Utente 262XXX
Scrivo in merito ad una probabile estrazione di un dente del giudizio in arcata inferiore, incluso, che mi sta creando "piccoli" fastidi da ottobre circa (dolore alla masticazione e quando ci passo sopra lo spazzolino).
Ieri ho effettuato una TAC cone beam e si è visto che molto probabilmente le radici del dente stanno crescendo e vanno a dar fastidio al nervo sottostante, che a detta del mio dentista sfortunatamente è molto vicino.
E poi ha continuato dicendomi che se voglio essere operata devo essere consapevole del rischio.
Ora, mi chiedevo: è possibile per me avere le immagini di quella TAC, anche su CD, e avere un ulteriore consulto altrove? Magari da un maxillo-facciale, ad esempio? Lì per lì me ne sono dimenticata, ma non mi hanno lasciato nessun supporto per le immagini da poter portare a casa.
Che cosa si intende per rischio? Un danneggiamento del nervo irreversibile?

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Chieda pure il CD é un suo diritto averlo per chiedere ulteriori consulti.Bisogna visualizzare bene i rapporti col NAI per un corretto approccio chirurgico,che in mani "esperte" è un intervento di routine per chi si occupa di chirurgia orale.
Se ha sintomi probabilmente il suo ottavo è in inclusione osteomucosa e a rischio pericoronite.
Legga il link informativo


https://www.medicitalia.it/blog/odontoiatria-e-odontostomatologia/1915-la-pericoronite-del-dente-del-giudizio.html


Se ha domande chieda


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 262XXX

La ringrazio per la risposta.
Onestamente, sembra che temano l'intervento estrattivo più della sottoscritta. E questo non mi rassicura.
C'è anche da dire che mi sono rivolta allo stesso dentista presso cui ho iniziato con il trattamento Invisalign, qualche mese fa, ma non dovrei avere vincoli in tal senso... potrei anche rivolgermi altrove sentissi più "sicurezza" verso questa operazione "di routine".
Nel frattempo chiedo: la percentuale di rischio di lesione al NAI, circa? Quali i sintomi? Perdita di sensibilità al labbro, altro? Quali altri nervi potrebbero essere coinvolti, in prossimità della zona?
Preferisco avere la situazione chiara prima di procedere.

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Il rischio maggiore è la lesione del NAI che reca la sensibilità a metà labbro inferiore e metà mento omolaterale,le cui parcentuali di lesione sono variabili a seconda degli autori( Ferronato 0,4-5%).
Minore è il rischio n.linguale(sensibilita'
emilingua omolaterale).L'importante è prevenire le complicanze tramite la programmazione e la conoscenza anatomica della zona da operare,anche attraverso la TC 3D .

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia