Utente
Salve, mio padre di 84 anni , circa 15 giorni fa è stato operato di ernia inguinale, con anestesia spinale subito dopo l'intervento gli hanno inserito un catetere vescicale per difficoltà ad urinare. Oggi gli è stato rimosso ed è andato nuovamente in blocco, per cui è stato necessario riposizionalro. L'urologo ha detto che deve essere operato per ipertrofia prostata benigna. Premetto che lui ha problemi cardiaci e bpco moderata/severa, nel suo caso è piu vantaggioso portare il catetere o effettaure intervento?quali rischi corre?grazie.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Queste situazioni sono abbastanza comuni nell'anziano, laddove vi è una pre-esistente situazione prostatica in labile compenso, che viene alterato da cause modeste, come l'anestesia per un banale intervento chirurgico. In linea di massima, non ci si arrende al primo tentativo di svezzamento del catetere, posto che si sia contemporaneamente iniziata una delle comuni terapie per i disturbi prostatici ostruttivi (alfa-litici, dutasteside, ecc.). Un secondo tentativo è certamente proponibile e sul terzo si discute. D'ogni modo, le attuali tecniche operative urologiche (es. laser) e le moderne pratiche anestesiologiche hanno reso molto più ampio il campo di operabilità delle ostruzioni prostatiche, che ora è limitato a rari casi veramente molto gravi, con controindicazioni assolute all'induzione di qualsiasi anestesia, anche parziale. Una anestesia simile è stata appena eseguita per l'intervento erniario, apparentemente senza conseguenze generali, pertanto il problema non si pone.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dott. Piana, per la risposta. Ha iniziato terapia con Silodosina non so se sono gli stessi principi a cui Lei fa riferimento. Per il post intervento , ha domicilio ha preso due compresse di antibiotico per 10 gg, che ha terminato ieri. Lei ritiene che in presenza di catetere debba continuare antibiotico? L'intervento con laser è pratica diffusa o riservata solo a centri importanti?grazie.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La silodosina appartiene al gruppo degli alfa-litici, farmaci utilizzati appunto per facilitare la minzione. La presenza del catetere non impone di per sè l’assunziine continua di antibiotici, che sarebbe addirittura controproducente, a menomche si manifesti febbre od altre complicazioni infettive. La diffusione delle procedure basate sul laser è ormai molto avanzata, certamente anche nella sua regione vi sono più centri che praticano questo tipo di intervento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Dott. Piana , il giorno 24/4 gli hanno riposizionato il catetere , ancora oggi in mattinata le urine sono colorate di molto sangue, (sta facendo eparina in sostituzione di cardioaspirina) è normale il sangunamento?cosa fare?grazie.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La recente sostituzione del catetere e la terapia con eparina facilitano certamente un certo sanguinamento, che però raramente risulta pericoloso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dott. Piana. Adesso le urine appaiono chiare. Ritiene opportuno sospendere eparina e da domani riprendere con ASA, o rischia di sanguinare nuovamente (adesso resta poco tempo disteso sul divano, effettua delle passaggiate in casa)?

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La terapia anti-aggregante non ha indicazioni specifiche urologiche, ma inerenti i fattori di rischio di trombosi venosa. e non idipensabile sotto questo punto di vista, sarebbe meglio che non fosse protratta oltre il necessario, ma noi a distanza non siamo in grado di giudicarlo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente
Dott. Piana, la Silodosina può comportare pressione bassa?grazie.

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Certo, l’ipotensione è uno degli effetti collaterali più frequenti. Per questo motivo si consiglia di assumerla prima di coricarsi e comunque talora è necessario interrompere il trattamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, cercando informazioni su internet ho letto di questo intervento definito LASER INTERSTINZIALE ECOGUIDATO lei lo ritiene valido? Ho letto anche che la resezione con laser uretrale comporta alcuni fastidi per 2/3 mesi. Grazie.

