Utente
Buongiorno Vi scrivo perché sono sotto cura dallo psichiatra per l'ansia e sto facendo un percorso psicoterapeutico; mi succede al risveglio di avere illusioni ipnagogiche non so se si possano definire tali, il sintomo è di svegliarmi e poi se rimango a letto senza alzarmi mi sembra di fare dei piccoli sogni in cui vi è anche dialogo ma poi mi sento come fossi sveglio, ieri sera ad esempio ho preso le 15 gocce di En alle 22:30 e poi dormire alle 3:30 circa non sono andato subito a dormire come mi sembra dovrei fare, dopo un po' che mi sono sdraiato a letto mi è accaduto di fare un piccolo "sogno" ma per poi sentirmi sveglio ciò prima di addormentarmi questo fatto potrebbe essere che debba calare la dose? Perché il giorno prima ho preso 10 gocce e al risveglio non mi è accaduto questo fatto.

Comunque ora prendo 15 gocce prima di dormire e 10 gocce dopo la colazione è da un anno che sto prendendo le gocce En.

Se non erro so che lo stress può causare questo ma possono anche le gocce dar questo "problema"?

Avevo ad esempio problemi nel sostenere esami all'Università per un bel periodo non li sostenevo ed adesso sto tornando a darli, la paura inerente a dei sintomi che mi fanno pensare alla sclerosi multipla mi sono anche rivolto a neurologi, sto cercando di non pensarci e convincermi di non avere nulla, uscire dagli schemi che negli anni mi sono creato ho dedotto sia la "cura" ad alleviare l'ansia. Infatti sto agendo spesso di istinto senza troppo pensare a quel che debbo fare accorgendomi che agire di istinto senza troppo pensare ovviamente ponderando che cosa sto facendo, l'agire di istinto ad esempio mi causa dopo del malessere, ma se non erro da quel che ho compreso dalla psicoterapeuta piano piano passerà... abituandomi a vivere agendo.
La psichiatra mi ha fatto intendere che questo mio ragionare troppo sul fare le cose è la causa della mia ansia ergo paura delle malattie che potrei chiamare ipocondria dovrei essere più sciolto.

Cordialmente

[#1]  
Dr. Manlio Converti

48% attività
16% attualità
20% socialità
MUGNANO DI NAPOLI (NA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2011
ma quale sarebbe il problema, avere sogni vivaci ?
lei prende forse troppe gocce, da troppo tempo, in ogni caso... ne parli con il suo psichiatra.
Dr. Manlio Converti

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dr. Manlio Converti,

Grazie di avermi risposto, ho pensato anche io che fosse da troppo, ma non è il fatto di sogni vivaci è di svegliarmi e poi se rimango coricato faccio dei sogni ma è come fossi sveglio è strano da spiegare. A settembre al ritorno della psichiatra parlerò del fatto gocce di volerle togliere, non ho mai "amato" prenderle anzi ho sempre avuto fastidio a doverle prendere... So bene che dovrò calarle piano piano spero riuscirò, Lei pensa potrò tranquillamente toglierle o casomai usarle al bisogno? Leggevo che c'è chi non riesce che ha bisogno di essere ricoverato per disintossicarsi. Ma io come ben so non dovrei leggere da internet cosa sia detta dal medico di base, psicologa, psichiatra, neurologa e via discorrendo.
Comunque mi sveglio ed ho spesso la gamba sinistra addormentata che ultimamente rimane quasi sempre addormentata e poi le Miodesopsie (rilevate dall'oculista anche tramite visita), poi una strana scossetta dietro la nuca con collegato senso di fame gorgoglii allo stomaco, la quale scossetta a me aveva fatto pensare al segno di lhermitte in questi ultimi giorni non l'avverto più, mi succedeva al risveglio quando ancora a letto, comunque ho fatto la risonanza magnetica consigliata dalla neurologa in toto alla schiena la quale ha rilevato una stenosi congenita al canale lombo sacrale se non erro penso sia questa che mi dia il problema alla gamba e poi anche raddrizzamento della fisiologica lordosi cervicale ma al 24 di questo mese ho appuntamento con la neurologa la quale esaminerà.

Quello che mi ha dato fastidio è che l'ortopedico dove avevo precedentemente portato la RX che aveva della schiena che aveva visionato anche la neurologa mi aveva detto di cambiare tutto di prendere altre sostanze e non le En e che la psicologa psicoterapeuta servisse a poco, la cosa mi ha dato fastidio e preoccupazione comunque al massimo il neurologo penso possa parlarne perché se non erro ora non può più occuparsi d'ansia ma anni addietro se ne occupava, un professionista ortopedico che interferisce su un altro campo a mio avviso non avendo le competenze denigrando quasi il professionista psichiatra dove mi rivolgo sollecitandomi di cambiarlo, il quale mi ha detto "lei è sano come un pesce" la psicoterapeuta mi ha detto invece che se fossi sano come un pesce starei bene ed invece devo lavorare sul fattore ansia ed io ora aggiungo la stenosi non penso sia essere "sani come un pesce"

[#3] dopo  
Utente
Gentilissimo Dr. Manlio Converti,

Qui avevo intrapreso un discorso magari può essere letto anche da Lei se ne avesse piacere https://www.medicitalia.it/consulti/neurologia/471510-ansia-o-v-e-altro.html questo per avere un po' il quadro delle varie cose

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimi Dottori,

Per impegni vari ed essendo Agosto non mi sono ancora rivolto allo psichiatra, come lo si spiega quella sensazione che al risveglio se non mi alzo e rimango sul letto e magari provo a voler riaddormentarmi dopo poco sento come delle voci con anche io che intervengo ma poi mi rendo conto come se fossi sveglio è lo stato ipnopompico? Durano pochi secondi però ne faccio diversi, alzandomi dal letto poi questa sensazione viene meno, questo lo può causare le gocce En ergo l'ansiolitico che se non erro è ipnotico o è un fattore di ansia e stress a causarlo?