Utente 277XXX
Salve, ho 30 anni, sono stato da un urologo perchè urinavo spesso, e mi ha diagnosticato la prostata infiammata e mi ha fatto fare la spermiocultura.
Tutto negativo, mi ha detto di prendere un pasticca al giorno dopo cena per un mese di ipertrofan, sono alla 8° pastiglia ora urino di meno ma ho sempre un bruciore sulla punta del pene, quando urino non ho nessun problema ne ho arrossimenti particolari ho solo questo bruciore all'estremità del pene soprattutto la sera, vorrei un vostro parere grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
pensare che soli otto giorni di terapia possano significativamente cambiare le cose in una prostatite è francamente ottimistico. I suoi sintomi sono abbastanza tipici, spesso il fastidio legato alla prostata si irradia anteriormente lungo l'uretra verso il glande, dove invece non vi è asolutamente nulla di alterato. La terapia che sta seguendo è una delle quasi infinite possibilità che lo specialista ha a disposizione. Come detto, una settimana non è sufficielte per giudicare, se alla fine della terapia i disturbi persistessero, il suo specialista avrà ancora molte alternative a disposizione. La negatività della spermiocoltura ovviamente non impone la prescrizione di antibiotici.

Salute
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 277XXX

grazie mille.

[#3] dopo  
Utente 277XXX

Salve, sono al 22° giorno di cura con ipertrofan, putroppo continuo a urinare spesso e per quanto riguarda il bruciore alcuni giorni va meglio poi magari ricomincia, pensate che dovrei tornare dal medico?
Io ho fatto la spermicoltura e lo spermiogramma, non ho fatto l'esame del PSA, secondo voi va fatto?
Grazie mille saluti.

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
il PSA è un marcatore tumorale della prostata, alla sua età non vi sono ragioni valide per utilizzarlo, anzi, in una situazione infiammatoria potrebbe dare risultati anormali ma assolutamente non specifici, innescando una inutile spirale di dubbi ed apprensioni. E' invece utile ripetere la spermiocoltura , anche se è abbastanza improbabile che vi siano variazioni rispetto a quella già eseguita qualche tempo fa. Per quanto riguarda i sintomi e la terapia, come già le abbiamo detto - nelle forme non acute - l'approccio è empirico e sostanzialmente palliativo. Anche il farmaco che lei sta utilizzando, la mepartricina (Ipertrofan), è una fra le moltissime possibilità di cui lo specialista dispone. Se i risultati non sono soddisfacenti, è probabile che il suo specialista proporrà qualcosa di diverso al prossimo controllo. Ricordi comunque che per la prostatite talora più che i farmaci valgono i consigli generali sulle abitudini e lo stile di vita, che certamente le sono stati impartiti.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 277XXX

purtroppo per quanto riguarda le abitudine e lo stile di vita non mi sono state dati nessun consiglio, non sapendolo non ho chiesto nulla.
Cosa intende per abitudini e stili di vita?
Grazie mille ancora.

[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore, i consigli generali che ogni specialista impartisce di solito in caso di prostatite sono:
evitare la sedentarietà eccessiva
praticare una attività fisica anche leggera (es. camminare) ma quotidiana
alimentazione regolare, frazionata in cinque pasti al giorno
limitare sale e cibi pesanti, superalcolici, birra
attività sessuale frequente, evitare rapporti troppo prolungati
non trattenere mai lo stimolo ad urinare
bere due litri d'acqua al giorno ...

... per dire solo i più comuni

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 277XXX

Salve, ho notato che l'unico momento che non ho questo fastidioso bruciore alla punta del pene e' la mattina appena mi alzo per un'ora circa sto bene poi inizia fino allanotte dove ho più' bruciore, devo tornare subito dal mio urologo? Grazie.

[#8] dopo  
Utente 277XXX

Salve, ho notato che l'unico momento che non ho questo fastidioso bruciore alla punta del pene e' la mattina appena mi alzo per un'ora circa sto bene poi inizia fino allanotte dove ho più' bruciore, devo tornare subito dal mio urologo? Grazie.

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
se i disturbi persistono e sono fastidiosi, ovviamente è opportuno parlarne nuovamente con il suo specialista di riferimento.

saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 277XXX

Salve dottore, sono stato dal mio urologo, mi ha detto che la prostata va molto meglio, però gli ho riferito che ho ancora bruciore e urino spesso, cosi mi ha prestritto di fare un tampone uretrale.
La mia compagna ha fatto tutti gli esami tampone ecc.. e non ha nessuna infezione, mi domando se avessi io un'infezione l'avrei fatta prendere anche a lei e dagli esami risulterebbe.
Questo bruciore potrebbe essere causato dal ipertrofan? oppore da uno stato di stress visto che in questo periodo lavoro moltissimo?
un'ultima cosa gentilissimo dottore il tampone uretrale fà male??