Utente 491XXX
Buongiorno
Vi scrivo per togliermi un dubbio su una terapia prescritta dallo psichiatra. Quattro anni fa mi è stata fata diagnosi di Dap e DaG Lo psichiatra mi ha prescritto 5 gocce di citalopram durante i mesi sono arrivato ad assumer16 gocce. Che dire sono stato bene per quattro anni niente problemi. Da settembre la psichiatra ha deciso di scalare l’elopram a marzo assumevo 8 gocce. Il suo obiettivo era sospenderlo. Non ho avuto effetti collaterali però circa un mese fa ho avuto una crisi d’ansia molto forte la dottoressa mi ha inviato da uno psicologo per fare psicoterapia cognitivo comportamentale e mi ha sospeso il farmaco per i primi20giorni sono stato bene adesso sto di nuovo male. La dottoressa ha deciso di prescrivermi di nuovo l’elopram questa volta 5 gocce per arrivare poi a 12. Sono molto confuso se il farmaco non funzionava prima perché adesso dovrebbe funzionare? Non ha perso effficacia? Forse era meglio un altro farmaco. Avendolo sospeso per 20giorni per vedere i primi benefici devono trascorrere le classiche 2/3 settimane.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Come non funzionava ? Il farmaco ha funzionato, la crisi d'ansia è capitata su 8 gocce, che è una dose inefficace.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 491XXX

Grazie Dr. Pacini per la risposta.
Quindi se ho capito bene ho avuto una crisi di ansia perché la dose del farmaco era inefficace e siccome in passato sono stato bene con questo farmaco ci sono buone probabilità che funzioni riportando la dose a 12 gocce però siccome ho sospeso l'elopram per 20 giorni ci vorranno le classiche 2- 3 settimane per fare effetto e vedere dei miglioranti.
Avevo dimenticato di scrivere una cosa, il mio psichiatra per evitare di farmi assumere benzodiazepine in questa fase (mi ha detto che aumentando la dose potrei avere un pò di ansia e nervosismo) mi ha prescritto il trittico 5 gocce la mattina e 9 la sera.
Lei crede potrei tornare ad avere una vita normale come negli ultimi 4 anni?
La ringrazio e mi dispiace di tediarla con domande unitili e ripetitive ma quando si attraverso certi periodi ogni parola serve per sentirsi più sicuri.
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si tratta solo di una recidiva in condizioni di inefficacia teorica di una cura, per cui è come dire che le carte in tavola sono le stesse di quando ha iniziato a curarsi, niente di nuovo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 491XXX

scusi la mia ignoranza dottore ma non ho capito cosa ha scritto. Potrebbe spiegarmelo meglio. grazie e scusi il disturbo.

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cioè è soltanto una ricaduta dopo aver sospeso la cura.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 491XXX

Grazie dottore
Adesso ho capito. In pratica mi devo rassegnare ed aspettare le classiche 3-4 settimane a dosaggio pieno (12 gocce) per vedere i primi effetti.
È inutile fare bilanci adesso, vedremo con il tempo come si evolverà la situazione. Nel frattempo devo pazientare.
Buona domenica.

[#7] dopo  
Utente 491XXX

Buongiorno dottor Pacini, mi perdoni se ritorno a disturbarla ma ad oggi sono trascorse circa tre settimane da quando ho aumentato il Citalopram. Mi sorge un dubbio,possibile che avendolo assunto per 7 anni adesso anche aumentando di dosaggio non faccia effetto? 7 anni fa in circa tre settimane sono stato benissimo. Naturalmente farò lo stessa domanda al mio psichiatra. Però volevo sapere da lei , dalla sua esperienza clinica, se un molecola assunta per tanto tempo ( i primi 5 anni 15 gocce gli ultimi due anni 8 gocce poi sospensione per 20 giorni e adesso 12 gocce) alla fine non perda efficacia, sarà assuefazione? O i miei recettori sono saturi e dovrei cambiare farmaco.
Grazie

[#8] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dopo tre settimane non saprei, è un tempo insufficiente
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#9] dopo  
Utente 491XXX

