Utente 493XXX
Buongiorno,

A seguito di una diagnosi di depressione, seguo una terapia a base di Citalopram 20mg ed Olanzapina 2.5mg (presa un'ora prima di andare a dormire).
Nonostante l'olanzapina prescritta per contrastare l'insonnia, essa rimane e molto spesso mi addormento alle 23:30 per svegliarmi verso le 2:00, senza riuscire più a dormire fino al mattino.
Sicuramente c'è una componente ansiosa generalizzata ed a breve dovrò' effettuare un operazione chirurgica che mi porta ulteriore ansia.

La psichiatra propone di cambiare il Citalopram 20mg a favore del Mianserina 30mg, in quando ci sono dubbi sul fatto che il Citalopram stia facendo effetto

Inoltre propone un utilizzo di Mogadon 5mg per dormire, in sostituzione olanzapina
Io sono perplesso per entrambe le scelte.
Ci sono proposte per gestione dell'insonnia, che influisce largamente sulla qualità della vita?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Sicuramente la terapia attuale non serve per favorire il sonno.

In ogni caso è utile fare delle variazioni della terapia.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 493XXX

Grazie per la risposta.
Potrebbe anche commentare pro e contro dei due nuovi farmaci proposti, sempre in un'ottica di limitare l' insonnia?