Utente cancellato
gent .mi dottori mio papa' ha 89 anni ma veramente in gambissima : autosufficiente ,legge ,viaggia ,passeggia con il suo amato cane va in bici e fa una vita molto molto attiva e mentalmente e' un ventenne ! .
circa 2 anni fa abbiamo fatto fare una visita urologica poiché aveva da anni distrurbi alla prostata ecco i referto :
La visita urologica con esame prostata ecco il referto :87anni da anni in terapia con Omnic con riferita perdita di beneficio .
Psa 21,7 con esame urina negativo
RR prostata mal valutabile per conformazione ma di consistenza aumentata all'apice non sembrano apprezzarsi masse pelviche
Si consiglia Avodart 1 al di' alla sera (alle 20,00)
Ecografia addome e visita urologica tra 2 mesi .
Dopo 2 mesi circa abbiamo fatto una ecografia nella quale non si riscontrava nulla di anomalo ,PSA rifatto era abbassato a 12
Il medico quindi ha messo in piu' un altro farmaco che ora non ricordo il nome ,quindi prende avodart e un altro farmaco .
A detta di mio padre non vi sono evoluzioni nella sua malattia ( a noi avevano detto un probabile tumore alla prostata ma non operano piu' a quella eta' e di continuare la terapia con i farmaci mio Papa' ovviamente non sa nulla ) dice che con i due farmaci va un attimo meglio ma ovviamente di notte si alza 3/4 volte a notte come negli anni addietro non e' peggiorata ma neanche migliorata .
Ora da circa un mesetto mio papa' ha dolore alla schiena alla mattina e dopo alzato circa mezz'ora sta un po' meglio , ha preso qualche volta un antidolorifico ma con poco beneficio ora non prende nulla ,abbiamo insistito di effettuare almeno una lastra ma nulla mio papa' e' piu' duro di una pietra e non vuole fare nulla dicendo che a 90 anni e' normale aver il mal di schiena .
Volevo chiedere anche perché doveva rifare visita dopo 6 mesi dall'andrologo ma non e' piu' andato perché non vuole andare per ospedali .
Il mal di schiena e' possibile sia dovuto alla prostata ?
Siamo un po' preoccupati anche se mio padre fa a vita di tutti i giorni si muove va in bici, passeggia in collina col cane gira insomma e' piu' attivo di me , e mangia normalmente .
La ringrazio per la sua gentile risposta cordiali saluti buon lavoro

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La prima cosa che viene da dire è che suo padre fa benissimo a star lontano da medici ed ospedali, se alla sua veneranda età è così fortunato da poter condurre una vita così attiva, anche mentalmente. Certamente se vi fosse qualche grave problema di salute la sua vita ne sarebbe evidentemente condizionata. A quasi 90 anni la presenza di un (piccolo) tumore della prostata è statisticamente quasi una certezza, che questo sia di per sè causa di disturbi o metta a repentaglio la vita stessa è quasi impossibile. Se si volesse pensar male ed interpretare questi dolori alla schiena come colegati ad un tumore alla prostata il PSA dovrebbe essere assai più alto. Se le condizioni generali sono così buone, i disturbi ad urinare importanti e la terapia farmacologica inefficace, si potrebbe candidare ad un intervento disostruttivo tale a quale a quello che viene abitualmente eseguito su pazienti di 20 anni più giovani. Ma non crediamo che suo padre sarebbe molto d'accordo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
349023

dal 2017
grazie intanto per la sua gentile risposta insomma stiamo abbastanza sereni allora direi senza (per ora ) fare visite esami tac e quant'altro e cose che potrebbero irritare la pazienza di mio papa' grazie mille per la sua gentile risposta saluti cordiali