Utente 183XXX
salve a tutti.
il problema che vi pongo è diffuso, da quanto ho letto in queste ore.. ho tradito mia moglie (sposata da 8 anni due bambini) e lei l'ha scoperto da alcune mail. io ho negato tutto. Ma poi lei ha saputo tutto (quando come dove) dal marito di lei. è ovvio che la relazione esisteva e andava avanti da un anno.
ora lei è dilaniata dal dolore (e successo tutto due giorni or sono) e i particolari le vengono riferiti lentamente xchè l'altra sta confessando lentamente... io le ho chiesto di vedermi x dirle TUTTO ma proprio tutto, ma lei mi nega questa possibilità. e sta male. io vorrei ritornare a casa, ma lei me lo impedisce. posso sapere quali sono, freddamente, i processi umorali che lei farà? cosa mi devo aspettare? e i tempi, almeno x sapere se ho o meno la possibilità di recuperare?
un'ultimo quesito: stando alla vostra esperienza... il marito di lei, non direttamente, minacciato nei miei confonti percosse (di... lasciarmi a terra). secondo voi debbo preoccuparmi? grazie infinite del tempo che vorrete dedicarmi.

[#1]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
sua moglie sta comprensibilmente male, ma Lei come sta?
Cosa vorrebbe recuperare tornando a casa? Se da un anno aveva una relazione con un'altra donna, probabilmente le cose con sua moglie non andavano come Lei desiderava: è così?
Ai suoi figli com'è stato spiegato il suo allontanamento "forzoso"?
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol

[#2]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Egregio Signore, mi rendo conto della criticita' della situazione che riferisce, e penso che sia necessario per il momento "sospendere l'azione". Rispetti il dolore che sta dilaniando sua moglie e le dia il tempo di guarire alle ferite. Nel frattempo legga dentro di se' i suoi.desideri, i suoii sentimenti e i suoi propositi. Con sincerita' assoluta. Se il suo rapporto coniugale e' ancora realmente vivo questo consentira' di riprendere una reale comcunicazione con la sua famiglia.
3iguardo la minaccia che le e' stata rivolta: be', anche li' sara' lei a decidere più' o meno coscientemente. Se dentro di se' qualcosa la condurra' ad una espiazione, vi andra' incontro Irresistibilmente!
Mi faccia sapere, se vuole. Cordiali saluti.i
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#3] dopo  
Utente 183XXX

la ringrazio per la sua celere risposta. in ordine:
io sto male, sono rifugiato a casa di mio padre ma sono i ansia per tutto ciò che sta accadendo e per le conseguenze, per ibambini e xchè so che lei sta soffrendo. non nascondo anche un po' di paura per le minacce, indirette ricevute.
la relazione l'ho messa in piedi in quanto, non mi sentivo piu il centro del suo universo, messo dietro a bambini, casa , sorella, genitori. piu volte abbiamo parlato, ma mai preso serie decisioni su di noi. io vedevo famiglie che uscivano, mentre noi... no xche... dovevamo andare da sua madre (è un esempio).
vorrei tornare a casa perchè la rivoglio e le sro chiedendo, solo con sms xchè nn vuole vedermi, di cogliere l'occasione e ripartire. lei ora soffre, soprattutto, perchè mi ha dato due volte l'occasione di parlare e io nn l'ho fatto. ora ha saputo tutto dal marito di lei.
i miei figli .. al piccolo (3 anni) nn ha capiro quasi nulla xchè cmq li saluto la sera e stamattina sono stati 3 ore con me. al grande (6 anni) prima avevamo detto che il nonno , mio padre stava male e aveva bisogno di me, poi quando tutto è esploso io gli ho detto che mamma e papa avevano un po' litigato e papa stava dal nonno in punizione, ma che nn doveva avere paura perchè papa c'è sempre (tra l'altro abitiamo vicini).
cosa ne pensa? cosa mi devo aspettare e in che tempi? e le minacce?
grazie ancora

[#4]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
"posso sapere quali sono, freddamente, i processi umorali che lei farà?"

