Doc e ansia

Gentili dottori, sono una ragazza di 21 anni, da quattro anni soffro di DAP e ansia generalizzata. La cosa stava molto migliorando senza utilizzo di farmaci e con una psicoterapia breve. Finchè un bel giorno si è manifestato il DOC (paura di impazzire e farmi del male o fare del male ad altri), senza complusioni. Sono passate circa tre settimane e vedevo la cosa migliorare costantemente, evito di rimuginarci come consigliato, esco, mi distraggo e cerco di condurre una vita il più normale possibile, insomma iniziavo a stare molto meglio e a sentirmi più rilassata. Premetto che ho già contattato una psicologa che dopo un primo colloquio mi ha dato appuntamento a Settembre. Il problema in questi giorni è che mi sembra di faticare a concentrarmi, o meglio, sto bene per gran parte della giornata quando mi tengo impegnata a fare altro, ma poi la sera quando guardo un film o chiacchiero con il mio compagno/i miei familiari e "dovrei rilassarmi" spesso mi sembra di far fatica a tenere il filo del discorso. Se guardo un film per esempio trovo difficile seguire i dialoghi, e mi perdo in piccoli dettagli, come un acconciatura, un errore di scena ecc, o ancora se dialogo con qualcuno mi concentro più sulla frase, sul suono, lo ripeto in testa per esempio devo fare uno sforzo per quanto riguarda il contenuto, è come se fossi deconcentrata su ciò che è "importante" ma allo stesso tempo super concentrata su tutto il resto, colgo tutto, ma volendo cogliere tutte quelle cose le colgo con difficoltà, tutti i pensieri che faccio sono perfettamente logici e non hanno nulla di negativo, solo che mi impediscono di concentrarmi su ciò che vorrei, in più devo utilizzare diverse volte tecniche di rilassamento per riuscire ad addormentarmi. La cosa mi genera molta ansia e apprensione, non lo nego, è ovvio anche che più cerco di non fare così più lo faccio, e la cosa solitamente si risolve quando smetto di pensarci, e chiaramente mi accorgo di farlo in momenti in cui avverto l'ansia salire e voglio evitare di pensarci, solo che poi non riesco a smettere di conentrarmi su dettagli futili. Secondo voi devo rivolgermi ad uno psichiatra nell'immediato per valutare la cosa? Fa sempre parte del Doc e può essere "normale" in periodi di forte stress avere simili reazioni ed è meglio tenere duro fino a Settembre?
Grazie in anticipo per le risposte,
Cordiali Saluti.
[#1]
Dr.ssa Valeria Randone Psicologo, Sessuologo 17,4k 317 668
Gentile Utente,
Sembra trattarsi di una ricaduta.
È ovvio che da sola, cercando semplicisticamente di non pensarci, non riuscirà a trovare la serenità smarrita

Le suggerisco di rivolgersi ad una struttura pubblica dove troverà sua psicologo,che psichiatra , le diagnosi certa e terapia combinata

Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio molto per la risposta, ho già presto appuntamento con il medico di base per un impegnativa. Purtroppo d'estate certi servizi hanno tempi d'attesta molto lunghi perciò, nel mentre ha qualche consiglio per diminuire l'ansia e lo stress che ne consegue?

Coridali Saluti

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test