Utente cancellato
Salve Egregi Dottori.

Soffro di depressione da 3 anni e quando la situazione sembra risolta, sto bene per alcuni mesi fino al verificarsi di una nuova crisi. Cado nel silenzio in quei momenti e ho voglia di morire vorrei non svegliarmi più il giorno dopo, poi, con rassegnazione e disperazione mi sveglio e devo sopportare di vivere un’altra giornata. E’ come se facessi fatica a vivere. Già una volta ho tentato il suicidio 2 anni fa circa, ma stupidamente non ho usato un farmaco abbastanza efficace. Vorrei tornare ad essere quello di prima e voglio sconfiggere questa malattia bastarda che mi sta consumando ho però paura di non farcela.
Ho provato diversi farmaci senza nessun beneficio.
Ho sentito parlare della terapia con antidepressivi endovena.
Ma le flebo di Anafranil o di Elopram mi potrebbero aiutare davvero?
Se durante le flebo di Anafranil si verifica ipotensione, la terapia va sospesa?
Grazie per una Vostra risposta
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Solitamente la terapia endovena si pratica in ambiente ospedaliero.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
519344

dal 2019
Grazie Dr.Ruggiero per la Sua risposta.
Ho fatto diversi ricoveri ma ho notato una certa reticenza nel prescrivere terapie con antidepressivi endovena, anche in ambiente ospedaliero.
Mi sembra che gli unici antidepressivi disponibili in fiale endovena sono l'Anafranil e l'Elopram.
Che differenza c'è tra queste 2 molecole? Per la Sua esperienza quale delle 2 è più efficace?
Lei mi potrebbe indicare qualche ospedale pubblico o clinica privata(anche fuori dalla mia regione) che effettua flebo endovena di Anafranil o di Elopram?
Grazie ancora
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
il motivo della "reticenza" è clinico e non personale.

La condizione possibile viene valutata secondo il quadro clinico e la possibilità di prescrizione.

Per poter stabilire se eleggibile a questo tipo di terapia ne deve parlare con i suoi curanti.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#4] dopo  
519344

dal 2019
Grazie Dott.Ruggiero per la Sua risposta.
Cordiali Saluti