Utente 223XXX
Salve, sono una ragazza di 31 anni e sono mamma di una bambina di 3 anni e una di 3 mesi. Ho un carattere molto allegro e molto nervoso. Nella mia vita, anche da bambina ho sempre avuto la sensazione che il tempo corresse molto in fretta e che avrei ovviamente perso le persone che amo molto in fretta. Nel periodo adolescenziale questa sensazione si è un po' attenuata perchè mi sembrava che la mia giovinezza durasse per sempre. Con il mio splendido marito e le bambine ora ci trasferiremo nella casa che stiamo ristrutturando che confina con quella dei miei genitori. Dovrei essere super felice perchè tutto è perfetto ma in realtà il tempo che sembrava essersi un po' fermato ora sta correndo forte di nuovo, non sono più fisicamente come prima ma con qualche chilo in più, la mia prima bambina va già all'asilo, i miei genitori ei miei suoceri non li vedo più forti come prima...insomma, invece di godermi le cose che ho...vedo solo le cose negative. Quando alla Domenica ci ritroviamo tutti insieme penso "chissà fino a quando succederà ancora".
L'unica pecca della mia vita al momento è il lavoro siccome dopo la prima gravidanza non ho riottenuto più le mie mansioni ed ora l'azienda sta cercando di mandarmi via...non servo più, ho paura di cambiare perchè credo di non avere abbastanza tempo per cercare un altro lavoro e che non troverò nulla. Ho il terrore del rientro perchè sono stufa di farmi maltrattare psicologicamente.
Tutti questi pensieri ora non sono più in sottofondo ma stanno prendendo il sopravvento...sono spesso confusa e mi dimentico le cose, non riesco ad avere molta pazienza con la mia prima figlia a cui dovrei dedicare più tempo invece di pensare a queste cose e invece non riesco a giocare con lei, dovrei mettermi un po' a dieta e invece mi viene sempre voglia di dolci...vorrei fare tante cose ed invece mi comporto al contrario...
Un'altra paura del tempo si manifesta con la paura che succede qualche cosa che mi possa portare via i miei cari ancora prima, paura di un incidente improvviso soprattutto in macchina.
Ho sempre pensato che queste sono paure comuni ma ora che non riesco più ad avere la lucidità mentale che vorrei...mi preoccupo ma nello stesso tempo mi vergogno di accettarlo perchè dovrei essere più forte.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Armando De Vincentiis

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile ragazza se si soffermasse a riflettere si renderebbe conto che la paura verso ciò che teme la congela ancora di più non permettendole di vivere la sua vita con serenità. Più si ha timore più ci si lasica andare, più ci si sofferma a pensare e più si soffre incrementando la propria paura. Per uscira da questa trappola, forse, un terapeuta potrebbe essere utile.
saluti
Dr. Armando De Vincentiis
Psicologo-Psicoterapeuta
www.psicoterapiataranto.it
https://www.facebook.com/groups/316311005059257/?ref=bookmarks

[#2]  
Dr. Davide Livio

24% attività
0% attualità
12% socialità
RHO (MI)
CANTU' (CO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Gentile ragazza, il disagio che riporta in alcune fasi della vita può far parte dell'esperienza di ognuno di noi. Sembrerebbe però che in questo periodo tali pensieri le stiano impedendo di godere di ciò che la vita le offre. Non esiterei nella ricerca di uno specialista che possa aiutarla ad abbandonare queste paure.
Dr. Davide Livio