Utente 268XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni, è da circa 3 giorni che sono soggetto a minzione continua durante tutta la giornata intervallata da 15-45 min senza aver nessun tipo di dolore o bruciore ma continuo stimolo. In una giornata arrivo ad eseguire la minzione anche 25 volte con perdita di liquidi consistente (da 100ml in su). Domani eseguirò un'urinocoltura per verificare un'eventuale presenza di infezione o altre problematiche. Chiedo un consulto preventivo per capire esattamente quale possa essere il problema dato che non presentando nessun tipo di bruciore o dolore sarebbe da escludere un'eventuale cistite. Grazie in anticipo, cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La cistite acuta vera, così comune nel sesso feminile, nel maschio giovane è invece estremamente rara. Quesi tutti i casi di disturbi delle basse vie urinarie, acuti o cronici, sono in qualche modo legati alla prostata. L'irritazione prostatica, a causa infettiva o più comunemente dovua solo a congestione della ghiandola, si può dimostrare con una ampia varietà di sintomi. La presenza di dolore non è costante, diremmo che una accentuata frequenza dello stimolo urinario è già abbastanza tipica. Ovviamente la diagnosi deve essere prefezionata da una visita specialistica diretta. Raccomandiamo di non assumere antibiotici in assenza di febbre prima della visita specialistica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 268XXX

Non risulta nessun tipo di infezione, né nell'urinocoltura né nella spermiocoltura. Tramite una visita da uno specialista andrologo ed urologo si è evidenziato una calcificazione nella prostata dovuta probabilmente ed un'infezione precedente che può essere causa di accumulo di batteri che hanno causato qualche tipo di infezione non rilevabile dagli esami che ho effettuato in quanto richiede esami specifici. Altra causa mi è stato detto possa essere lo stress accumulato, e di cercare di riabituare la vescica a riempirsi normalmente aspettando nel caso in cui senta il bisogno di urinare per un massimo di 3-4 ore dall'ultima minzione. Per ora sto seguendo una terapia con un antibiotico specifico per batterio comune ad infezioni prostatiche con un integratore e dovrò comunicare al medico eventuali miglioramenti o peggioramenti nonostante si aspetti un mio miglioramento dopo il primo ciclo di antibiotico. Concordate con il consulto oppure avete anche altre idee? Grazie in anticipo per la risposta.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Bene così.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing