Utente 440XXX
Buonasera. Mio padre, 82 anni, 6 mesi fa in seguito a infezione delle vie urinarie ha eseguito ecografia reni-prostata-vescica di cui riporto il referto:

"Reni: dimensioni normali, margini regolari, spessore cortico-midollare conservato. Non calcoli ed idronefrosi. Alcune cisti costicali bilateralmente (max circa cm 3 a sinistra).
Vescica: distesa, pareti ispessite con pseudodiverticoli come per vescica da sforzo. Base improntata dalla prostata, residuano dopo minzione 600 ml circa. Presenza di sedimento e calcolo endoluminale di mm 17 circa.
Prostata: dimensioni aumentate (volume circa 90 ml), margini regolari ecostruttura disomogenea. Lobo medio ipertrofico. Non dilatate le vescichette seminali".

In seguito è stato sottoposto a cura con Omnic, Finastrid, Lasix
(per altre patologie prende anche Blopress, Sideral Forte, Lercadip, Pervene)

A distanza di tre mesi espelle naturalmente quel calcolo endoluminale di mm 17 circa, perciò eseguiamo una nuova ecografia per vedere l'andamento.
"Vescica distesa con pareti pseudodiverticolari in rapporto a vescica da sforzo. Non formazioni espansive parietali nè attualmente evidente contenuto litisiaco. Modesto svuotamento del viscere con la minzione. Prostata aumentata di volume (diam.trasv. 48 mm) con ipertrofia del lobo medio. Vescichette seminali regolari".

Da qui nessun problema fino a qualche giorno fa quando ha accusato macroematuria solo al mattino, solo alla prima urina, poi le urine restano rosate leggermente. Nessun altro sitomo tipo bruciore o stimolo impellente ad urinare.
Eseguiamo nuovamente un'ecografia così come consigliato dal nostro urologo.
Di seguito il referto:
"Vescica distesa e apparentemente alitiasica. Non evidenti lesioni focali, diffuso ispessimento della tonaca muscolare. Residuo post-minzionale di circa 500 cc. Prostata di volume aumentato (circa 50 ml) con ecostruttura disomogenea".

Ora faremo un esame delle urine con urinocoltura, ma voi che ne pensate alla luce dell'ultimo referto? La prostata è diminuita di volume enon ci sono nè calcoli nè papillomi. Unico punto è quel "diffuso ispessimento della tonaca muscolare" che mi lascia dei dubbi o può riferirsi a quel "pareti pseudodiverticolari in rapporto a vescica da sforzo" dei precedenti referti? Le ecografie sono state fatte in 3 strutture diverse.

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
E' evidentissimo che la vescica non si svuoti bene, con un residuo molto elevato di urina. Questo può non essere accompagnato da sintomi evidentissimi, ma costituisce una condizione che necessita di una risoluzione rapida con l'inserimento di un catetere vescicale, in previsione di un possibile intervento disostruttivo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 440XXX

Grazie dottore per la risposta. Le chiedo scusa ma rileggendo il mio post mi sono accorto di aver commesso un errore, il residuo postminzione è di 50 cc e non 500 (mi è scappato uno zero in più).

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Uno zero in più vuol dire moltissimo perbacco! D'ogni modo vi sono i segni inequivocabili di una vescica da sforzo, pertatoi le indicazioni all'intervento vanno certamente discusse.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 440XXX

E quel "diffuso ispessimento della tonaca muscolare" può riferirsi a quel "pareti pseudodiverticolari in rapporto a vescica da sforzo" dei precedenti referti?
Anche le urine scure potrebbero essere segno dello sforzo che fa e ha fatto la vescica? Ovviamente siamo in attesa dei risultati delle analisi delle urine.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La vescica si ispessisce per far fronte ad una ostruzione e lo sfiancamento si manifesta con la formazione dei diverticoli. Dire "urine scure" ha poco significato. La presenza di sangue è accertata direttamente dall'esame delle urine, che rileva la reale densità e la presenza o meno di tracce di sangue.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 440XXX

Di seguito i risultati degli esami delle urine. Specifico che da qualche giorno le urine sono tornate chiare. E' evidente l'infezione (tra l'altro lo stesso batterio lo ha colpito 8 mesi fa e lo debellammo con iniezioni di antibiotici).

Aspetto: opalescente
Colore: giallo scuro
pH: 6.0
Peso specifico: 1.007
Glucosio: assente
Bilirubina: assente
Corpi Chetonici: assenti
Emoglobina: +++
Proteine: 0.3 (<0.1 g/l)
Urobilinogeno: normale
Nitriti: +--
Muco: assente
Deposito: assente
Creatinuria: 100 (10-300 mg/dl)
Proteine/Creatinuria: 300 (fino a 80 mg/gr)

Sedimento urinario:
Emazie: 30 (0-2 cellule per campo microscopico)
Leucociti: 50 (0-6 cellule per campo microscopico)
Flora batterica: discreta
Cellule vie urinar.: rare delle b.v.u.

Urinocoltura
Ricerca GRAM (-): Pseudomonas Aeruginosa
Ricerca GRAM (+): negativa
Ricerca miceti: negativa
Carica batterica;: 1.000.000 CFU/ml (<10.000 CFU/ml)

Antibiogramma allegato.

Il quadro è compatibile con l'infezione?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si conferma la modesta infezione, compatibile con il problema ostruttivo ed il relativo ristagno vescicale. Una breve terapia antibiotica sarà opportuna.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 440XXX

Grazie dottore è stato gentilissimo.