Utente cancellato
Buongiorno, volevo una informazione, prima ero in cura con elopram per disturbi di ansia dopo tanti anni non mim faceva più effettoe con lo psichiatra da 4 mesi abbiam cambiato, prendo venlafaxina 150mg, poi mezza pastiglia di deniban,non capisco perchè son stato bene un mese e poi ho di nuovo la mente che ascolta il corpo ogni sintomi, mi è successo dopo che un mio amico è stato male in palestra e mi son spaventato ma sonpassati già 15 gg, volevo capire se era la venlafaxina che non funzionava o dovrei aumentarla. Ps bevo 3 caffè al giorno potrebbero esser quelli che mi dan disturbo??? grazie per una gentile risposta. quando prendevo elepram dopo i primi mesi son stato bene per tanti anni.

[#1]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile utente,

con i caffè è sicuramente meglio non oltrepassare la quantità che Lei consuma, e, se riesce, è meglio limitarlo; ma la situazione che Lei descrive non sembra di essere correlata al consumo di caffè.

Prima di tutto, mi domanderei: perché l'Elopram "non faceva più effetto", perché questo mi sembra strano. Sembra che ci sia qualcosa oltre a quello che Lei ha descritto. Normalmente, i farmaci come l'Elopram (o anche come la Venlafaxina) riescono a controllare i disturbi d'ansia ed anzi, con l'abbinamento di un adeguato approccio anche psicoterapeutico e con il contesto generale della vita favorevole, in non pochi casi si riesce ad avere un compenso prolungato addirittura anche dopo la sospensione del farmaco (sospensione concordata con lo specialista curante). Ovviamente non tutti hanno questo decorso, ci sono anche i casi più difficili, cronici; e appunto, io mi chiedo: se più che dell'inefficacia del farmaco (Elopram) si è trattato del peggioramento della malattia o delle condizioni ambientali o relazionali che hanno potuto contribuire al peggioramento. Per quanto riguarda i fattori ambientali e relazionali, questi sono importanti da considerare, perché alcuni di questi fattori è azzardato combattere coi farmaci: bisogna studiare ed (eventualmente) intervenire sulla situazione ambientale, ed essere comunque consapevoli che i farmaci fanno solo una parte del lavoro necessario. Per quanto riguarda invece la malattia, bisogna conoscere meglio il Suo caso specifico. Lei scrive "disturbi d'ansia", "ansia generalizzata", ma sono espressioni un po' sommarie. Non lo scrivo a Lei, perché intenzionato a studiare in dettaglio il Suo caso (non lo posso fare tramite internet), ma è un invito a farlo assieme con il Suo specialista.

In particolare, mi domando perché è stato prescritto anche il Deniban: per potenziare l'effetto antidepressivo ? (perché si valuta che è presente anche una componente depressiva ?) o come un ansiolitico ? (in tale ultimo caso, potrebbe essere forse più ottimale una dose un po' più alta di Deniban, perché a dosaggi più bassi questo farmaco potrebbe essere più attivante e meno ansiolitico) - sono le domande al Suo specialista.

Per quanto riguarda la Venlafaxina, anche qui dipende dalla malattia che Lei ha: per un disturbo d'ansia il dosaggio attuale potrebbe essere anche ottimale (ma, di nuovo, dipende quale disturbo d'ansia, bisogna valutare il caso individualmente), e la stabilizzazione del quadro può richiedere qualche tempo, senza demoralizzarsi dai vari eventuali periodi negativi, perché questi ultimi è normale che possono capitare, e solo 15 giorni non fanno conto. Se invece si tratta di un disturbo di umore, allora l'approccio farmacologico più "massiccio" potrebbe essere più giustificato, oppure potrebbe essere indicato un approccio che comprenda anche un farmaco stabilizzatore di umore.

Tutti questi sono le mie riflessioni, che Lei può condividere con il Suo specialista.

un saluto
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#2] dopo  
383485

dal 2017
Grazie per la sua risposta. Nel tempo.che prendevo lelopram mi è morta la mamma in macchina, dopo un po di anni un mio amico è rimasto in coma.vegetale dopo un incidente in moto. Lo specialiata visto gli effetti mi aveva dato cipralex sostituendolo a elopram.ansia generalizzata mi è stato detto dal psichiatra. Come sintomi ho solo testa pensierosa nessun altro sintomo tipo tachicardia o altri. Solo che quando son pensieroso ho poche emozioni. Allora si è passati alla venlafaxina 150mg. Dimemticavo sto prendendo 10 gocce alla sera di prazene perché lo specialista mi ha detto che dovrebbero passare i pensieri, mi aveva prescritto anche aumento venlafaxina a 225mg ma prendendo le.gocce mi era passato ma dopo aver visto il mio amico non star bene mi sono spaventato. Grazie ancora

[#3]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
grazie delle ulteriori informazioni. Allora, potrebbe essere quello che stavo accennando: più un disturbo di umore: forse uno stato depressivo (?). Le scelte del Suo psichiatra sono condivisibili (compreso l'aumento della Venlafaxina), e si vede che si occupa di Lei con impegno, dunque non si spaventa; ma parlerei con lo psichiatra della diagnosi (un disturbo di umore ?) e della dose di Deniban, la quale, anche essa, potrebbe essere più ottimale.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#4] dopo  
383485

dal 2017
Molto gentile..allora dovrei parlare col psichiatra per aumentare il Deniban. Però non mi sento depresso ho vogliandi far sport, uscire con amici. Giovedi ne parlo col psichiatra.cmq si guarisce da questa situazione? Buona giornata

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
In realtà l'associazione con un antipsicotico dovrebbe avere un razionale diagnostico specifico.

L'introduzione con un SNRI ha ancora minore indicazione.

In evidenza di una sintomatologia depressiva il trattamento dovrebbe portare al solo utilizzo di un farmaco antidepressivo.

L'utilizzo di antipsicotici è consentito nelle patologie correlate a fenomenologia psicotica specifica, oppure con indicazione nelle forme di depressione resistente solo con i prodotti autorizzati per tale utilizzo.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
383485

dal 2017
Buongiorno mi scusi Dr.Francesco ma non ho capito bene la risposta, la cura è sbagliata? Devo aumentare la venlafaxina o deniban. Ringrazio per la sua gentilezza. Alla prima visita mi era stata diagnosticata ansia dap curata con elopram con ottimi effetti poi col passare degli anni lo specialista cambiato con cipralex e adesso il migliore secondo lui e la venlafaxina

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Non le ho detto di fare variazioni ma l'aggiunta di deniban mi appare un poco strana se la sua diagnosi è quella che riferisce.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#8] dopo  
383485

dal 2017
La ringrazio per la sua gentile risposta, tra l'altro prima ho sentito il mio psichiatra che è molto gentile al telefono e mi ha quasi cazziato perche quando stavo bene bevevo dai tre ai 4 caffè normali più uno deca, dice che con il tempo influisce negativamente. Al momento stó prendendo anche 10 gocce di prazene alla sera.

[#9]  
Dr. Alex Aleksey Gukov

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
tramite internet non si può dare e ricevere le istruzioni sul come gestire la terapia o su diagnosi, e non è stata la mia intenzione. Lei ha il Suo specialista, e decide lui. Ma intendevo dire che ci vorrebbe chiedere al Suo specialista:

- la diagnosi è sempre quella degli anni fa ?
- perché questo peggioramento ? (non credo che a causa del farmaco)
- perché anche il Deniban ? e se lui ritiene lasciare il Deniban a questa dose ?

Mentre, per quanto riguarda la Sua terapia, non dico che è sbagliata: dipende dalla diagnosi, e potrebbe essere necessario un po' di pazienza.

La Venlafaxina può essere efficace su stati d'ansia, come su stati depressivi.

Anche il Deniban: non si usa solo come antipsicotico, ma anche come antidepressivo (a dosaggi bassi) e può avere anche attività ansiolitica (a dosaggi medi).

Comunque, se la malattia è il Disturbo da Attacchi di Panico, potrebbe essere valutato anche un approccio psicoterapeutico.
Dr. Alex Aleksey Gukov

www.psichiatriagenova.tk
www.proiettivo.tk

[#10] dopo  
383485

dal 2017
La ringrazio per la risposta, appena vedo il mio psichiatra gli pongo le domande,buona Serata

[#11]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
L'utilizzo di antidepressivo alla dose terapeutica di 150 mg non giustifica l'aggiunta dell'antispicotico a qualsiasi dosaggio in add-on.

https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#12] dopo  
383485

dal 2017
D'accordo con lo specialista stò cercando di ridurre il deniban ba quando lo riduco a 1/4 sembra che mi metta ansia, probabilmente sono io soggettivo l'obbiettivo e di tenere solo la venlafaxina cosi come quando prendevo elopram e non prendevo più nulla. Gtazie per la sua gentilezza