Utente 474XXX
Buonasera,
Ho letto tutti i commenti ed i consigli dei medici per capire meglio la mia situazione in quanto ho trovato due medici che mi hanno dato risposte contrastanti ossia il mio ginecologo e la mia psichiatra.
Ho scoperto da una settimana di essere incinta di circa 4 settimane. Premetto gravidanza non cercata ma il metodo contraccettivo che uso da anni con mio marito non ha funzionato.
Faccio uso di Minias dal 2012 per problemi di insonnia dovuti al terremoto e non riuscendo da sola a scalare la dose mi sono rivolta ad una psichiatra. Sono arrivata negli anni a prendere solo la sera quasi 50 goccine e stavamo appunto scalando con il lexotan quindi 25 gocce di minias e 25 di lexotan.
Appena ho scoperto di essere incinta, dopo tre test ed infine esame del sangue, perché non ci potevamo credere, ho chiamato subito la mia psichiatra che mi ha fatto sospendere i farmaci per evitare problemi di teratogenia al feto. Ovviamente l'ho fatto subito sostituendo con "farmaci naturali" che mi ha indicato il medico e ginecologo ma hanno un effetto molto blando. Ho iniziato con l'insonnia ed una leggera ansia fino ad arrivare ad oggi con tachicardia e nausea (che avevo anche prima per via della gravidanza) ma oggi non sono riuscita a mangiare nulla. Anche il mio ginecologo ha convenuto di sospendere subito rassicurandomi che non sarebbe stato poi così terribile. Io invece sono molto preoccupata perché ho letto qui sul forum da più medici la pericolosità di sospendere bruscamente il minias e gli effetti collaterali, la mia psichiatra è stata molto blanda nella spiegazione e su un reale rischio di malformazioni.
La mia domanda è se i sintomi da astinenza dureranno ancora molto tempo? E sono pericolosi per me, ho letto addirittura di possibili crisi epilettiche ? Esiste quindi un rischio reale per la mia salute? Per il feto non sono molto preoccupata perché il ginecologo mi ha rassicurato molto sui controlli e sul fatto che siamo solo all'inizio e siamo prudenti sul fattto che la gravidanza potrebbe interrompersi naturalmente, ovviamente se dovesse presentarsi qualcosa di grave siamo d'accordo nel non proseguire. Sicuramente la volontà di interrompere un farmaco che mi fu prescritto con troppa leggerezza e la gravidanza mi motivano molto, ma visti i sintomi di oggi sono molto preoccupata perché vorrei una spiegazione più chiara e completa di questi sintomi che purtroppo non ritrovo nella mia Dottoressa di fiducia.
Vi ringrazio in anticipo per la cortesia
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
La sospensione brusca pone a rischio di vita lei e il feto, oltre che di varie complicazioni della gravidanza.

La sospensione deve essere fatta, così come le è stato correttamente indicato, in maniera graduale.

L'unica cosa che non capisco è perché utilizzando due prodotti in contemporanea, anziché magari uno più stabile e meglio "scalabile", o lo stesso minias (cosa che riesce sempre abbastanza male, per l'attaccamento che si è sviluppato).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 474XXX

Buongiorno Dott.Pacini,
In che senso mette a rischio la mia vita?
Come ho scritto ero sotto controllo medico e il lexotan mi è stato prescritto dalla psichiatra stessa. La stessa che mi ha detto di sospendere il farmaco bruscamente e che non mi ha dato nessun supporto nei primi giorni di sospensione e ad oggi mi trovo a cercare subito uno specialista che mi aiuti.
Però ne la psichiatra ne il ginecologo mi hanno detto che la mia vita o quella del feto è in pericolo purtroppo lo imparo ora da lei e vorrei capire in che senso visto che chiaramente non sto bene e nessuno mi ha parlato di questa cosa.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'astinenza da ansiolitici è potenzialmente letale per le complicanze tipo le crisi epilettiche, nonché i fenomeni psichici che possono essere di varia gravità, fino al delirio.
In più, nell'astinenza sono coinvolti i tessuti muscolari, ovvero anche la muscolatura dell'apparato gestazionale (uterina), il che può produrre fenomeni di disturbo alla gravidanza, ischemia etc.
Sono francamente stupito di questo fatto. Per una teratogenicità che è molto relativa si corrono dei rischi ben più probabili ?
Io farei subito riferimento al medico, o al pronto soccorso, per verificare che non ci siano state ripercussioni.
Se l'astinenza è sempre in corso perché sono pochi giorni che ha sospeso la terapia è semplice, ma mi farei comunque vedere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 474XXX

Buongiorno Dottor Pacini,
Sono qui dopo quasi un mese per dirle GRAZIE perché mi ha salvato la vita letteralmente!
Ho seguito il suo consiglio e mi sono recata presso il pronto soccorso del mio ospedale e per ben due volte mi hanno rimandato a casa! Qualche giorno dopo ho continuato a stare male sempre di più e mi recavo regolarmente al pronto soccorso, ho anche richiesto un consulto psichiatrico per il problema della goccine visto che la mia psichiatra se ne è letteralmente lavata le mani, e sa cosa mi ha detto? Che andava bene così e anche se non dormivo,mangiavo e bevevo da una settimana ormai non sarebbe successo niente ! Ho registrato tutto! Bene la sera ho avuto le convulsioni e sono finita in terapia intensiva per due giorni ! E quasi un mese in ospedale in osservazione finché non mi sono completamente ristabilita ma ovviamente lo staff neurologico ( per fortuna non ho riportato nessun danno) e il primario di psichiatria hanno collaborato insieme e mi hanno reinserito le benzodiazepine che scaleremo insieme con i tempi necessari ed erano basiti da quello che mi era stato detto dagli altri medici! Se non fosse stato per lei e le devo
la vita forse non mi sarei recata così spesso in pronto soccorso anche se non mi hanno aiutato per nulla ! Ma non lascerò perdere! Ci tenevo a dare la mia testimonianza perché non ho fatto nulla da sola ed ero seguita da una professionista (in teoria) ma trovare persone come Lei non è facile purtroppo ! Purtroppo il feto ha sofferto e dopo quello che mi è successo ho deciso di sospendere la gravidanza essendo al primo mese e quando starò bene con i tempi dovuti vedremo.
Intanto devo riprendermi io e non lasciare assolutamente perdere questa cosa perché due persone psichiatri hanno messo in pericolo la mia vita ! Non è accettabile. Grazie ancora di tutto non avrò mai abbastanza parole per ringraziarla del suo consiglio.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi fa piacere sapere che è andata bene.
Come le dicevo, di fronte a un rischio di tossicità che è estremamente relativo

http://www.farmaciegravidanza.gov.it/content/benzodiazepine

è invece cosa notissima che l'astinenza da benzodiazepine è pericolosa, e anche che non è tutta subito, come potrebbe essere, che so, per l'eroina, ma anche dopo giorni, specie per quelle sostanze che se ne vanno dall'organismo non subito, le "sorprese" possono venire dopo giorni. Per fortuna prima che questo accada ci sono delle avvisaglie, somatiche e mentali, e per fortuna bloccare il fenomeno è banale, trattandosi di astinenza.
Scalare gradualmente è una cosa che si fa di regola, spesso anche con gradualità estrema, oltre il necessario. Accade a volte , e ho visto, incidenti come il suo quando una persona è ricoverata in urgenza, e si scorda di dire che prende a casa alte dosi di benzodiazepine, o di alcol.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 474XXX

Grazie della risposta purtroppo quello che mi ha lasciato senza parole è proprio il fatto che con la massima sincerità ho sempre detto ai medici come stavo, cosa mi stava accadendo e quanto medicinale prendevo senza nessun problema perché ero lì in pronto soccorso per chiedere aiuto avendo avuto delle avvisaglie ! Ma cosa dovevo fare davanti ad un medico che mi dice che non succede nulla se non si beve, mangia e dorme per una settimana? Mi creda che non sapevo cosa fare!
La mia psicoterapeuta che non si è fatta trovare per dei giorni pur sapendo che stavo male.. in quel momento ho lasciato perdere e mi sono rivolta subito ad un suo collega che non ha capito la gravità della cosa e da giorni anche lui non risponde ! Cosa dire lei pur non conoscendomi mi ha detto cose che poi mi hanno detto dove sono stata ricoverata e il mio pensiero è corso a Lei.