[#11]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il discorso del trattamento operativo dell’ingrossamento benigno della prostata è vastissimo. Sostanzialmente, gli interventi si dividono in due tipi:
- quelli in cui viene materialmente asportato del tessuto;
- quelli in cui si inducono nella prostata delle modificazioni per le quali il tessuto si ritira per cicatrizzazione.
Al primo gruppo di interventi, da sempre molto più diffusi, appartiene l’intervento chirurgico a cielo aperto (oggi eseguito ormai solo più in casi particolari) e tutti gli interventi endoscopici, a partire dalla classica resezione (TURP) a tutte le moderne applicazioni del laser (Olmio, Tullio, Verde , ecc.). Con il tempo e l’affinarsi delle tecniche si sono progressivamente ridotti i tempi di degenza e di mantenimento del catetere vescicale dopo l’intervento, ora nell’ordine delle 48 ore circa.
Nonostante questi grossi passi avanti, nel tempo si è sempre cercato di escogitare delle tecniche che permettano di risolvere le cose in modo ancora meno invasivo, quasi ambulatoriale, con abbattimento dei costi e dei rischi globali, seppure minimi al giorno d’oggi (es. sanguinamento, anestesia, ecc.). Negli ultimi 30 anni sono state proposte moltissime tecniche, generalmente basate sull’inserimento di sonde nella prostata che rilasciano energia adatta ad indurre modificazioni del tessuto (calore, radiofrequenze, laser, ecc). Dopo qualche tempo il tessuto trattato va in atrofia, riducendo così la compressione sull’uretra ed il collo vescicale e permettendo la ripresa della minzione. Nessuna di queste tecniche ha mai ottenuto risultati tali da soppiantare ogni altro tipo di intervento. Raramente si ottengono risultati completi e stabili nel tempo. A questo gruppo di tecniche appartiene ad esempio il laser interstiziale ecoguidato, che non è neanche fra le più recenti. A margine del discorso, si ricorda comunque che i vantaggi dell’intervento, con qualsiasi tipo di procedura, non sono MAI immediati, ma è sempre presente una fase di stabilizzazione graduale della durata media di 6 / 8 settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente
Ancora grazie dott. Piana per la sua risposta molto competente e professionale. Lei ritiene in considerazione delle problematiche di mio padre sia maggiormente indicato il laser per via uretrale? conosce in Campania un buon centro con elevato volume di interventi? Puo temporeggiare 2-3 mesi con catetere mio padre o si rischiano infenzionie danni renali?dopo qunato tempo si hanno miglioramenti con la silodosidina?grazie.

[#13]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Non ci pare che sussustano gravi controindicazioni di carattere generale, d'altro canto è stato appena eseguito un altro intervento chirurgico. Può essere quindi eseguito qualsiasi intervento disostruttivo, con la tecnica preferita da chi se farà carco. per motivi di coirrettezza noi non possiamo fornire consigli in merito a singoli professionisti o centri di cura, con riferimento al caso specifico. Il tempo d'attesa dipende dalla struttura di ricovero, in genere la presenza di un catetere a dimora costituisce un fattore di urgenza relativa, 2-3 messi sono ancora un tempo ragionevolmente accettabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente
Salve, dott. Piana , le riporto analisi urine di mio padre , eseguite oggi:
ESAME DELLE URINE
(METOD. AUTOMAZIONE)
Aspetto limpido
Colore giallo paglierino
Peso specifico a 15 1010 1008 - 1035
Glucosio assente mg/dl assente
Proteine assenti mg/dl 0 - 10
Pigmenti biliari assenti mg/dl 0 - 0.2
Urobilina assente mg/dl 0.0 - 1.0
pH 6,0 4.5 - 6.0
Emoglobina 0.20 mg/dl 0.0 - 0.02
Corpi chetonici assenti mg/dl 0.0 - 0.02
Esterasi Leucocitaria 75 est/dl fino a 25
Nitriti assenti assenti
ESAME MICROSCOPICO DEL SEDIMENTO
10-20 EMAZIE/CAMPO -5-10 LEUCOCITI/CAMPO -RARE CELLULE DELLE BASSE VIE.

la presenza di emoglobina 0.2 è normale e esterasi?grazie.

[#15]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Con il catetere a dimora l’esame delle urine e l’urocoltura non hanno alcun senso ed utilità.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente
Salve dott. Piana , oggi verso le 8 hanno tolto il catetere per fare un nuovo tentativo di urinare spontaneamente. Mio padre è ritornato a casa (abitiamo 5/6 minuti da ospedale) in attesa di provare ad urinare. Le chiedo quanto tempo può attendere ?deve aspettare i sintomi della ritenzione, dolori ecc? oppure attese 3/4 ore senza urinare deve ritornare in ospedale per rimettere il catetere?grazie.

[#17]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In un anziano la diuresi può essere ritardata, in particolare durante il giorno. Noi consigliamo di bere un litro d'acqua nell'arco di 3-4 ore, lo stimolo della minzione (speriamo con esito positivo) dovrebbe arrivare entro 6 ore. Dopo 8 ore, anche in assenza di disturbi particolari, la situazione è certamente da rivalutare e probabilmente vi sarà da reinserire il catetere.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#18] dopo  
Utente
Dott. Piana grazie per la veloce risposta. Finora ha bevuto circa 400cc , ha già stimolo, ha urinato circa 100 cc.

[#19] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Piana, riscrivo per aggiornare la situazione di mio padre . Il tentativo di qualche giorno fa di togliere il catetere è fallito, quindi continua ad avere il catetere. Adesso dice di avvertire una sensazione di bruciore alla punta del pene con l'attacco del catetere, nonchè qualche gocciolina di urina che fuoriesce . Il bruciore può essere dovuto ad un inizio di infezione?
Per intervento abbiamo chiesto all'urologo dell'ospedale ed ha detto che la tecnica migliore è quella con il resettore elettrico, e che loro non praticano il laser.

[#20]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Come abbiamo già scritto, dal punto di vista del risultato finale, tutte le tecniche di disostruzione che comportano l'asportazione di tessuto prostatico (cd. "ablative") sono perlopiù equivalenti. La elettro-resezione (TURP) è tuttora quella più diffusa ed economica, non è necessariamente "la migliore", ogni specialista fa anche con quel che ha a disposizione ed è abituato ad utilizzare. Le tecniche basate sul laser offrono qualche vantaggio legato all'intervento ed al periodo immediatamente successivo (minore sanguinamento, ridotto tempo di cateterizzazione), ma in mani esperte le differenze non sono realisticamente così significative.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente
Salve dott. Piana le chiedo ancora un parere su esami sangue di mio padre effettuati oggi, dove risulta : potassio 3.3 (3-9-5.0),
azotemia 49 (16-45),
creattinimeia 0.64 (0.5-0.9),
Grf 63,
sodio 138 (137-148). Il valore del potassio è pericoloso?grazie.

[#22]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il valore del potassio è leggermente basso, ma certamente non ancora pericoloso. Considerata la stagione calda sarebbe il caso di assumere un integratore, uno dei tanti. Oppure mangiare delle banane!
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente
Salve, dott. Piana, durante la sostituzione del catetere il medico ha consigliato di fare esami urine, che abbiamo fatto con il seguente referto:

URINOCOLTURA
L'esame colturale delle urine, eseguito in aerobiosi su terreni selettivi: AGAR CLED, AGAR MAC CONKEY, AGAR
CETRIMIDE,AGAR MALTO e successiva identificazione biochimica, ha evidenziato circa 100000 colonie per ml appartenenti
al gruppo Enterococco faecalis,isolate e sottoposte ad antibiogramma.(Valori significativi superiori a 50000 colonie per ml).
NOTA: ai fini di una corretta valutazione del dato analitico considerare che si possono avere false cariche batteriche
significative per non idonee modalita' di raccolta, conservazione, trasporto e tempi intercorsi tra la raccolta delle urine e la
loro esibizione in laboratorio.

Adesso mio padre non ha nessun apparente sintomo legato all'infezione, lei ritiene sia il caso di fare antibiotico?grazie.

[#24]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Come probabilmente abbiamo già scritto, in presenza di catetetere a permanenza l'urocoltura sarà sempre positiva tanto da renderla inutile, a parte casi molto particolari. In assenza di febbre od altri evidenti complicazioni, la terapia antibiotica non solo è inutile, ma anche sconsigliata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#25] dopo  
Utente
Salve dott. Piana mio padre è stato chiamato dall'ospedale dove è in lista per interevnto di turp, per fare preospedalizzazione e poi intervento. In tale struttura praticano solo turp normale o bibolare. Lei ritiene che sia migliore la bipolare? mio padre ha ancora emoglobina a 11,3 è il caso di attendere ancora rinviando a settembre intervento? (porta catetere dal 9 aprile).Grazie.

