Utente 646XXX
Buonasera gentili dottori,
a marzo durante una visita di controllo al seno è stato rilevato all'esame ecografico un nodulo sospetto di 15mm, ma che il medico ritiene sia da riferirsi a un fibroadenoma begnigno. Tuttavia abbiamo fatto ulteriori indagini, e in particolare, avendo 40 anni, la mammografia e in seguito il prelievo per controllo istologico. Di seguito i referti:
- Ecografia:
l'indagine ecografica non rileva alterazioni ecostrutturali focali o diffuse sospette. Presenza di cisti semplici bilaterale, quella di diam 3 cm nel QSE SN è stata sottoposta ad agocentesi. Al QSE DX formazione ovaliforme ecosolida, ipoecogena diam 15mm riferibile ad adenoma. In entrambi i cavi ascellari linfoadenomegalia ad ecostruttura conservata.
- Mammografia:
Mammelle a struttura fibroghiandolare densa. Al QSE DX opacità ovaliforme, a contorni polilobati, diam 15mm con caratteri di benignità. Assenza di immagini patologiche in senso eteroplastico x-graficamente apprezzabili. Bilaterlamente nuomerose calcificazioni puntiformi sparse con carattere di benignità.
- Esame istologico:
Materiale inviato: frustoli nodulo mammela dx
Diagnosi istologica: Nelle sezioni consecutive valutate si ossrvano frustoli parenchimali frammentati caratterizzati da un quadro istologico di displasia. Stante il sospetto clinico, è consigliabile un controllo su più ampio materiale.

Il mio medico ha detto di stare tranquilla perchè si tratta di un nodulo benigno, ma che è da tenere sotto controllo perchè altamente vascolarizzato e quindi con tendenza ad aumentare di dimensioni.
Secondo la vostra esperienza, devo stare veramente tranquilla oppure è meglio fare ulteriori indagini?
Grazie mille per il cortese servizio che offrite.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Annoni

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Se si trattasse di un fibroadenoma si potrebbe stare tranquilli.

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/68-fibroadenoma-devo-operare.html

Annoni Andrea, MD

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Cara signora,
per comprendere appieno la mia "entrata a gamba tesa" sul collega (^____^) che io stimo molto avendo lavorato per anni con me, legga il consulto allegato di oggi dove una altra signora ha compreso bene perchè nella fase diagnostica occorra essere

CHIARI
SPIETATI
CINICI

https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/310152/Secrezione-monoporica-sierosa-monolaterale-seno

Non si può fare altrimenti su un nodo a 40 anni ritenuto clinicamente sospetto.

Verissimo è che "se si trattasse" di un fibroadenoma potrebbe stare assolutamente tranquilla.
Mai più opportunamente è stato usato il condizionale dal bravo collega.
C'è una riserva : ma lo è veramente ?.Non contano le nostre opinioni ma i dati oggettivi.

Andiamo in ordine

1) L'ecografia e la mammografia descrivono un nodo probabilmente a margini netti (suppongo. Dove trae la conclusione che sia vascolarizzato ? ) e concludono SENZA ALCUNA PROVA che debba trattarsi di un nodo benigno, verosimilmente quindi un fibroadenoma.

2) Un fibroadenoma a 40 anni?
Possibile ma OCCORRE DIMOSTRARLO
La prima cosa da chiarire : a quando risale l'insorgenza del nodulo ? Era presente negli esami strumentali degli anni precedenti ????

3) Vascolarizzato e clinicamente sospetto ??????? E la conclusione sarebbe benigno ????

4) l'esame che avrebbe dovuto dimostrare la benignità è l'istologico che nella descrizione ammette che sia inadeguato ai fini diagnostici, tant'è che richiede >>è consigliabile un controllo su più ampio materiale>>


La conclusione mi sembra chiarissima : NON C'E' UNA DIAGNOSI e senza diagnosi non vuol dire che possa trattarsi di un tumore, ma che richieda un approfondimento definitivo SENZA OMBRA DI DUBBIO, checchè ne dica il suo curante.

Spero di essere stato chiaro.

Ci aggiorni sugli sviluppi.


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
COME VOLEVASI DIMOSTRARE

https://www.medicitalia.it/consulti/Ginecologia-e-ostetricia/32723/Galattorrea-mammaria

A 36 anni nel 2008 Lei scriveva

1) >>Dall'ecografia eseguita sono risultate inoltre 2 cisti di 22 e 18 mm nel seno sinistro e una cisti di 14 mm nel seno destro. Il problema della presenza di cisti di piccola entità è presente da diversi anni.

Quindi abbiamo le prove che si tratti di un nodo a RECENTE INSORGENZA


b) con BEN 3 CASI DI TUMORE AL SENO !!!!!!!!

Ho 36 anni, senza figli e con ereditarietà di tumore al seno (nonna e due cugine)>>

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno

Conclusioni

Le potrebbe trarre da sola.
Ha un nodulo a recente insorgenza in una età in cui la BENIGNITA' VA DIMOSTRATA ASSOLUTAMENTE, clinicamente sospetto, vascolarizzato all'ecodoppler, associato a rischio familiare relativo (RR=4).

Tanti saluti e ci aggiorni se lo desidera.

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 646XXX

Gentile Dott. Catania,
il nodulo non era presente nell'ultima ecografia fatta 2 anni e mezzo prima, pertanto è di recente formazione.

Quale altro controllo dovrei fare per indagare sulla natura del nodulo? Un altro esame istologico? E in cosa si distinguerebbe da quello già fatto?

Sull'ereditarietà ho le idee abbastanza confuse, perchè i casi di tumore in famiglia sono dal lato paterno e alcuni medici anni fa mi dissero che contano i casi dal lato materno per poter considerare un fattore di ereditarietà.

Grazie per l'interessamento

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) >>perchè i casi di tumore in famiglia sono dal lato paterno e alcuni medici anni fa mi dissero che contano i casi dal lato materno per poter considerare un fattore di ereditarietà.>>

Non ho parole !!! Se parliamo di EREDITARIETA' converrà anche Lei , che non è medico, che qualche pezzetino GENETICO ce lo metterà anche il padre.
O no ? (^_______^)

Ma dove è andata a cercarsi queste informazioni....e poi a Milano ?
Non ci posso credere (nel senso che ci credo senz'altro !)

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/69-tumori-ereditari.html

2) Da quanto mi scrive Le consiglierei di FARLO ASPORTARE per dimostrane la benignità.

Se ha ulteriori dubbi, in considerazione della delicatezza (contrapposizione con il parere dei curanti ?) se vuole mi mandi pure una mail.

Su questo tema ho organizzato per due anni incontri gratuiti a Milano e quindi non mi costa nulla risponderle per chiarire definitivamente i suoi dubbi.

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-risch

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com