Utente 550XXX
Buonasera, sono una ragazza di venti anni e ho bisogno di informazioni riguardo problemi che mi stanno rovinando la vita. Sono sempre stata una ragazza divertente, sociale, spensierata, festaiola, non tornavo mai a casa. Amavo vivere e godermi ogni giorno. Era novembre, quando mentre stavo tornando dall’università nel pullman, ho iniziato ad avvertire improvvisamente una sensazione strana, come se il mio cuore saltasse. Da lì mi sono spaventata ed è nato l’incubo. Non sapevo bene cosa fosse, mi capitava spesso durante il giorno, ma mi avevano consigliato delle erbe (melissa, valeriana) perché secondo il medico si trattava di ansia. Premetto che anche mia mamma soffre di attacchi di panico da quando era ragazza e prende tuttora xanax e antidepressivi. Mi ero convinta che queste erbe funzionassero e così nel giro di una settimana tutto è sparito. A febbraio, circa, mi sono svegliata una mattina con forte dolore al petto e mal di schiena, da qui mi sono preoccupata tantissimo al punto da diventare ipocondriaca. Sono anche andata al pronto soccorso, mi hanno fatto l’elettrocardiogramma, ma era tutto apposto, mi dissero che era un’infiammazione alle cartilagini intorno allo sterno. Da quel giorno non ho più creduto al l’efficacia delle erbe naturali e difatti non funzionano più. Mi sveglio ogni giorno con la paura di morire, ogni settimana ho delle fissazioni (ad esempio mi impunto che non riesco più a deglutire e improvvisamente non ci riesco più e sputo il cibo), mi sono anche spaventata perché per la tensione mi vengono le unghie blu/violacee. Sono andata da poco all’ospedale per questo problema, ma anche qui mi hanno detto che è ansia, dalla tensione vasocostringo troppo. Ho avuto per molti giorni fitte alla testa, e avevo paura di morire, pensavo fosse qualche male al cervello. Ora sono settimane che avverto una sensazione strana mentre cammino, mi sento perdere l’equilibrio, la testa vuota o pesante, ho una sensazione come se stessi camminando sull’acqua e provo confusione. Il medico di base mi ha consigliato psicofarmaci, mi ha segnato xanax da 0,25 mg tre volte al giorno. Ma adesso ne sto prendendo solo quando sento il bisogno. Forse dovrei prenderle quante me ne ha dette il medico, perché nonostante prendo xanax avverto quella sensazione di perdita di equilibrio. Vorrei tanto andare da uno psicologo, ma i miei genitori sono contrari, sia per l’efficacia che per le spese. Se si tratta di ansia, dite che uno psicologo può aiutarmi? È efficace la cura?
Spero davvero di risolvere, tra poco vado in vacanza e ho paura di star male, non esco più, ho paura di rovinare la storia con il mio ragazzo, ho paura di fare qualsiasi cosa, persino dormire da sola e guidare. Non mi sto godendo più nulla, non riesco ad uscire, vorrei stare sempre a casa, solo li mi sento tranquilla. Se esco, dopo poche ore sento il bisogno di tornare a casa e solo quando torno mi sento bene. È devastante, un incubo!

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

ci dice che:
"Vorrei tanto andare da uno psicologo, ma i miei genitori sono contrari, sia per l’efficacia che per le spese.
Se si tratta di ansia, dite che uno psicologo può aiutarmi?
È efficace la cura?"

Ecco le risposte:

1.
Potrà effettuare incontri con lo/a Psicologo/a pagando unicamente il ticket presso le strutture dell'azienda Sanitaria:
- Consultorio,
- Unità di psicologia,
- Centro di igiene mentale,
di cui può documentarsi con una semplice telefonata.

2.
Sì, per l'ansia un percorso psicologico può sicuramente aiutare;
lo/a Psicologo/a Psicoterapeuta è il professionista adatto e preparato a ciò.

3.
La cura è efficace se il paziente collabora
e se assume
- ove prescritti in quanto considerati necessari -
i farmaci con regolarità, secondo indicazioni ricevute.

Ho schematizzato cercando di essere più chiara possibile,
anche per incoraggiarLa a prendersi cura di sè.
"Non mi sto godendo più nulla", ci dice,
e purtroppo è questo l'effetto dell'ansia
peraltro curabile.

Se desidera approfondire Le allego:

sull'abbinamento tra psicoterapia e farmaci
https://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6285-depressione-psicoterapia-e-piu-efficace-dei-soli-farmaci-nel-lungo-periodo.html ,

sulle innumerevoli manifestazioni dell'ansia
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1064-quando-il-corpo-va-in-ansia-i-sintomi-fisici-dei-disturbi-d-ansia.html .

Saluti cordiali,
se lo desidera ci tenga al corrente.

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia