Utente 479XXX
Buonasera Dottore sono una ragazza di 24 anni, mamma di una bambina di 6 mesi che da un mese a questa parte, soffre di attacchi di panico ansia generalizzata e derealizzazione. Ho assunto sotto consiglio del medico di base 10 gocce mattina e sera di lormetazepam, all’inizio sembrava ci fosse un miglioramento ma poi la settimana scorsa, una ricaduta pazzesca! Se prima avevo solo il timore di uscire, ora l’ansia persiste tutto il giorno. Sono andata in un centro pronto soccorso psichiatrico dove mi hanno prescritto per ora, questo è il 3 giorno. Paroxetina metà compresssa, poi 9 gocce di lormetazepam mattina e sera (per
Scalarle gradualmente) e il
Pomeriggio 25 di lorazepam. Mi ha anche detto che fin quando non prederò la pillola intera non ci sarà un vero miglioramento ma volevo chiederle. Stamattina ho cercato di fare un po’ di pulizia ma sono stanca, davvero stanca e da 3 giorni che dormo male, stanotte avrò dormito 4 ore.. in più ho sentito delle extrasistole. Io ho L’ernia iatale e quindi spesso mi capitano, ho anche fatto alcune visite per il cuore risultate positive medi fa dato che ho avuto un parto cesaro d’urgenza per una fibrillazione. Ora vorrei sapere, è normale che mi senta così? Sono spaventata, ho sempre l’ansia e mi sento confusa.. in più da prima di assumere paroxetina, ho tanta nausea e all’inizio mangiare mi portava ad avere conati di vomito, ora è passata ma nonostante questo ho tanta tanta nausea. Questi sintomi che sento di stanchezza, testa leggera, sono normali? E la cura secondo lei è giusta? Grazie mille. O dovrei fare anche ulteriori visite al cuore o altro?

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Sta ragionando come se non contasse il suo cervello. La domanda "è normale" si riferisce evidentemente a tutte le sensazioni che descrive, ma forse non le è chiaro che la terapia data è per un organo, cioè il cervello.
Come le hanno detto, i tempi sono di diversi giorni. Le hanno poi indicato di rivolgersi a qualcuno per il prosieguo della cura, per farsi rivalutare ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 479XXX

Grazie per la risposta e comunque si, mercoledì inizierò le sedute con una psichiatra sempre nel centro in cui mi hanno prescritto questa cura. E poi mi scusi, sarò cretina, ma cosa vorrebbe dire con mi sembra come se il suo cervello non contasse?

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Inizierò delle sedute fa pensare ad una psicoterapia. Io intendevo se qualcuno ad un certo punto rivaluta la cura e le fa una diagnosi precisa.
Intendo dire che non sembra ragionare sui sintomi in base all'ipotesi diagnostica, ma continua a chiedersi, al di là di quello che le è stato già indicato, "da dove vengano".
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it