Ansia incredibile post vaccino

Buongiorno,
ho 27 anni e venerdì mi sono sottoposta alla vaccinazione.
Era una cosa che aspettavo da mesi, ma le continue notizie di persone morte o in gravi condizioni negli ultimi tempi mi avevano resa un po' meno propensa... Poi il fatto che esattamente il giorno dopo il vaccino che ho fatto io (Johnson) sia stato destinato solo agli ultrasessantenni non mi ha aiutata.
È da venerdì che vivo nella paura di avere conseguenze gravi.
Io sono già di mio una persona estremamente ansiosa, talvolta anche soggetta ad attacchi di panico, e da quando ho fatto questo dannato vaccino non riesco a trovare pace.
Ogni minimo sintomo (anche un banale mal di testa) mi fa pensare subito al peggio, sono alla continua ricerca di fonti su internet che mi ribadiscano quanto sia raro avere come effetto collaterale una trombosi, ma poi immancabilmente penso: "Sì, ma se quel caso su 100. 000 fossi proprio io? ".
Qui a casa ho provato a parlarne con la mia famiglia, ma nessuno prende sul serio le mie paure, sono tutti convinti che starò benissimo e non riescono a capire quanto per me sia difficile crederci.
Sono arrivata anche al punto di avere paura di uscire di casa e proseguire la mia vita normalmente, così come ho paura di rimanere sola, penso sempre "E se poi mi sento male mentre non c'è nessuno?
E se mi sento male mentre sono in giro? ".
Non so più come gestire la situazione!
[#1]
Dr. Ferdinando Toscano Psicologo 139 9
Gentile utente,
Inutile che entri nella retorica sulla comunicazione che ha accompagnato la campagna vaccinale.

Provo solo a dirle intanto che un rischio di 1 su 100.000 per evento trombotico (in 1/3 dei casi circa con esito fatale) è un rischio che si manifesta esattamente nelle quantità statistiche espresse.

E vorrei che considerasse, però, che gli eventi trombotici per l'uso di anticoncezionali femminili si quantifica in almeno 2 su 10.000 casi.
E che il rischio di morire per il vaccino è paragonabile a quello che si corre facendo Roma-Bologna in auto.

Nessuno può garantirle che non le succederà niente, ma tutti possiamo garantirle che ciò è altamente improbabile, molto più di improbabile di un evento infausto durante moltissime e banalissime azioni quotidiane.

Per farsi una idea, legga questo contributo: https://www.wired.it/scienza/medicina/2021/06/15/rischi-vaccino-anti-covid-19/

Letto questo, smetta di cercare notizie sui vaccini e cerchi invece uno psicoterapeuta per la sua ansia.

L'ansia è una malattia, talvolta anche invalidante, e come tale va curata. Lei riferisce attacchi di panico, una manifestazione già abbastanza importante di questa malattia.
Cosa aspetta?

Un caro saluto

Dott. Ferdinando Toscano
Psicologo

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test