[#26]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta di un dettaglio tecnico che interessa solo l'operatore, il risultato finale per il paziente è sostanzialmente identico. Non rimanderemmo l'intervento, quasi mesi di catetere sono già fin troppi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#27] dopo  
Utente
Dott. Piana grazie per la risposta. Ho letto che la bipolare non presenta criticità per assorbimento liquido lavaggio. Sarebbe preferibile?

[#28]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Stiamo parlando veramente di dettagli che poco interessano il paziente. In genere in una sala operatoria quando si acquisisce la strumentazione bipolare, tutti gli interventi vengono eseguiti in quel modo, ci pare paradossale che sia il paziente a dover scegliere, quantomeno in una struttura pubblica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#29] dopo  
Utente
Dott. Piana , mi sono espresso male, ovvio che in struttura pubblica non scegliamo. In famiglia si valutava se eventualmente optare per un struttura diversa con tecnica diversa tipo bipolare o laser.

[#30]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Dopo 4 mesi di catetere a permanenza la priorità assoluta è che l'intervento disostruttivo venga finalmente eseguito, da un operatore che si auspica sia sufficientemente esperto da ottenere un buon risultato. La tecnica utilizzata passa senz'altro in secondo piano.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#31] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, mio è stato operato lunedi 22, con turp monopolare, dopo intervento ha avuto predite di sangue con necessità di trasfusioni (4 sacche) emog 7 risalita a 9. I medici sabato gli avevano tolto i lavaggi e mantenuto solo il catetere le urine erano chiare. Da stamattina le urine si sono intorpidite di sangue ed i medici hanno ripreso i lavaggi. Quanto tempo puo durare questo sanguinamento?grazie.

[#32]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In genere fino a 3-4 giorni può considerarsi accettabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#33] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dott. Diana, i medici sostengono che il ripertersi del sanguinamento dopo 8/10 gg è dovuto alla pressione per andare di corpo.

[#34]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Può essere.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#35] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, mio padre è stato dimesso dopo 17 gg, il giorno 8 agosto. Ha proseguito terapia antibiotica per 5 gg a casa. Dopo 7 giorni dalla sopsensione antibiotici ha effettuato urinocoltura, dove si riscontra KLEBISELLA PNUMONIAE (ssp pneumonae) carica 200.000ufc/ml.
Lui sta dscretamente , senza sintomi, beve circa 2 litri acqua, urina spesso, senza bruciore, con urine abbastanza chiare. Ovviamente deve riprendere antibiotici, lei ritiene che è una infezione particorlamente pericolosa anche in considerazione della BPCO?grazie.

[#36]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In seguito ad un prolungato periodo di cateterizzazione in ambiente ospedaliero non stupisce più di tanto la positività dell’urocoltura. Se non vi é febbre o complicazioni in atto, diremmo che la cosa non sia preoccupante, la sola abitudine di bere molta acqua potrebbe essere già di grandissimo aiuto. Non insisteremmo più di tanto con gli antibiotici, che andranno comunque sempre integrati con abbondanti fermenti lattici, probiotici, yoghurt e quant’altro possa servire a mantenere una accettabile flora batterica intestinale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#37] dopo  
Utente
Grazie dott. Piana per la risposta. L'urologo che ha operato, ha prescritto solo due bustine di fosfomicina leggendo abg, e clinnix cistop. Sono solo preoccupato per il tipo di batterio, e per i pregressi episodi di broncopolmonite.

[#38]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In assenza di disturbi specifici, non si tratta di una vera infezione, ma di una cosiddetta batteriuria asintomatica , la trasmissione alle vie respiratorie non é verosimile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#39] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Piana, grazie per la risposta. Riguardo la tarsmissione alle vie respiratorie mi riferivo alla possibilità che possa passare dalle vie urinarie ai polmoni. Ha preso sabato sera la seconda ed ultima bustina di antibiotico, dopo quanto tempo è opportuno rifare esami urina? grazie.

[#40]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Dieci giorni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#41] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, abbiamo ripetuto uricoltura: in questo nuovo esame è stato isolato soltanto la SERRATIA FONTICOLA con carica 50.000. E' pericolosa ?deve riprendere antibiotico? Inoltre dopo la rimozione del catetere continua ad urinare frequentemente (senza bruciore o altro) 8/10 volte 24h, beve comunque circa 2 litri di acqua ed a volte non riesce a trattenere , con la perdita di goccie di urina. Grazie.

[#42]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta di un contaminante a bassa carica, l'urocoltura è da considerare negativa. Per ora non vi sono ulteriori indicazioni. Con il calare della temperatura esterna può iniziare a ridurre l'introduzione di liquidi a 1,5 litri al dì. La continenza andrà sicuramente a migliorare, anche se lentamente. Sarà comunque opportuno ripetere una ulteriore urocoltura tra alcune settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#43] dopo  
Utente
Salve dott. Piana , le scrivo nuovamente in quanto, mio padre da ieri ha avuto rigonfiamento del testicolo dx molto dolorante , con febbre 39 pertanto è stato ricoverato. Ha effettuato eco , ed esami sangue ed urine, i medici hanno detto che trattasi di orchite . Può essere un seguito della turp?in quanto tempo si risolve?grazie.

[#44]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Si tratta di una delle possibili complicazioni post-operatorie ed è sostanzialmente imprevedibile ed indipendente dalle modalità dell'intervento. Chiamiamola sfortuna. Con opportuna terapia febbre e dolore dovrebbero risolversi ne giro di qualche giorno. La tumefazione del testicolo invece si risolverà molto più lentamente nel giro di almeno un mese.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#45] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Piana, mio padre è stato dimesso, nella diagnosi leggo "sepsi vie urinarie" . Da profano so che la sespi è molto grave/severa. Mio padre ha vuto solo febbre 39 e dolore gonfiore ad un testicolo. E' corretta tale diagnosi?grazie.

[#46]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Diciamo un po' generica, ma sostanzialmente accettabile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#47] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, la diagnosi completa "orchiepididimite da sepsi vie urinarie". Leggendo meglio la lettera di dimissioni ho notato che uricoltura effettuata durante il ricovero è negativa. Mi chiedo si può avere una sepsi con urinocoltura negativa?grazie.

[#48]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Probabilmente l'urocoltura è stata eseguita sotto terapia antibiotica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#49] dopo  
Utente
Dott. Piana , mio padre è arrivato in ps nella nottata, il prelievo, in reparto è stato fatto di primo mattino dopo aver fatto un antibiotico generico in ps.

[#50]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Può già essere stato sufficiente. D’altronde l'urocoltura, come tutti gli altri accertamenti, é tutt’altro che infallibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#51] dopo  
Utente
Salve dott. Piana , chiedo una sua valutazione sulla situazione di mio padre, operato di ernia inguinale sx il 9 aprile, intervento complicato da uretrorragia, e gonfiore scotale. L'ecografia fatta il 18 aprile richiesta dal chirurgo: didimo sinistro di volume ridotto ripsetto al controlaterale, ad ecostruttura disomogena, ipercogena con tralci iperecogeni ne contesto. Si apprezza ispessimento della tonaca albiginea con sottile raccolta in sede scrotale, disomogena anecogena con tralci iperecogeni contestuali. Il gonfiore del testicolo post intervento si è risolto , adesso mio padre ha notato che il testicolo è diventato piccolissimo, e da qualche giorno avverte doloretti alla cicatrice dell'ernia. Può essersi atrofizzato il testicolo in seguito all'ernia?in tal caso va rimosso? Il referto dell'eco è "tranquillo"?grazie.

[#52]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
La sofferenza testicolare con progressiva atrofia dell'organo è una complicazione nota, anche se invero oggi abbastanza rara degli interventi di plastica erniaria inguinale, entro certi limiti indipendenti dalla tecnica operatoria e dalla mano del chirurgo. In questo caso può aver avuto un ruolo anche l'infiammazione insorta (orchi-epididimite) che comunqu tende a risolversi con esiti sclerotici permanenti. In genere non vi è necessità di rimuovere il testicolo atrofico, in particolare dopo una certa età.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#53] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dott. Piana. Sarebbe utile ripetere ecografia, anche per i dolori che avverte?

[#54]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Certamente sì, se lo ritiene opportuno lo specialista che lo sta seguendo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#55] dopo  
Utente
Salve dott. Piana, chiedo ancora il suo parere per mio padre , il quale ormai ha un testicolo del tutto atrofizzato . Lei ritiene opportuna terapia sostitutiva della funzione testicolare?grazie.

[#56]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Ad 84 anni diremmo che questo sia veramente l'ultimo dei problemi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing