domani stesso.

Mi domando come mai il mio medico non mi abbia prescrito questi esami che anche io dopo la sua spiegazione comprensibile trovo utili. L'unica risposta che trovo è che al mio medico con gli elementi che a sembri possibile che io ho effettivamente avuto un episodio di aurea senza emicranea.
La domanda che mi porgo (e che quindi porgo a lei non sapendo trovare una risposta) quindi è: questo quadro è compatibile con aurea senza emicranea?
Spero mi risponderà e mi scuso di aver abusato della sua pazienza e la ringrazio per questa occasione di scambio.

Cordialità
[#7]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Sempre con le limitazioni connesse al consulto a distanza penso di poter rispondere, circa l'episodio clinico, come ciò sia possibile.
Di più non so.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8]
dopo
Utente
Utente
Dottor Poli la ringrazio per la risposta che mi pare essere affermativa.

Volevo infine chiedere qualra quindi si trattasse di aurea senza emicranea (nel frattempo però ho prenotato EEG 24h) se questa può tornare e sw c'è bisogno di assumere una terapia. Le ricordo che avevo avuto un'episodio di NON COMPRENSIONE PARLATA E SCRITTA quindi non riuscivo a capire cosam mi dicevano le persone intorno a me (mia famiglia in questo caso) e nonn riuscivo a capire cosa leggevo suk mio telefono e SCOTOMI SCINTILLANTI come ha detto il medico dopo la descrizione di luccicchini su un lato della visione. Le chiedo questi per sapere se ci sono possibilità che questa cosa si presenti a lavoro dove svolgo funzioni che richiedono attenzione.

La ringrazio ancora dottore
[#9]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Se si tratta di aure senza emicrania... giacché si è manifestato una volta è ovvio che possa ripetersi.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#10]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 188 51
Lo stress, nello specifico lavorativo aggiunto a quello del periodo che stiamo vivendo, può favorire la insorgenza di episodi clinici.

Una Terapia?
Prima una diagnosi basata sull'evidenza e poi un trattamento mirato.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#11]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio ancora dottor Poli.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio