Utente
Salve sono un ragazzo di 23 anni e soffro di dolori alla schiena da circa 6 mesi. Tutto e' iniziato con un dolore dorsale al centro della schiena che si presentava come dolore acuto e stanchezza iradiata fino alle scapole a seguito di sollevamento pesi, ma senza forzature o grosse quantita'. Cosi sono andato da un fisioterapista che mi ha praticato la manipolazione ossea senza risultati. In seguito sono stato sottoposto alla magneto terapia per atrofia muscolare ma senza nessun miglioramento. Nel mese di luglio dopo la fisioterapia il dolore e' aumentato tantissimo giorno dopo giorno nella zona dorsale estendendosi in tutta la gabbia toracica sia anteriore che posteriore con sensazione di bruciore e stanchezza posteriormente oltre a dolori acuti nella parte centrale e sensazione di formicolio e intorpidimento nella zona sia anteriore che posteriore. In piu le gambe sono diventate prive di forza muscolare e con dolori piu o meno forti e sensazione di formicolio su tutto il bicipite femorale e vicino alle ginocchia. Cosi il medico di famiglia mi ha prescritto una RM lombare dove e' stata evidenziata una grossolana ernia sicale, L1-S1 posteriore mediana e paramediana piu estesa a destra che comprime il sacco druale e entra in conflitto con la radice S1 di destra, e una nello spazio L4-L5 un ernia di dimensioni inferiori posteriore mediana e paramediana che entra in conflitto con le radici a sinitra L5. In seguito ad altre visite da ortopedico e neurochirurgo che si sono concentrati solo sul dolore lombare ho effettuato un RM di tutta la colonna dove si e' riscontrata una peridta della fisiologica lordosi cervicale con tendenza all'inversione del tratto C4-C5 conservata la lordosi dorsale e spianata la lordosi lombosacrale, conservato lo spessore ed il tono idrico nel tratto cervicale e dorsale in assenza di segni degenerativi endocanalare a tali livelli.in seguito meno di un mese fa sono stato dal fisiatra che ha controllato i riflessi dicendomi che tutto e in regola e si e' accorto di varie contratture nella parte dorsale,prescrivendomi 10 sedute di tecarterapia che ho effettuato e concluso la settimana scorsa e che mi hanno leggermente migliorato il dolore e la forza muscolare. Meno di 20 giorni fa pero' ho iniziato ad avere dolori cervicali fortissimi scricchilamenti alle orecchie e stanchezza al collo, e proprio oggi un dente ricostruito sulla radice originale ha iniziato a perdere sangue e cosi ho deciso di farmelo togliere visto che da un mesetto circa mi dava fastidio. Ad oggi i miei sintomi sono: Dolore acuto intorpidimento in tutto il dorso con una decina di contratture, molte fisse nelle costole, intorpidimento e dolore lancinante in determinati punti del petto, stanchezza cronica, dolori alle orecchie, scricchilii ossei dappertutto, sensazione di gonfiore agli arti, stanchezza e poca forza in tutti i muscoli del corpo, dolore e stanchezza alla cervicale emicrania. Il dolore lombare e alle gambe e' molto diminuito.Grazie per l attenzione

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Egr. giovane, tante anomalie si evidenziano nella gestione della sua patologia.
Prima cosa : ma come <<<< ha un dolore un dolore dorsale al centro della schiena che si presentava come dolore acuto e stanchezza iradiata fino alle scapole a seguito di sollevamento pesi, ma senza forzature o grosse quantita'. Cosi sono andato da un fisioterapista che mi ha praticato la manipolazione ossea senza risultati. >>>>>>
Primo doveva andare da uno specialista ortopedico e poi da un Fisiatra.
Il fisioterapista non è medico, non è un medico specialista e non può fare diagnosi e terapie.
Comunque adesso lei cerchi di curarsi con gli ortopedici e sopratutto con i fisiatri.
Faccia nuoto, ginnastica medica e tanta fisiochinesiterapia; non c'entra nulla il problema del dente con la colonna vertebrale, stia tranquillo, Non insegua fantasmi.
Ha dei problemi veri anatomo funzionali della colonna vertebrale.
Cervicalgie e dorsalgie, turbe sensitive e neurovegetative, sarà anche un soggetto ansioso e nervoso, per cui la invito di rivolgersi al Fisiatra per fare dei cicli di fisiochinesiterapia, massaggi, ed altri presidi fisioterapici oltre a delle sedute di manipolazioni vertebrali non alla schiena ,ma collo e dorso se lo specialista le ritiene opportune dopo un accurata visita specialistica.
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente
Salve la ringrazio mille per la risposta. Mi sono oggi iscritto a nuoto e sto' facendo pilates con un amico insegnante a casa sua in modo da potermi seguire per bene. Il dolore lombare e' praticamente inesistente ormai da 10 giorni e gli altri sintomi sono meno forti sopratutto dopo le tecar. Credo che ho la prima vertebra cervicale non allineata e per questo ho da poco tempo i dolori cervicali. Spero che l'atlante si possa riportare in sede e spero che io possa tornare NORMALE anche se costretto a fare sport a vita. C'e' da dire che in tutto il periodo ho lavorato (lavoro in un grande magazzino come commesso) anche se negli ultimi mesi o cercato di non alzare piu oggetti pesanti. La mia colonna non e' perfetta ma i medici consultati mi hanno detto che non sto messo malissimo e non devo temere di rimanere invalido o cose del genere, spero che sia un problema piu muscolare considerando che in tutta la zona alta del corpo ho piu di 20 contratture anche se piccole. Grazie ancora.

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Quanto lei dice non esiste.
Non è mai possibile agire sulla vertebra atlante o sull'epistrofeo, in quanto sono le prime due vertebre superiomente non manovrabili, non correggibili manualmente.
Non aggredibili manualmente essendo poste anatomicamente alla base cranica, ovvero inaccessibile dall'esterno, come nelle altre vertebre cervicali.
Inoltre avendo lei 23 anni già è avvenuta la maturazione scheletrica, per cui nessuna correzione dell'asse è possibile nè con manovre manuali nè con busti correttivi o altro.
Ma lei stia sereno e tranquillo che se non ha particolari problemi : non dia importanza all'atlante ed epistrofeo che nelle patologie del rachide hanno scarsissima influenza, come dimostrano le migliaia di riviste scientifiche specializzate al riguardo e come stabilisce la scienza ortopedica e riabilitativa e come riferiscono i neurochirurghi che trattano maggiomente, dal punto di vista chirurgico, questo segmento del rachide.
Una patologia seria di tale distretto del rachide, C1-C2, come una frattura evidenziabile alla rmn o alla tac , se crea problemi notevoli e limitanti, si risolverebbe solo chirugicamente, certamente per via transorale.
Per sua completa e totale assicurazioone, se qualche collega neurochirurgo leggesse questo consulto, lo inviterei ad intervenire per dire la sua opinione ed il suo autorevole parere al riguardo
Lei ha una ridotta lordosi cervicale, dovuta ad un paramorfismo, non certo ad una scoliosi cervicale; ciò non ha nulla a che vedere con la posizione delle vertebre atlante ed epistrofeo.
Un bravo ortopedico ed un valido Fisiatra con adeguata e completa fisiochinesiterapia le risolveranno ogni cosa.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#4]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile ragazzo,
casualmente mi è capitato di leggere tale consulto e colgo volentieri l'invito a intervenire del prof. Caruso.
Non posso che condividere quanto egregiamente Le ha esposto il collega e pertanto ritengo che,dopo una buona visita Fisiatrica, il fisioterapista su indicazioni del medico, possa agire con ottimi risultati.

Per quanto riguarda il <non allineamento dell'atlante>, non so chi Le ha fatto questa NON diagnosi.
Una lussazione o frattura dell'atlante,dell'epistrofeo si vedrebbero ai radiogrammi e alla RM oltre che clinicamente dove i sintomi sono ben più gravi di quelli da Lei riferiti.
In questi casi non vi è alcun trattamento diverso da quello chirurgico, le cui tecniche sono di estrema delicatezza e diversa complessità dall'approccio anteriore cervicale alto per la stabilizzazione del dente dell'epistrofeo con vite a quello per via transorale.
Quindi lasci perdere il Suo atlante che non ha bisogno di alcun trattamento.

I sintomi da Lei descritti comunque sembrano riguardare la zona dorsale, ma la RM sia cervicale che dorsale sembrano aver evidenziato nulla.
L'unica patologia discale emersa è quella in sede lombare che,al momento da quanto dice, sembra clinicamente alquanto muta.

Come ha intuito il prof Caruso, Lei deve essere un tipo piuttosto ansioso.
Per l'ansia ci sono valide terapie,ma se mi permette un consiglio,nel Suo caso molto probabilmente essa potrà diminuire se non regredire completamente, non dando retta a chi medico non è e affidandosi a professionisti del settore e molto seri.

Con cordialità e auguri


Approfitto per inviare un cordiale saluto al prof. Alessandro Caruso

Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#5]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Grazie al Dott. Giovanni Migliaccio per il suo dotto intervento.
Da valido neurochirugo, quale egli è, ha chiarito con eccelsa perizia chirurgica ogni dettaglio tecnico al riguardo .
Ricambio cordialmente i suoi saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#6] dopo  
Utente
Salve, Vi ringrazio entrambi per avermi fatto luce su questo problema. Mesi fa andai da un Ortopedico che mi disse che la colpa era del ventilatore, ma io non lo uso e nemmeno il condizionatore, e il fisioterapista dove da poco ho terminato la tecarterapia mi disse prima di iniziare che probabilmente non avrei mai potuto piu giocare a calcio (partitelle con amici due volte al mese nulla di che) e non avrei mai potuto piu potuto alzare pesi di oltre 3-4 kg e che dovevo imparare a convivere per sempre con questi dolori. Io non voglio scalare l'everest ma almeno vorrei poter vivere bene come prima e spero che possa succedere. La mia paura e' di avere una malattia reumatica, ho ritirato gli esami del sangue e il responso e' buono credo. Calcemia 10,1 Fosforo 3,0 Magnesio 1,9 fosfatasi alcalina 45 titolo antisteptolisinico 69 Ves 7 proteina C 0,15 mg /dl fattore reumatoide < 10 ab antinucleo assenti attendo la visita dal fisiatra per esserne sicuro. Su internet ho letto che anche se le analisi sono buone puo' comunque esserci una patologia reumatica, la mia paura e la fibromialgia, ma come dice lei sono un persona ansiosa e nervosa e sono stato per piu di un anno in solitudine a causa di una separazione affettiva e quindi depresso, da qualche mese ho ripreso la vita sociale di prima e probabilmente anche questo ha inciso sulla colonna e i nervi. Vi ringrazio ancora per l'aiuto e probabilmente dovrei smetterla di leggere su internet.

[#7] dopo  
Utente
Salve, Vi ringrazio entrambi per avermi fatto luce su questo problema. Mesi fa andai da un Ortopedico che mi disse che la colpa era del ventilatore, ma io non lo uso e nemmeno il condizionatore, e il fisioterapista dove da poco ho terminato la tecarterapia mi disse prima di iniziare che probabilmente non avrei mai potuto piu giocare a calcio (partitelle con amici due volte al mese nulla di che) e non avrei mai potuto piu potuto alzare pesi di oltre 3-4 kg e che dovevo imparare a convivere per sempre con questi dolori. Io non voglio scalare l'everest ma almeno vorrei poter vivere bene come prima e spero che possa succedere. La mia paura e' di avere una malattia reumatica, ho ritirato gli esami del sangue e il responso e' buono credo. Calcemia 10,1 Fosforo 3,0 Magnesio 1,9 fosfatasi alcalina 45 titolo antisteptolisinico 69 Ves 7 proteina C 0,15 mg /dl fattore reumatoide < 10 ab antinucleo assenti attendo la visita dal fisiatra per esserne sicuro. Su internet ho letto che anche se le analisi sono buone puo' comunque esserci una patologia reumatica, la mia paura e la fibromialgia, ma come dice lei sono un persona ansiosa e nervosa e sono stato per piu di un anno in solitudine a causa di una separazione affettiva e quindi depresso, da qualche mese ho ripreso la vita sociale di prima e probabilmente anche questo ha inciso sulla colonna e i nervi. Vi ringrazio ancora per l'aiuto e probabilmente dovrei smetterla di leggere su internet.

[#8]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Certamente deve stare tranquillo, ritrovare serenità.
Su Internet bisogna stare attentissimi c'è e si trova di tutto : dagli articoli scintifici più autorevoli alle più fantasiose invenzioni, alle gratuite e ingannevoli propagande, alle patacche più squallide e pericolose.
Si affidi allo specialista Ortopedico e ad un Fisiatra e faccia la fisiochinesiterapia che le prescriveranno.
Cordialmente ed auguri
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -