Utente 417XXX
Buonasera,
effettuando biopsia prostatica con valore di PSA 5.6, la stessa risultava positiva per adenocarcinoma.
Ho effettuato inoltre scintigrafia ossea e TAC totalbody con e senza mdc,tutti negativi.
Ho effettuato due consulti, ed entrambi i professionisti, pur arrivando alla conclusione della necessità di effettuare intervento di prostatectomia totale con robotica, uno dei due indicava necessaria una PET PSMA prima dell'intervento, mentre il secondo mi indicava la necessità di effettuare una RM prostata multiplanare.
Ai fini di un intervento risolutorio anche per gli effetti post-operatori, quale iter le pare più appropriato?
La mia paura è che senza una RM prostata multiplanare il chirurgo non possa effettuare l'intervento nella maniera più accurata possibile onde evitare o limitare il deficit di impotenza.
Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Posto che sarebbe stato più corretto eseguirla prima delle biopsie, la risonanza magnetica multiparametrica è certamente l'indagine più precisa per valutare il volume e la posizione di eventuali lesioni, in particolare i loro rapporti con il margine della prostata, cosa che può spingere il chirurgo ad una asportazione più o meno approfondita.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 417XXX

Gent.mo dottore,
A questo punto mi consiglia di effettuare ugualmente la RM multiplanare considerato la biopsia già effettuata oppure ripiego sulla Pet?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Diremmo, meglio la risonanza multiparametrica (il temine multiplanare non é corretto). Utilizzeremmo la PET se vi fossero fondati sospetti di lesioni ripetitive a distanza, non ci pare questo il caso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing