Utente 405XXX
Chiedo un consulto in quanto a fine ottobre si è ingrossato un piccolo linf colllonodo al collo dopo una settimana alle ascelle per poi passare ad inguine e clavicole. Sì pensava a una mononucleosi ma gli esami hanno evidenziato IGM negative e iggg 600 e tutti gli altri valori infettivi e infiammatori nella norma. Con l antibiotico si sono sgonfiati. È stata fatta un rx torace che ha evidenziato un opalescenza retrocarica di aspetto pseudonodulare, smentita poi da una TAC che nn ha evidenziato nulla ed è quindi stata riferita a immagine di composizione. In seguito ho fatto cmq visita ematologica e a parere dell ematologo vi era un impacchettamento di linfonodi laterocervicali a destra smentito poi dall ecografia al collo. Sono poi state fatte e 4 ecografie ascellari di cui due anche al seno perché persisteva un gonfiore ascellare a sinistra accentuato nella fase progestinica. La prima ecografia al seno e ascelle ha evidenziato cisti e fibroadenomi di massimo 10mm e linfonodi ascellari di cui il piu grosso di 2 cm di aspetto post reattivo in assenza di pacchetti linfonodali. Una seconda ecografia parti molli ha evidenziato un ectasia della ghiandola mammaria a livello ascellare soprattutto a sinistra con linfonodi reattivi di massimo 15mm. Una terza ecografia non ha evidenziato nulla di rilevante. L ultima ecografia ha evidenziato un linfonodo reattivo con ampio ilo di 20mmx 5mm ovalare a sinistra con 3 cisti nei quadranti superiori di 3 4mm. A destra formazione ipoecogena solida a contorni netti acalcifica 10x5mm e nei quadranti superiori due formazioni anaecogene di tipo cistico 4 5 mm.
Sono mesi che vivo nell ansia per questa situazione nn chiara. Mi consigliate ulteriori approfondimenti del linfonodo e ai seni? In tutto questo tempo non si e ancora capito il perché dei linfonodi gonfi e l unico più grosso è quello ascellare a sinistra che però solo due ecografista su 4 hanno visto. Ho avuto episodi di sudorazione notturna prima del ciclo e temperatura 37.3 massimo.
Attendo un consiglio sperando di porre fine a questo incubo o archiviando tutto o con una diagnosi certa.
Ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ma con tale approccio sia da parte sua che dei colleghi non ne verrà mai a capo. ( "ogni lesione diagnosticata...viene smentita dall'indagine successiva ????)

In sintesi se , ha l'età di mia figlia, Lei fosse una mia familiare farei un ultimo esame....per non pensarci più ed essere tranquillizzata DEFINITIVAMENTE.

Cioè una Risonanza Magnetica CON mezzo di contrasto

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Ora però in attesa degli approfondimenti non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
https://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 405XXX

Buongiorno Dott. Catania ringrazio per la risposta. La RM che mi consiglia la devo effettuare al seno o a tutto il torace? Preciso che la TAC torace è già stata fatta con mezzo di contrasto e dopo l esame sono stata visitata da una dottoressa dell equipe perché hanno visualizzato una zona infiammata al seno sinistro e ascella ma poi sulla TAC non è stato scritto nulla se nn assenza di linfonodi mediastinici e ascellari. Attualmente devo essere rivalutata dalla senologa dell istituto tumori per l' imbottimento ascellare sinistro che lei ha riferito in prima ipotesi a fibrolipoma ma che l ecografia ha detto essere edema a seguito di linfonodo di 2x0,5 mm con ampio ilo ovalare. ( mentre allo ieo nn vedevano il linfonodo ma ectasia mammaria ascellare).
Mi rendo conto che forse sto diventando ipocondriaca e che aver fatto 4 ecografie in 5 mesi è un tantino esagerato, ma è la mancanza di una comune interpretazione che mi genera ansia e il fatto che in tutta questa storia come ha ben precisato lei i medici evidenziano una lesione ( vedi opacelescenza all rx, vedi l impacchettamento di linfonodi al collo, vedi il linfonodo di 2 cm ascellare visto dal primo ecografista poi smentito dal secondo e terzo operatore e riconfermato dalla 4 ecografia, vedi il fatto che dalla prima ecografia sono emerse aree fibronodulari e che poi a distanza di 4 mesi il fibroadenoma visto dall ecografista è uno solo di 10x0,5mm) ecco tutte queste incongruenze mi generano un po di preoccupazione legata al fatto che comunque la mia linfoadenopatia generalizzata verificatasi ad ottobre non ha ricevuto alcuna diagnosi ne da radiologi ne da ematologi e tantomeno dall infettivologo. Cercherò comunque di stare più tranquilla e archiviare questa storia.
Mi chiedevo se potesse però essere una valida alternativa alla rm l esecuzione di un color doppler mammario.

Ringrazio per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Risonanza magnetica MAMMARIA

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com