Salve dr. Pacini mi perdoni se la disturbo, la settimana scorsa ho fatto la visita di controllo con il mio psichiatra che ha confermato la diagnosi di disturbi d’ansia con attacchi di panico. Ha confermato pure la terapia, attualmente da 28 giorni assumo:
En 10 gocce x 3
Trittico 4 gocce mattina e pomeriggio e 8 gocce la sera
Elopram 12 gocce
Lamotrigina 75 mg (lo psichiatra mi ha detto che dovrò arrivare a 100 mg)
Da circa due giorni avverto un senso di irrequietezza che non va via nemmeno quando prendo le gocce di en e trittico. Purtroppo il mio psichiatra (molto disponibile) è all’estero per un convegno e potrò contattarlo solo tra 1 settimana.
Secondo lei a cosa è dovuta questa agitazione?
Dal punto di vista psicofarmacologico la terapia è adeguata per un disturbo d’ansia con dap (mi ero un po’ spaventato per la lamotrigina)?
Premetto che ho piena fiducia del mio psichiatra e che non modificherei nemmeno una goccia della terapia senza il suo consenso, però mi rivolgo a lei perche è stato sempre gentile e cortese nel rispondere alle mie domande e mi ha tranquillizzato nell’attesa di fare la visita con lo psichiatra. Inoltre mi piacerebbe conoscere il suo parere sulla terapia.
Cordialmente

[#10] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La lamotrigina è indicata nei disturbi bipolari, nel panico, non c'entra.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#11] dopo  
Utente 491XXX

Grazie per la celere risposta. comunque pur fidandomi del mio psichiatra ho preso una decisione intanto mi farò chiarire che senso ha la lamotrigina. come le già Sa il mio dubbio era se L’elopram dopo 7 anni e di assunzione continua e 20 giorni di sospensione può continuare a funzionare. Sto un pò meglio anche se sono passati solo 28 giorni dal raggiungimento del dosaggio pieno. Però non più voglio assumere benzodiazepine trittico e altri farmaci che non servono. Io volevo solo capire se l’elopram funziona o meno e quindi aspetterò altri 15/20 gironi dopodiché eventualmente cambierò medico. Sette anni fa con qualche goccia di xanax e 15 gocce di elopram nel giro di due mesi sono stato benissimo. adesso non vedo via d’uscita. mi creda non so che fare ho sempre. Lei perno anche dopo 28 gironi dovrei cambiare farmaco?

[#12] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
I ragionamenti sui farmci si fanno a partire dalle diagnosi, per cui non ha sempre senso ragionarci in maniera separata (elopram da una parte e lamotrigina dall'altra).
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#13] dopo  
Utente 491XXX

Grazie dottore per la puntualità delle sue risposte . La diagnosi è disturbo d’ansia con qualche episodio di panico (saranno stati massimo 3 negli ultimi 7 anni). La ringrazio per la risposta ma discuterò con il mio psichiatra del perche mi ha prescritto la lamotrigina. Non sono depresso, non sono bipolare , questo dato mi è stato confermato sia dalla psicologa sia da un mio carissimo amico psichiatra (non mi sono rivolto a lui perche volevo un consulto neutrale) lui stesso mi ha detto che basta solo l’elopram e che non capisce perche devo assumere questo farmaco. Ora , nel consulto precedente lei mi ha risposto che non ha senso ragionarci in maniera separata (elopram da una parte e lamotrigina dall'altra) quindi secondo lei quale sarebbe la “sinergia” di questi farmaci nel trattare un disturbo d’ansia generalizzato?
Cordialmente

[#14] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Appunto, evidentemente però il medico che la segue non la pensa così, le ha dato una cura per un disturbo bipolare, la lamotrigina non servirebbe ad altro sostanzialmente.
Per cui, inutile porsi il problema di come debba funzionare sull'ansia generalizzata, serve ad altro.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
Utente 491XXX

Salve dr. Pacini
Mi perdoni se nuovamente la disturbo ma solo lei in questo momento riesce a tranquillizzarmi. Purtroppo la situazione è lievemente migliorata ma l’ansia non è andata via. Ho sempre una sensazione di irrequietezza e non riesco a guidare. Ho fatto la visita con lo psichiatra ed ha confermato la lamotrigina perché secondo lui serve anche come ansiolitico. Il problema è l’elopram adesso sto assumendo 12 gocce da 10 settimane e non ho avuto nessun beneficio, l’ansia si è solo attenuata, e lo psichiatra mi ha detto di aspettare altri 10 giorni e poi eventualmente mi prescriverà lo zoloft. Io ho molta paura perché dovrei ricominciare tutto daccapo, attendere le classiche 4 settimane, e sopportare gli eventuali effetti collaterali, anche se lo psichiatra mi ha tranquillizzato dicendo che sono coperto dalla lamotrigina (arriverò ad assumere 100 mg). Lei cosa ne pensa?
A questo punto si può concludere che l'elopram dopo 7 anni non faccia più effetto?
Questo cambio di antidepressivo mi mette molta ansia, anche se sono consapevole che forse lo dovrò fare.

Grazie

[#16] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
No, non deve funzionare così, che si lega ad un effetto rassicurante e lo cerca, alltrimenti dopo ha un problema in più.
Si sta solo ponendo domande su ogni dettaglio di una banalità terapeutica, cioè lo psichiatra che le dice di attendere i tempi che vuole lui, e poi le cambia la cura. Per cui, tutto già messo in conto. Il resto sono domande aperte a vuoto, sul futuro, su "è giusto/non è giusto" etc che non vanno alimentate.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
Utente 491XXX

Salve Dr. Pacini

Purtroppo, devo disturbarla nuovamente. Ho fatto la visita dallo psichiatra e poiché l’ansia si è lievemente attenuata, lo psichiatra ha deciso di sostituire l’elopram e iniziare lo zoloft 50 mg associato alla lamotrigina 100 mg che già assumo.
Il problema è che sono andato dal medico di famiglia per farmi prescrivere i farmaci e mi ha detto che se l’elopram non ha funzionato sicuramente lo zoloft non funzionerà nemmeno perché sono due classi di molecole uguali e per evitare di perde altro tempo con farmaci che non servono mi ha consigliato l’efexor 75 mg.
Io mi fido del mio psichiatra però a questo punto mi è venuto un dubbio, e se avesse ragione il medico di famiglia?
Purtroppo, questa affermazione mi ha turbato, e vorrei un suo parere (non sulla terapia da assumere, so che è vietato sul forum) ma strettamente farmacologico. È vero che l’elopram e lo zoloft hanno lo stesso meccanismo d’azione e che se non funziona l’elopram automaticamente non funzionerà nemmeno lo zoloft?

Grazie

[#18] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Un altro dubbio: e se avesse ragione lo psichiatra ? Altro ancora: e se avessero ragione tutti e due ?
Qui la questione è che il medico, prima di interferire, potrebbe allora prima consultarsi con lo specialista, altrimenti si crea questa sovrapposizione di opinioni.

Non trovo niente di sbagliato in nessuna delle due scelte considerate a sé, ma il percorso che Lei seguiva era quello con lo specialista.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#19] dopo  
Utente 491XXX

Grazie Dr. Pacini per la risposta. Volevo precisare che ho commesso un errore scrivendo. Lo psichiatra mi ha prescritto l’efexor, mentre il medico di famiglia mi ha consigliato lo zolof. Mi perdoni per aver scritto male. Lo psichiatra mi ha sospeso la lamotrigina perché mi aveva dato troppa agitazione e da lunedì ho iniziato la cura con efexor 37,5 RP ed elopram 7 gocce per 7 giorni. Poi dovrei assumere una compressa di efexor da 75 mg Rp. Siccome già assumevo l’elopram (che sto scalando) i tempi sono sempre di 2-4 settimane per notare qualche effetto sull’ansia (ammesso che come 75 mg siano sufficienti).
Grazie.
Ps lei non ha uno studio privato in Calabria o Sicilia ?
Cordialità

[#20] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ecco, appunto, ma colgo l'occasione di questo errore per ribadire il concetto: è uguale, il discorso fatto non cambia di una virgola.

No, non ho studio da quelle parti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#21] dopo  
Utente 491XXX

Grazie Dr. Pacino per la celere risposata. Purtroppo mi sono rassegnato. ho iniziato l’efexor 37,5 mg per 7 giorni e quando sono passato al 75 mg ho avuto delle crisi d’ansia fortissime, nemmeno con l’ansiolitioco sono riuscito a calmarmi (capisco gli effetti collaterali iniziali, ma così forti non me li aspettavo). Da quando assumo l’efexor dormo massimo 4 ore a notte e la mattina mi sveglio con un ansia tremenda. Vedrò lo psichiatra in settimana che nel frattempo mi ha detto di mantenere la dose di 37,5 mg. Ma io sono sconfortato. 7 anni fa con un po’ di Xanax e 16 di Elopram in tre mesi avevo ripreso la mia vita in mano in breve tempo. Forse sono un caso clinico difficile o forse per me non c’e cura, avrò i recettori saturi. Sto pensando di ricoverarmi in qualche clinica specialistica per il disturbo d’ansia e il Dap.
Volevo solo chiederle se le sono capitati casi clinici così difficili che non hanno mai avuto una remissione dei sintomi dopo 4 mesi e poi sono stati meglio.
A me un solo dubbio rimane quello che quando ho avuto la crisi di panico assumevo 8 gocce di elopram, lo psichiatra non ha più voluto più darmi il dosaggio che assumevo all’inizio cioè 16 gocce poiché secondo lui se a 12 gocce non funziona non funziona nemmeno con 16. Forse portando a 16 mg sarei stato bene come lo sono stato per 7 anni, ma ormai smettonpute di farmele queste domande.
Lei cosa ne pensa di tutta questa situazione?
La ringrazio
Cordialità

[#22] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Stiamo però tirando le somme di una risposta in tempi non congrui.
Che aumenti l'ansia inizialmente lo sappiamo che può avvenire.
Il ricovero può servire nel senso che gli stessi farmaci, dati in un ambiente di ricovero, sono tollerati meglio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#23] dopo  
Utente 491XXX

Grazie Dr. Pacini, lei è una persona veramente disponibile. Purtroppo ho sospeso l’efexor a causa dei forti effetti collaterali a livello gastrico (in passato ho avuto un ulcera gastrica) e lo psichiatra mi ha prescritto la sertralina 25 mg per 7 giorni dopo 50 mg ( eventualmente da aumentare) mi ha sospeso le benzodiazepine e mi ha prescritto Modalina 1 mg mattina e sera. Ho letto il foglietto illustrativo e mi sono spaventato (c’è scritto “casi di morte improvvisa”) non è un farmaco troppo forte per l’ansia e per contenere gli effetti collaterali dei zoloft? Il termine antipsicotico mi ha spaventato non vorrei essere troppo sedato.
Ma la Modalina funziona subito? Oppure bisogna aspettare 4 settimane come lo zoloft? Ho dimenticato di fare questa domanda al mio psichiatra.
Grazie

[#24] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
I medicinali di quel tipo si usano abitualmente per contenere l'effetto ansiogeno degli antidepressivi. In questa funzione agisce da subito la modalina.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#25] dopo  
Utente 491XXX

Salve dr. Pacini
Mi perdoni se ritorno a disturbarla, oggi sono circa 29 giorni che assumo lo zoloft (inizialmente 25 mg per 14 giorni dopo 50 mg per 15 giorni). Ho fatto la visita con lo psichiatra e mi ha aumentato il dosaggio a 75mg per altri 15 gironi per poi passare a 100 mg. Leggendo i vari consulti ho capito che gli ssri danno i benefici a dosaggio pieno dopo 4 settimane. Questa cosa mi ha un po’ sconfortato perché facendo due calcoli io potrei stare bene solo a fine settembre, per questo motivo avrei due domande da porle:
È probabile che non avvertirò nessun beneficio fino a fine settembre ma solo effetti collaterali?
Assumo la modalina 1 mg mattina e sera ed En 20 gocce prima di dormire secondo lei questa terapia potrebbe contenere gli effetti ansiogeni (come gia mi ha spiegato) dovuti al passaggio da 50 mg a 75mg?
Cordialmente

[#26] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Domanda sul futuro, poco costruttiva. Il medico sta seguendo il caso, non vale la pena porsi troppe domande che non cambiano la procedura in atto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it