Utente 432XXX
Salve dottore sono una ragazza di 21 anni... ho fatto le analisi delle urine ed è risultata infezione da escherichia coli(gia la tengo da un anno,ogni volta la curo e poi ritorna)...ho fatto anche una visita ginecologa ed è risultato dal pap test la cervice infiammata, con candida ed anche cistite... Io prendo da un anno la pillola kipling...adesso dall ultima mestruazione(12 Maggio) sto continuando ad avere perdite di sangue però non tutti i giorni,si fermano per un paio di giorni,poi ritornano per qualche ora e così via... ho anche prurito e un po di bruciore... Ho parlato con la mia ginecologa e mi ha detto di aspettare un altro po'...ma vorrei sapere se il sanguinamento può dipendere da queste infiammazioni e infezioni che sto avendo? Per l infezione da escherichia coli sto prendendo l augumentin...mentre per la candida mi ha prescritto due pillole di elazor.
Vi scrivo i risultati delle analisi mi sembra anche che sia presente sangue nelle urine leggendo l emoglobina,potrebbe essere un problema ai reni?
ESAME CHIMICO-FISICO
Aspetto Torbido
Colore Giallo Paglierino
Peso specifico 1028 (1005 - 1030)
pH 5,5 (5,0 - 7,0)
Glucosio Assente mg/dL (< 20 Assente)
Corpi chetonici Assenti mg/dL (< 2 Assenti)
Urobilinogeno < 1.0 mg/Dl (< 1.0)
Bilirubina Assente mg/dL (< 0.05 Assente)
Emoglobina 0,06 mg/dL (< 0.03 Assente)
Nitriti Presenti (Assenti)
Esterasi Leucocitaria 100,0 E.L./µL (< 25 Assente)
Proteine 15 mg/dL (< 30 Assenti)
ESAME CITOFLUORIMETRICO
Emazie 22 n°/uL (0 - 15)
Leucociti 189 n°/uL (0 - 20)
Cellule Epiteliali 19 n°/uL (0 - 20)
Batteri 14569 n°/uL (0 - 500)

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I batteri Escherichia Coli derivano certamente dal suo intestino, sulla cui fonzionalità non ci dice nulla, ma immaginimo non sia perfetta. Più che insistere con gli antibiotici, bisognerebbe appunto concentrasi sull'intestino, la sua funzione, l'equilibrio della sua flora batterica. Questo è un po' più impegnativo di limitarsi a d assumere delle compresse, poiché è necessario sentire eventualmente il parere di un gastro-enterologo e di un nutrizionista.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing