Utente 388XXX
salve, qualche il 21 maggio in seguito ad un forte dolore testicolare mi sono recato al pronto soccorso e mi hanno tenuto li una settimana ed alla fine è emerso che ero affetto da un seminoma di tipo classico (forma pura) pt1 confermato dall'istologia, mi sono operato il 13 giugno, asportazione del testicolo sinistro, il tumore era 2.1 cm, senza invasione vascolare, con invasione della rete testis, cosi' l'oncologo per precauzione mi ha fatto fare 1 ciclo di carboplatino, ora volevo chiedervi, prima dell'operazione i marcatori erano tutti negativi compresi il beta hcg che era < 2.39 ora dopo l'operazione sempre uguale, e dopo 1 ciclo di chemio è rimasto sempre a < 2.39, pero' la cosa strana è che quando ho fatto l'esame presso un altro laboratorio mi diceva che il beta hcg di riferimento nei valori dormali per l'uomo deve essere < 2 mentre quando sono andato all'ospedale a rifarlo era sempre < 2.39 ma il loro riferimento è da 0 a 4, per cui volevo capire il beta hcg risulta negativo essendo < 2.39 ? e come mai non si è mosso da li ? ho letto che a molti dopo l'operazione si è azzerato

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il fatto che il risultato sia esattamente lo stesso "al centesimo" certamente un poco stupisce e può far soregere qulche dubbio. La semplice curiosità ci spingerebbe a far ripetere l'esame. In ogni caso si tratta di valori estremamente bassi, la positività si questo marcatore si presenta sempre con risultati decisamente superiori (10-100 volte di più), pertanto diremmo che non vi sia alcun dubbio dal punto di vista oncologico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 388XXX

Grazie della sua risposta dottore, sia prima dell'intervento che dopo l'intervento ed anche dopo il ciclo di carboplatico è rimasto invariato ? cio' cosa puo' significare ? che non sono guarito ? la tac prima dell'intervento era negativa, ora ho rifatto la tac e sto aspettando il risultato

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo scritto, il valore della betaHCG resta sempre molto basso, non può azzerarsi completamente anche in condizioni normali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 388XXX

Ok grazie mille, un ultima domanda, prima dell operazione il marcatore CEA era 0,6 dopo L operazione e’ Diventato 1, secondo lei questa può essere una variazione che può allarmare ?

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Vale lo stesso discorso, sono valori molto bassi che rientrano nei limiti della norma.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 388XXX

Salve dottori, volevo aggiornarvi, ho fatto la tac di controllo dopo 3 mesi dall'operazione e dopo 1 ciclo di carboplatino, e fortunatamente tutto bene, pero' mi hanno riscontrato una steatosi focale al fegato, mentre l'ecografista l'aveva scambiata per un'angioma, quindi ora tra le due ipotesi quale sarà quella certa ? immagino che dalla tac si veda meglio che cos'è quindi penso che la certezza sia la risposta della tac ? ho notato anche che si è rimpicciolita anzi dimezzata dopo circa 1 mese, ma la domanda ora importante èla seguente, dai risultati della tac mi risulta di avere 1 ciste di 10mm al rene sinistro, fatalità proprio dove ho fatto l'orchiectomia, che era il testicolo sinistro, ora sono preoccupato perch 1 siamo sicuri che è solo una ciste e non altro ? dalla tac si riesce a distinguere bene ? o mi consiglia un'ulteriore approfondimento ? perchè sul referto della prima tac che ho fatto all'ospedale 21 giorni prima dell'operazione non c'era scritto nulla al riguardo ? non riportava cisti ? ed anche quando ho fatto l'ecografia all'addome completo non hanno trovato cisti al rene ora da 1 mese all'altro 1 ciste di 10mm, sono in dubbio lei che dice dottore ? dall'ecografia forse fatta all'addome non si vede il rene cosi' nel dettaglio ? per questo non l'aveva visto ? e la tac precedente come mai non l'aveva riportata ? una svista ? cosa pensa ?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Una cisti rebnale di 10 mm è molto piccola e può sfuggire anche alla TAC che lavora su sezioni generalmente eseguite a 8 mm l'una dall'altra. L'aspetto radiologico è assolutamente tipico e si tratta di una manifestazione assolutamente priva di significato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 388XXX

grazie dottore per la sua risposta, pero' quando ho fatto l'ecografia all'addome completo come mai non l'ha vista l'ecografa ? si sarebbe vista dall'ecografia all'addome se c'era ? come è possibile che da un mese all'altro ne spunta una di 10mm ?

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Da tempo abbiamo imparato a non stupirci delle contraddizioni delle ecografie, comunque in questo caso si tratta di una cosa assolutamente priva di importanza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 388XXX

Salve dottore, oggi ho avuto la visita dall'oncologo, la tac come gia' anticipato fortunatamente è negativa, pero' questi betaHcg sono rimasti invariati, ho chiesto al mio oncologo e mi ha detto che visto che c'è scritto < 2.39 potrebbe non essere uguale, ma di meno, pero' visto che viene segnato solo con un indice di inferiorità di quel valore sembra invariato, ma in ogni caso lui mi ha detto "basta sei guarito pensaci solo nelle 2 volte l'anno quando devi fare i controlli" il betahcg è apparentemente invariato pero' la tac è negativa, quindi se ci fosse stato altro penso si sarebbe vista dalla tac, ma quei valori come mai sono rimasti cosi' ? potrebbero essere i miei valori normali ? perchè del resto non ho mai fatto nella vita la betahcg a parte la prima volta quando sono stato ricoverato all'ospedale per sospetta neoplasia testicolare, ed era sempre < 2.39

[#11] dopo  
Utente 388XXX

poi volevo aggiungere che anche il mrcatore alfafetoproteina è rimasto invariato < 1.3 valore di riferimento da 0 a 8
ma come perchè non riportano dati precisi e indicano che è inferiore di 1.3, perchè quello che non si capisce è di quanto è sceso con precisione, l'ho eseguito anche in un laboratorio esterno all'ospedale pero' mi viene riportato sempre che è < 2.39, come mi ha consigliato lei ripetero' l'esame, tra qualche settimana cosi' verifico, anche se per l'oncologo non c'è bisogno, la mia perplessita' è, è rimasto invariato ?! oppure è sceso un po' ad esempio ora è sceso a 2,25 pero' mi viene riportato sempre come < 2.39 e quindi non si vede di quanto è sceso con precisione lei che dice ?

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le ripetiamo ancora una volta che nell'ambito normale per questo esame le variazioni non hanno alcun significato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 388XXX

Salve dottore vorrei portale in altra domanda visto che ho letto già qualche sua risposta nel argomento per cui e’ Abbastanza esperto al riguardo, nel testicolo sinistro quello asportato per seminoma precedentemente c erano 2 calcificazioni è una ciste, ora la mi preoccupazione è che facendo L ecografia a quest altro ci sono anche qui delle microcalcificazioni, mi hanno detto controllarlo ogni 6 mesi, ho fatto 1 ciclo di carboplatino e mi e’ Stato detto che questo oltre ad abbassare la recidiva abbassa anche la percentuale di probabilità di sviluppare tumore nel altro testicolo ma sa ora la mia preoccupazione visto che avevo delle calcificazioni dove c era il seminoma ora avendocele anche qui queste microcalcificazioni sono preoccupato basandomi sulla mia esperienza leggendo in giro ci sono pareri contrastanti lei cosa dicendo al riguardo ? Persone che hanno calcificazioni hanno poi sviluppato tumori li nel corso della vita oppure non tutte ? Che mi dice ? Grazie in anticipo della sua gentile risposta

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il riscontro di calcificazioni testicolari è molto frequente all'ecografia nella popolazione generale, il loro collegamento con lo sviluppo di tumori ha un valore unicamente statistico, parlando comunque di percentuali bassissime.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#15] dopo  
Utente 388XXX

Grazie dottore mi ha tranquillizzato molto

[#16] dopo  
Utente 388XXX

salve dottore ho un'altra domanda mi perdoni, quando ho fatto la prima tac avevo 2 linfonodi al tripode celiaco di 7 e 9 mm e in sede inguinale 2 linfonodi, di 10 e 15 mm, premetto che quei linfonodi ce l'ho da quando 13 anni fa circa ebbi la mononucleosi, e da quello che ricordo rimasero gonfi, chiaramente non li avevo mai controllati prima ma al tatto li sentivo, ora nell'ultima tac la dottoressa non li ha menzionati perchè suppongo siano rimasti uguali quindi non li ha menzionati, pero' la mia domanda è, siamo sicuri che non possono aver assunto un aspetto patologico ? nella tac si capirebbe se puo' essere un linfonodo patologico quindi meritevole di approfondimenti ??

[#17] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se vi fossero metastasi linfonodali i marcatori tumorali sarebbero elevatissimi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente 388XXX

Grazie dottore per la risposta, pero' ho letto che potrebbero anche esserci falsi positivi, io nel dubbio ho fatto un'ecocolordoppler ai singoli linfonodi, e la radiologa/dottoressa mi ha detto che all'ecocolordoppler se fossero stati linfonodi patologici si sarebbero visti perchè cambiano di visione alla radiografia lei che dice è vero ? posso stare tranquillo al riguardo ?

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Stia tranquillo e non inventi altre ingiustificate preoccupazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 388XXX

Buongiorno dottore, volevo chiederle una domanda in merito alle microcalcificazioni, ho letto che quest’ultime si generano con delle degenerazioni dei spermatozoi infatti di solito sono inferiti o hanno problemi di infertilità a chi viene riscontrato io quando ho fatto lo spermiogramma e la crioconservazione nonostante L ansia e tutto, al primo colpo e’ Andata bene ed ho subito crioconservato il seme perché ero molto fertile a detta loro il minimo era 57 milioni di spermatozoi io ne avevo 208 milioni circa, per cui questo dato potrebbe essere a mio favore ? Riguardo le microcalcificazioni che ho in questo testicolo ?

[#21] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La fertilità va sempre provata "sul campo" ... d'ogni modo con un tale risultato dello spermiogramma i presupposti sono certamente buoni. Per quanto rigurada le microcalcificazioni, rilegga il nostro contributo #14.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#22] dopo  
Utente 388XXX

salve, dottore, le scrivo per aggiornarla, ho ripetuto i seguenti esami, emocromo, VES, Proteina C reattiva, e BEta hgc,

Questi sono i risultati:

Valori Emocromo tutti nella norma
Il beta hcg: 1 valori di riferimento 0 - 5
Proteina C reattiva 4.5 valore di riferimento 0 - 5
VES 26 valore di riferimento 1 - 12 *

per quanto rigura il beta hcg finalmente sembra sceso ulteriormente e quindi ora si trova a 1 mentre prima era inferiore a 2.39 ma non veniva specificato quanto, con valore di riferimento da 0 - 4 ora cambiando laboratorio mi riporta questo risultato, pero' la cosa che mi preoccupa è la VES

infatti nelle precedenti analisi risultava una VES a 38 valore di riferimento da 0 a 14, ora invece dopo circa 1 mese e mezzo piu' o meno la VES è 26 con valori di riferimento 1 - 12, quindi comunque risulta alta, e la proteina C reattiva anche se negativa cmq è quasi al livello massimo come mai dottore ? sono preoccupato cosa puo' essere ? ho fatto la tac e a parte i linfonodi gonfi da sempre non ho nient'altro ringraziando il cielo, anche il beta hcg sembra sceso, non ho mal di gola raffreddore o altro, quindi cosa puo' essere che analisi mi consiglia per verificare questa ves ?

[#23] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La VES (velocità di eritro-sedimentazione) è un esame che dovrebbe indicare un assai generico “stato infiammatorio”, comunque molto obsoleto e da tempo sostituito dal dosaggio della proteina C reattiva (PCR) ed altri indicatori particolari per situazioni specifiche, senz’altro molto più precisi. Si tratta di uno dei classici esami che “restano un po’ nella penna del medico”, come ad esempio l’azotemia, che oggigiorno non hanno più molto significato ed utilità. Stia pertanto sereno e non cabalizzi troppo sui numeri, come forse le raccomandammo in pasato.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#24] dopo  
Utente 388XXX

salve dottore, stavo leggendo alcune cose sul seminoma ed ho letto questo: (Nel testicolo sono possibili tumori secondari, sia
epiteliali che ematologici. Tra questi, la localizzazione da
linfoma (abitualmente non-Hodgkin) riveste un parti
colare significato clinico per la diagnosi differenziale con il seminoma)
quindi cosa vuol dire ? che il seminoma del testicolo potrebbe anche essere un linfoma ? io due linfonodi inguinali gonfi e 2 sopra le clavicole dati dalla mononucleosi che ebbi 12 anni fa, e mi sono rimaste gonfie, recentemente ho fatto anche l'ecografia dei linfonodi e mi hanno detto che è tutto apposto, ma che significa quella frase che ho letto sul linfoma ?

[#25] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L’anatomopatologo ha dietro di sè anni, se non decine d’anni, di esperienza che gli permettono di esprimere una diagnosi istologica di certezza. Non possono essere le sue letture estemporanee da profano a mettere in dubbio la sua competenza.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#26] dopo  
Utente 388XXX

quindi dall'istologico si capisce con certezza che è un seminoma nato dal testicolo giusto ? altrimenti ci sarebbe scritto secondarismo ?

[#27] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Secondarismo è sinonimo di metastasi, vuol dire che il tumore principale è altrove.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#28] dopo  
Utente 388XXX

appunto e nel mio caso l'istologico non parla di secondarismi quindi è certo non sia linfoma ?

[#29] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Sì.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#30] dopo  
Utente 388XXX

grazie mille dottore per la risposta che mi ha dato anche oggi che è domenica e che è ora tarda, grazie

[#31] dopo  
Utente 388XXX

salve dottore mi scusi avrei ancora bisogno di un suo consulto, sono appena uscito da un'influenza ed ho ancora un po' di raffreddore ed ho un po' di tosse, sia ieri che oggi soffiandomi il naso nel muco ho trovato parecchio sangue vivo, ma mettendo un pezzo di carta nella narice non ho trovato tracce di sangue, dalla bocca non emetto sangue, ma muco dalla bocca non l'ho mai espulsa per cui non saprei se potrei trovarla anche li, sono preoccupato non vorrei fosse una metastasi polmonare, a fine settembre ho fatto la tac ed era tutto libero, lei che dice pensa sia il caso di eseguire una RX toracica ? o c'è un'altro modo per capire se il sangue viene dalle narici o dai polmoni ?

[#32] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ma stia sereno perbacco, pensi ad altro.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#33] dopo  
Utente 388XXX

eh ha ragione dottore ma non è cosi' facile