Utente 317XXX
Buongiorno,
spiego brevemente la situazione e vorrei fare una domanda:

Fino a 4 anni fa' (ne ho 37) il medico di famiglia (Geriatra) mi ha prescritto per 10 anni sonniferi (5 anni circa zolpidem, 5 anni triazolam).
Leggo che la durata massima del percorso per l'insonnia, con questi farmaci, non deve superare 1 mese, penso sarebbe stato corretto invitarmi a fare una visita da un Medico specialista. 10 anni non sono pochi e mi hanno provocato forti problemi a livello di stile di vita, non lavoravo neanche senza, di giorno, che mi hanno portato, grazie anche a un vostro consulto, a prendere un programma di disintossicazione e cambiare la cura con una corretta per il mio disturbo. Oltre a dipendenza avevo sviluppato forte tolleranza.
Una volta tolto il sonnifero, in un centro ospedaliero specializzato Veronese mi è stato diagnosticato un possibile lieve disturbo bipolare, poi, dopo varie visite specialistiche hanno riportato che il disturbo è derivato dall'ansia.
4 anni fa' ho assunto per 2 anni depakin e rivotril. Attualmente solo rivotril e bupropione, sempre prescritte dallo psichiatra.
Il problema però è che da quando ho smesso col sonnifero non lavoro più, e la mia vita è andata a rotoli sotto molti punti di vista, specialmente comportamentali e sociali.

Il mio medico di famiglia poteva prescrivermi quei farmaci a lungo periodo, senza il parere di uno specialista?
Se non poteva, come credo logico, posso chiedere i danni subiti al'assicurazione?

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
il suo medico poteva prescrivere i farmaci che ha indicato.

Voler attribuire ad altri le responsabilità dei propri insuccessi è da considerarsi un sintomo specifico.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 317XXX

Grazie della risposta Dt. Ruggero,

ma domandarsi di un caso simile è lecito, la definirei patologia se stessi bene ma dal momento che non è così mi pongo domande, a mio parere costruttive.

Il fallimento riguarda anche il medico che prescrive la cura e segue il paziente. Sbaglio?

Forse è meglio curari l'ansia con dei sonniferi, almeno riesco a lavorare.

Secondo lei il rivotril potrebbe esser inadeguato? 4mg die 70kg

Sono domande che io non so dare risposta, a chi rivolgerle se non a un medico?

L'obbiettivo è guarire, sono contento se il medico non mi ha prescritto un farmaco inadeguato per 10 anni, non cerco rogne ma risposte.

Spero in un suo riscontro,
cordiali saluti