Chi può dirlo? Non ci sono due persone che reagiscono nello stesso modo. E soprattutto gli esseri umani sono imprevedibili, soprattutto rispetto tali questioni.
Mi spiego meglio: se colpisco una palla, seguirà le leggi della fisica per muoversi e quindi posso davvero aspettarmi e prevedere, ma se colpisco un essere umano non ci sono regole sulla sua reazione.

Pertanto segua il consiglio della Collega.

Saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#5] dopo  
Utente 183XXX

per la dott.ssa Esposito
grazie del consulto. se per "sospendere le azioni" intende con l'altra persona, da due giorni abbiamo, di fatto, troncato tutto e sicuramente nn abbiamo intenzione alcuna di vederci. è una mia collega di lavoro e io domani presenterò trasferimento. se poi si riferisce a mia moglie... e se lei lo interpreta come un "menefreghismo" se pensa che nn le sto vicino? io mi sono letto dentro, altrochè e per questo che vorrei dirle tutto io, indipendentemente da quanto stiano riferendo "altri". ora io mi tormento xchè la immagino a pingere, immagino il suo viso che si piega alle lacrime e il suo profondo dolore. poi penso alle due volte che mi ha aggredito, nn solo verbalmente, con una forza inaudita, mai vista. e x questo sto male.
per quanto concerne "riguardo la minaccia che le e' stata rivolta: be', anche li' sara' lei a decidere più' o meno coscientemente. Se dentro di se' qualcosa la condurra' ad una espiazione, vi andra' incontro Irresistibilmente!" che intende? io nn voglio piu avere rapporto interpersonali con "l'altra" assolutamente.. ma quindi lei pensa che il marito potrà.. cercarmi? è un professionista
grazie di nuovo

[#6] dopo  
Utente 183XXX

per la dott.ssa Pileci
grazie del tempo dedicato.
quindi secondo Lei io non dovrò fare nulla.. nn debbo chiedere niente e starmene da parte, senza far sentire la mia presenza. ma gli elementi di "disturbo" a tale processo, sono ovviamente i bambini che io nn voglio assolutamente perdere e le ho chiesto, per esempio,di portare domani a scuola... ora nn ho avuto risposta
sa dottore qual'è la mia paura? e che se tutto cio che c'è stato , i particolari, le vengono riferiti dall'altro che nn so se vuole o meno tornare con la moglie, finiranno per influenzare lei, il suo pessimo giudizio su di me.... ora il sentimento che provo è quello di paura, paura di perdere tutto.ùgrazie

[#7]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Per 'sospendere l'azione' intendo non fare nulla per ora. Con nessuno. Ora. In giro ci sono emozioni forti, rabbia, violenza. Lei e' in mezzo al crocevia di tutto questo. Lei lo ha determinato. Non puo' comportarsi come un bambino che pensa di potere correre ad abbracciare le gambe della mamma e di ottenere cosi' il suo perdono! Ora anche per Lei e' il momento della riflessione, della consapevolezza. Lasci che il tempo plachi tutto il tumulto che ora sta avvenendo. Sara' bene anche per Lei, abbia fiducia E calma.
Cordiali saluti.
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#8]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Non ho mai detto che Lei non debba fare niente; mi ero limitata a rispondere alla Sua domanda iniziale.
E comprendo che, con due bimbi così piccolini, non dev'essere facile per nessuno.
Comprendo anche il Suo bisogno di "riparare", spinto dalla paura di perdere tutto.

Tenga buoni gli spunti di riflessione della dott.ssa Scalco.

saluti,

Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#9] dopo  
Utente 183XXX

dott.ssa Esposito, grazie delle sue parole. l'esempio del bambino è chiarissimo.. attenderò i suoi tempi e ne approfitterò per riflettere.
ma, se posso, vorrei porLe un nuovo quesito.... se lei forza coi bambini? le ho inviato un sms circa un'ora or sono per farmeli salutare almeno per telefono. ma nn ho avuto risposta.
devo sospendere l'azione in tutto? e se , come mi immagino, verrà sua sorella o i suoi genitori ad aggredirmi, sempre verbalmente, rinfacciandomi di tutto di più.... che faccio?
grazie di nuovo

[#10]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Chieda scusa. A loro e a sua moglie. Spieghi la sua debolezza umana. Spieghi che non sempre si riesce a prendersi le responsabilita' con forza. Lasci che le rinfaccino quello che sentono. E' questa la espiazione che le dicevo. Cerchi di non ferirli con le menzogne. Riguardo i bambini non credo che sua moglie abbia interesse a far loro del male neanche con le parole. E quando li potra' vedere non le manchera' il modpo di dimostrare loro il suo immutato affetto.
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#11] dopo  
Utente 183XXX

l'ho sentita proprio ora, mi hanno chiamato i bambini x salutarmi. poi lei ha preso il telefono e mi ha riferito di quanto stia male e di quanto la stia facendo soffrire e di tutto ciò che ho fatto.. siete andati a cinema, i trasfera a roma 3 volte, facevate l'amore in auto, passeggiate, cene, ecc.ecc. mi vomita addosso tutto, è chiaro e compresdibile... io cerco di dire sempre che ha ragione, perchè è così e che nn ho capito nulla di ciò che accadeva.

[#12]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Ha ricevuto una ferita profonda ed e' un dolore enorme quello che sta soffrendo . Auguriamoci che sia forte e riesca a superarlo! E anche Lei! Buona serata, per quanto possibile!
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#13] dopo  
Utente 183XXX

grazie davvero dottoressa, la rileggerò con attenzione.
e grazie a chiunque volesse contribuire alla discussione. se posso vi terrò aggiornati. spero di scrivervi da casa, un giorno.

[#14] dopo  
Utente 183XXX

un'ultima considerazione che mi viene da dentro e che penso possa contribuire alla conversazione. quando mia moglie domenica sera ha letto sul telefonino le email, da domenica a giovedi io ho negato, pur essendo statami data l'opportunità di parlare, dicendo che c'erano solo ad email e telefonate.
Giovedi si è avuta la confessione dell'altra, sino ad arrivare ad oggi, domenica, in cui si è avuta una confessione completa. credo che con questo gesto l'altra parlando e confessando al marito tutto, ha sicuramente salvato il suo rapporto o cmq avrà un'occasione in piu per farlo... io ne esco invece stupidamente distrutto e oggi non vedo prospettiva. certo questo nn dovrebbe avere per me importanza, ma credo di poter solo crollare...
grazie di nuovo a tutti

[#15]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
"ma credo di poter solo crollare."

Oppure potrebbe provare a mettersi in discussione cercando di comprendere il significato del suo disagio e magari proporre a su moglie di rivolgervi ad uno psicologo-psicoterapeuta esperto in psicoterapia di coppia, per individuare insieme le risorse ancora presenti all'interno del vostro rapporto, trasformando così la vostra sofferenza in un'opportunità di crescita reciproca.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#16] dopo  
Utente 183XXX

egregia dott.ssa Campione, egregi tutti,
ho avuto una discussione telefonica di due ore con mia moglie in cui il suo tono è ovviamente di .. morte nel cuore... ha voluto sapere anche particolari intimi tra me e l'altra e io, comprendendo che questo peggiorava le cose, ho evitato di dirglielo.. ma lei voleva sapere, sapere e quando gliene ho accennato è esplosa dicendomi che nn mi potrà mai e poi mai perdonare e che me la farà pagare con tutto e tutti. quindi il Suo consiglio di rivolgerci ad uno specialista, nn credo lei lo potrà mai accettare, anche xchè lei nn crede piu in me, nn riesce proprio a perdonarmi e a nn pensare a quando io stavo fisicamente con l'altra persona...
xchè ha voluto sapere dei miei contatti "intimi"? xchè continua a farsi del male? io che devo fare, continuare a dirle tutto e a rispondere ad ogni domanda? lo so, ho la colpa di quanto sta accadendo, ma sono disperato e nn so che fare...
mi ha anche detto che sta mettendo da parte tutta la mia roba, anche l'estiva, perchè devo andare via, sparire dalla sua vita. che devo fare?
grazie a voi tutti

[#17]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
in un tradimento, non c'è mai chi tradisce echi viene tradito, ma le responsabilità sono sempre a metà strada.
Credo, che approfittando del disagio personale e di coppia, dovrebbe interrogarsi su quanto sente, su cosa cercava altrove, cosa ha sperimentato, quanto le ha dato l'altra donna e cosa non le da pià il suo matrimonio.
La separazione è sempre più semplice di un aricostruzione, che invece porta con sè dolore, rabbia, rancore, acredine e grandi quote di sofferenza.
Un terapeuta di coppia, potrebbe essere in gardo di aiutarvi o di aiurala.
Saluti
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#18] dopo  
Utente 183XXX

Egregia dottoressa Randone,
grazie della cortese risposta. io oggi mi sento di dire che la strada che voglio sinceramente intraprendere è la famiglia. la mia paura è che lei nn vorrà darmi questa ennesima possibilità, dopo quelle offerte, da domenica a goiovedi, di parlare. con me è adirata, ha sentimenti terribili e ovviamente la ferita brucia e lei sta male, malissimo. io vorrei fare un percorso con lei, ma quando ha saputo dell'inimità tra me e quest'altra persona è esplosa. nn capisco perchè perversamente richiede costantemente particolari intimi di noi..
comunque grazie e spero vorrete dartmi tuttii contributi necessari. Se permettete vi terrò informati.

[#19]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Le allego questo mio articolo ele faccio tantissimi auguri, sperando che possiate trovare una mediazione.
Saluti
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/223-coppie-infedeli-psicologia-del-tradimento.html
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#20]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gent.le utente,
è comprensibile che sua moglie sia sconvolta da mille emozioni diverse ma non credo che l'aiuterà rifugiarsi nell'autocommiserazione, anche se sua moglie non dovesse accettare di affrontare una psicoterapia di coppia, questo non significa che non possa iniziare Lei un percorso individuale, dimostrandole che sta seriamente cercando di affrontare le sue difficoltà.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#21] dopo  
Utente 183XXX

Egregi dottori, grazie davvero di quanto stiate facendo per chi, come me, è in un momento di assoluta confusione e malessere e ogni passo gli sembra l'ultimo. davvero vorrei che lei avesse un confronto con chi è più freddo e non inserito nelle emozioni del momento, come un dottore o con un consulto come questo
senz'altro proverò, non nell'immediato, a proporre una terapia di coppia e, nel caso di diniego, inizierò io una terapia. ciò che oggi mi tormenta è il suo sentirsi male, senza possibilità alcuna di riprendersi.. di quanto lei si stia autoflagellando con domande ed interrogativi..
se vogliate avere ancora la cortesia di seguirmi e di esprimere i vostri illustri pareri, sappiate che ne sarò contento.
grazie

[#22]  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Da quì seguirla, non serve a molto, ascoltarla forse.
Uno psicologo de visu, saprà contenere la sua storia ed aiutala fattivamente nel percorso di cura.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#23] dopo  
Utente 183XXX

grazie davvero, vi terrò comunque aggiornati sul'argomento

[#24] dopo  
Utente 183XXX

salve a tutti, mi permetto di espormi nuovi fatti... dopo una notte insonne in cui mi ha chiesto, via sms di particolari generali e intimi (dai regali a cosa si metteva per me) è passata a dire che oramai la ns famiglia è distrutta, che nn x'è alcuna possibilità di recupero, che è impossibile recuperare, che oramai la sua vita è dilaniata che nn esiste piu come donna. io ho cercato di chiederle di riavere fiducia e che potevamo ricominciare dai bambini. ma la cosa piu drammatica me l'ha detta stamattina... per una serie di coincidenze, passando sotto casa, lìho vista e le ho chiesto di parlarle.. innanzi tutta si vede che è provata nel fisico e nella mente... ma stamattina mi ha detto: tu dovrai sopportare un peso enorme per tutta la tua vita. alla morte nel cuore, seguirà la morte mia e dei bambini e tu sarai responsabile di tutto.
che devo fare? sono disperato.. mi devo aspettare gesti estremi?
grazie di ogni vostro consiglio.
Ah lei si sente con la madre, il padre una sorella, che secondo me nn hanno un buon effetto e nn parlano con me e con due cari amici con i quali riesco a parlare e che ci vogliono bene.

[#25]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Egregio signore, sul piano di realta' nessuno puo' indovinare quello che qualcun altro fara' per he' ognuno fa quello che vuole e quello che puo'. Posso pero' darle degli spunti di riflessione: esistono delle fasi di elaborazione del lutto reale e simbolico che sono la negazIone, la rabbia, la consapevolezza, la depresssione e l'accettazione. Sono tutte fasi cariche di emozioni contrastanti e profonde. Come le dicevo nei precedenti messaggi occorre tempo per attraversarle, diverso tempo. E' comunque positivo che anche in questo momento iniziale Lei e Sua moglie riusciate a parlare. E' un modo di elaborare entrambi la situazione, per quanto vi facciate del male vicendevolmente. Spero che questo mio parere le possa dare una chiave di lettura utile. Cordiali salut.i
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#26] dopo  
Utente 183XXX

egregia dottoressa, grazie davvero per i suoi preziosi consigli.
si credo che le emozioni oggi travolgono tutto. io ho visto il vuoto stamattina dentro ai suoi occhi... ogni volta io e lei parliamo (lei sa tutto da giovedi sera) pariamo bene (come è successo, cosa è successo) ma finiamo nn appena lei mi fa domande e/o pensa a quando stiamo insieme.... e fin qui ci sta tutto.... io sarei disposto a parlarle sempre.. se ciò dovesse essere necessario..
oggi sono sconvolto xchè se le fasi piu dure, mi sembra di capire, possano essere le successive e OGGI ha detto questo, ho davvero paura di tutto.
una considerazione... lei dice "sul piano di realta' nessuno puo' indovinare quello che qualcun altro fara' per he' ognuno fa quello che vuole e quello che puo'"... onestamente mi sta dicendo che se lei dovesse fare un gesto fore, spero mai, su di se o sui bambini ... io nn avrei colpa?
grazie

[#27]  
Dr.ssa Franca Esposito

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
La sua ultima frase da' la misura della sua angoscia in questo momento. Il senso di colpa. Non permette di vivere serenamente ne' di relazionarsi con le persone significative in modo funzionale al rapporto. Percio' devo anche io consigliarle di rivolgersi di persona ad un terapeuta, con il quale potra' parlare di tutto quello che ora le si agita nell'animo . Prendere coscienza di tutto quello che ha condotto Lei e la sua famiglia in questa situazione cosi' dolorosa. Penso che questo sia un modo positivo, costruttivo, di capirsi e perdonarsi. E avere la possibilita' di ricostruire un rapporto con la sua famiglia . Le faccio davvero i migliori auguri!
Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
Psicoterap dinamic Albo Lazio 15132

[#28] dopo  
Utente 183XXX

grazie davvero... seguirò il suo consiglio cercando un vadido suo collega in zona.
ma.. se posso, vorrei aggiornare tutti voi di questa dolorosa esperienza.
grazie

[#29]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gent.le utente,
se ha deciso di rivolgersi di persona ad uno psicologo-psicoterapeuta si troverà nella condizione di affrontare un percorso impegnativo quindi è consigliabile orientare le sue energie in quella direzione, anziché disperderle in continui aggiornamenti che nulla possono aggiungere ad un eventuale processo di introspezione.
A volte è importante focalizzare i propri obiettivi al fine di ottimizzare le risorse da utilizzare.
In bocca al lupo.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#30] dopo  
Utente 183XXX

salve a tutti,
ho preso contatto con una persona e a breve mi incontrerò.
il problema resta mia moglie e a quanto lei voglia fare questo passo.stanotte siamo stati a parlare per piu di tre ore... tra alti e bassi.. mi ha parlato del suicidio, ma anche di voler stare un po a bologna xchè durante il giorno va anche bene, ma poi entra nel terrore xchè ha davati gli occhi l'immagine di me e dell'altra che ci abbracciamo, ci baciamo, ci......
io l'ho sollecitata a fare per se sento qualcosa per il recupero di lei, della sua dignità.
grazie di tutto

[#31]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gent.le utente,
è evidente che sua moglie avrebbe bisogno di fare anche lei un colloquio con uno psicologo-psicoterapeuta al fine di elaborare le mille emozioni che sta vivendo e valutare la possibilità di iniziare un percorso che le consenta di fare chiarezza dentro di sé.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#32] dopo  
Utente 183XXX

grazie dei preiosi consigli. io per me sono convinto di fare il percorso.. tuttavia è mia moglie a nn volerci proprio pensare e ho paura della gente attorno (madre, padre, sorella) che in queste fasi concitate nn la consigliano al meglio.
grazie cmq della vostra vicinanza

[#33]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Accade molto spesso che le rispettive famiglie di origine interferiscano tentando di condizionare i membri della coppia, ma cerchi di avere fiducia nella capacità di sua moglie di valutare la situazione anche se in questo momento non ci sono riferimenti stabili all'interno del vostro rapporto, non vuol dire che sarà così per sempre.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#34] dopo  
Utente 183XXX

è vero e io stanotte ho percepito che tra di noi, per assurdo, quell'intesa di un tempo esiste ancora, anche da parte sua.. io ho sentito ce lei avrebbe voluto parlare al suo primo amore di quel farabutto che sono stato ultimamente.... io nn vorrei lasciare nulla di intentato, perché lei o ggi è dilaniata nell'intimo e, se nn si lascia aiutare, tutti i suoi "intimi" brandelli nn saranno recuperabili. dalle domande che fa (che slip, come lo facevate, ecc. ecc.) è evidente che lei si mette in gioco come donna, come "femmina" (perdonate il termine forte)......
vorrei acquistasse solo la consapevolezza che da sola, o con chi oggi la circonda, nn ce la puo fare... oggi viene prima lei e poi iol, i figli, la famiglia, ecc..
grazie di nuoo

[#35]  
Dr.ssa Sabrina Camplone

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
MOSCIANO SANT'ANGELO (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gent.le utente,
in questa situazione sembra che Lei voglia trattare sua moglie come quella che ha il problema, quando si tratta di una difficoltà che riguarda il rapporto di coppia e che probabilmente è nata prima dell'inizio della sua relazione extra-coniugale; Le faccio questa precisazione per invitarla a riflettere su sé stesso anziché vestire i panni di "salvatore di sua moglie.
Se la vostra relazione sopravviverà a questo tsunami sarà grazie all'impegno e al contributo di entrambi.
Dr.ssa SABRINA CAMPLONE
Psicologa-Psicoterapeuta Individuale e di Coppia a Pescara e Mosciano S.Angelo (TE)
www.psicoterapeuta-pescara.it

[#36] dopo  
Utente 183XXX

ha ragione... entro in competenze nn mie..
ma sono preoccupato.. x tutto e lei per prima...
grazie

[#37] dopo  
Utente 183XXX

salve.
volevo aggiornarvi a piu di 18 mesi di distanza...
vengo allo stato di fatto.
io e mia moglie viviamo separati da sei mesi, io vivo in una casa a sette km dall'altra, nn abbiamo relazioni fisse.
x i bambini: stanno con lei e io li vedo i fine settimana alternati e fissi l giovedi. le passo 900 euro a mese. , metà del mio stipendio
oggi cerchiamo di avere un rapporto "cordiale" anche se spesso ci scorniamo sui temi della separazione che lei addossa a me. da febbraio 2012 lei mi ha fatto rientrare, mi ha chiesto, e ho fatto, di vendere l'auto e di andare da uno psicoterapeuta di coppia. abbiamo iniziato a fare tutto questo ma poi quando io ho cercato di parlarle, anche dopo lo psicoterapeuta, delle cose che per me nn andavano, lei diceva che non erano cose importanti, cose come uscire insieme, andare in bici coi bambini, ricavarci uno spazio per noi. per lei erano cose "nn significanti" e nn potevano essere alla base del ns fallimento. cosi ho deciso di andare via, ho attrezzato una casa di proprietà in un paesino vicino e tra mille difficoltà oggi sopravvivo con dignità. avendo uno spazio esterno che prioma mi mancava, i bambini stanno con me serenamente. il problema è che a lei oggi manca un supporto foprte e la sento spesso disperata soprattuto per via dei bambini che sono molto "irruenti" e quando le offfro il mio supporto lei mi esclude.
penso che questa testimonianza possa servire a chi, come me, ha vissuto un tradimento e vorrei dire.. è inutile, se è stato fatto e siete stati sgamati... nn perdete rtempo evitate umiliazioni e andate via, se vi è possibile. a presto