Utente 281XXX
Buongiorno, ho iniziato ad avere perdite di sangue circa 3 anni fa', vedendo delle macchie sugli slip e successivamente dopo alcuni mesi vedendo sangue nelle urine. Questo e' avvenuto in alcuni periodi dell'anno, e maggiormente nel periodo invernale quando iniziavo ad urinare vedevo sangue macroscopico, poi urine chiare e concludevo con goccie di sangue alla fine della minzione. Mi accadeva a volte dopo essere andato di corpo vedevo goccie di sangue, premetto di essere molto stitico per cui dovevo sforzarmi molto per andare di corpo. Anche durante alcuni rapporti sessuali vedevo sangue nello sperma.Quando vedevo questi problemi prendevo degli antibiotici che in qualche modo mi aiutavano non vedendo piu' sangue nelle urine per un certo periodo. Premesso tutto cio' facevo diversi controlli Cistoscopici N°4 a distanza di circa sei mesi ognuna, tutte negative. Numerosi esami ecografici sempre negativi. Uricultura...controllo per tre giorni consecutivi delle urine negativo. PSA sempre inferiore a 1.....0,6 - 0,7 mediamente.
Finche' avendo visto ultimamente nel mese di Settembre troppo sangue sia alla mattina che alla sera durante una giornata mi sono impaurito ed ho deciso di operarmi con il metodo TURP, prima dell'intervento oltre ai soliti esami di controllo mi facevano una UROTAC la quale non evidenziava nulla di pericoloso in nessun organo Evidenziavano solo una IPB, ed un terzo lobo nella prostata con una prostata di circa 47 grammi.
Il 19 Novembre sono stato operato e dopo circa 5 giorni con il catetere sono stato dimesso con una diagnosi di IPB. Ho perso sempre molto sangue in ogni momento della minzione che e' diminuito leggermente con il passare dei giorni, ma continua regolarmente tutti i giorni pur a 22 giorni dall'intervento. Avviene sempre all'inizio della minzione con qualche goccia rossastra a volte anche alla fine. Specialmente al mattino quando mi alzo ed a volte anche dopo essere andato di corpo. Sono molto meravigliato che pur essendomi operato la mia problematica continua se non e' addirittura peggiorata. Durante l'intervento il chirurgo mi diceva che la zona era molto vascolarizzata e non poteva andare oltre altrimenti avrei rischiato una emorragia e che al 80% avevo risolto il problema altrimenti dovro' rioperarmi con l'intervento ad addome aperto. Gli avevo chiesto se fosse stato possibile conservare la eiaculazione normale, cosa che e' rimasta normale ad oggi anche dopo questo intervento. Volevo chiedervi un parere se puo' essere normale avere sangue tutti i giorni durante la minzione anche a 22 giorni dall'intervento? Quanto tempo puo' impiegare una zona vascolarizzata come la mia a cicatrizzarsi?
Esistono delle possibilita' reali che abbia potuto risolvere il mio problema o ritenete che sia stato solo un tentativo questo TURP nel mio caso? Ho notato sicuramente una cosa molto positiva il getto e' veramente diverso. Nel caso non avessi risolto qual'e' la soluzione meno invasiva per risolvere il mio problema? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
ho letto attentamente la sua storia è Le dico subito che 22 gg non sono sufficienti ad una guarigione postturp.
Mentre mi domando se abbia eseguito una TURP o una TUIP ( incisione prostatica) perchè solitamente dopo turp si ha eiaculazione retrograda.
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#2] dopo  
Utente 281XXX

Egregio Dott. ho eseguito una TURP diciamo imperfetta per non avere la eiaculazione retrograda. Praticamente ha operato fin dove ha potuto in quanto e' stata una mia richiesta esplicita se era possibile evitarla.
E' normale avere sempre sangue? Qual'e' il tempo che lei ritiene necessario per una guarigione postturp?
La ringrazio e saluto cordialmente.

[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Di solito la guarigione completa richiede 60 gg ma è in dipendenza del materiale resecato.
E' una domanda che deve porre al collega che la ha operato per evere una risposta più precisa
Dott.Roberto Mallus