Utente 442XXX
Salve,

ho 26 anni ed e' la prima volta che scrivo per un consulto su medicitalia.
Nell'arco dell'ultimo anno, ho avvertito due volte un dolore costante, durato per circa una settimana, nella zona interna all'ano a pochi centimentri dall'ingresso e localizzata verso i genitali. La parte che sento dolente e' quella che si usa per fare pipi' e si contrae durante i rapporti sessuali, facendomi eiaculare. Il dolore dura circa un paio di giorni, costante e sordo, raggiunge un'apice e dopo qualche giorno si calma e mi passa.
Durante una fase acuta ho notato che ho difficilta' a fare certe cose: dolore a stare seduto o in piedi, leggera difficolta' ad urinare solo al mattino. Ogni tanto sento delle vibrazioni in quella zona, interno dell'ano e tra ano e scroto. Inoltre l'erezione del pene, pur permettendoni buoni rapporti sessuali, se non viene stimolata fisicamente, tende a scomparire dopo qualche secondo. Ho trovato sollievo stando sdraiato o sulla tazza del water. Oltre a questo dolore, non ho altri problemi. Faccio i miei bisogni, urinare e defecare, tranquillamente.

In passato sono stato operato ai testicoli, al sinistro (9 anni) per torsione e al destro (19 anni) per idrocele in seguito ad orchiepididimite cronica. Circa ogni anno o due faccio una visita di controllo, con annessa ecografia.

Ne ho parlato col mio medico di base che mi ha prescritto una visita urologica, che faro' a breve, e gli esami delle urine, che non hanno dato segni di problemi di salute.

Potrebbe essere la prostata? Ho letto che i miei stessi sintomi potrebbero essere anche quelli della nevralgia del pudendo. Posso far presente all'urologo che mi visitera' anche quest'ultima ipotesi per dalle indagini?

Vi ringrazio per la disponibilita'.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

a tutti i quesiti finali, da lei posti, le si può rispondere con un preciso e sintetico sì.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-e-terapeutiche.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-le-malattie-della-prostata-stili-di-vita-prevenzione-e-nuove-indagini-diagnostiche.html

https://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com