Utente 436XXX
Buongiorno a tutti,
Ormai da circa un anno dopo aver avuto un episodio di candida nel pene, ho sempre stimolo ad andare in bagno pur avendo la vescica vuota a cadenza variabile di 2 settimane 1 mese 2 mesi, dura circa dai 3giorni ad una settimana diventando sempre più intensa e poi passa fino a quando ricompare. Il 20 giugno sono stato da un urologo che dopo aver tastato la prostata l ha definita aumentata di volume e pastosa. Mi ha fatto assumere permixon 1 compressa per 30 giorni e riflog supposte per 10, durante questo periodo ho mangiato anche più leggero. Premetto che anche se non sono in forma infatti sono sovrappeso, conduco uno stile di vita normale cercando di mangiare abbastanza frutta e verdura il mio lavoro mi permette di muovermi spesso sono astemio e non fumo bevo al max una tazzina di caffè al giorno. Unica cosa che non so se può essere legata essendo epilettico assumo tegretol 400 mg x 2 volte al giorno (ho sostituito questo farmaco al tolep circa 10 mesi fa e lo prendevo ormai da oltre 10 anni) . Dopo la cura ho effettuto spermio cultura, urino cultura e ecografia prostatica transrettale, tutto negativo. Il 18 settembre ho dinuovo la visita con l urologo e dopo circa due mesi che stavo bene da ieri si è ripresentato il problema con abbastanza intensità. Secondo voi quali possono essere le cause?
Grazie mille cordiali saluti

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
L'andamento oscillante di questi disturbi è assai tipico, come anche il fatto di dimostrare accertamenti negativi o scarsamente significativi. Lei ci riferisce di mettere in atto uno stile di vita improntato alla rgolarità, non ci parla della sua funzione intestinale, che è sempre molto importante curare in questi casi. Senz'altro le raccomanderemmo la perita di peso di almeno una dozzina di kg. poiché il sovrappeso favorisce certamente un ristagno di sangue nel basso addome.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 436XXX

Salve dottore la ringrazio per la sua risposta, non ho capito cosa intende come attività intestinale, per quanto riguarda il peso da qualche mese ho perso 7 8 kg arrivando a presare 79/80kg certamente c è ancora da perdere ma non mi sembra un situazione così grave avere questi problemi. Aggiungo anche dato che me ne ero dimenticato di aver avuto circa 3 casi isolati dove sentivo delle fitte che credo provenissero dalla prostatata che dopo circa qualche secondo sono scomparse.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La funzione intestinale (frequenza delle evacuazioni, compattezza delle feci, ecc) con i relativi risvolti sulla flora batterica residente ha una notevole influenza sul trofismo della prostata e sullo sviluppo di eventuali disturbi, su base infettiva e non-infettiva.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 436XXX

Salve scusate se rispondo solo ora. Per quanto riguarda la frequenza delle feci credo sia piuttosto nella norma 1 o 2 volte al giorno, invece per quanto riguarda la compattezza capita abbastanza spesso che non sia come deve essere. Aggiungo che assumo Tegretol poiché soffro di epilessia quindi non so se il farmaco può in qualche modo contribuire all alterazione delle feci. Secondo voi le due cose sono collegate. Dopo i primi due mesi dove non avevo più sintomi adesso in una settimana mi capita anche più di una volta poi scompare e ricompare subito, la cosa inizia a preoccuparmi e non poco, l unico sintomo è appunto uno stimolo eccessivo alla minzione quasi come se me la stessi facendo sotto e quindi spesso ho grosse difficoltà soprattutto a letto per le fitte che mi causa. Mercoledì mattina ho nuovamente la visita con l urologo.
Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Le feci non formate sono comunque segno di una funzione intestinale non perfetta, con alterazione della flora batterica residente (microbiòta) e possibile rischio di trasmissione alle basse vie urinarie.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 436XXX

Salve la ringrazio sempre per il suo consulto immediato. Per migliorare il problema mo consiglia di assumere fermenti lattici?
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Fermenti lattici, probiotici, yoghurt e quant'altro ... ma meglio ancora sarebbe affidarsi ad un buon nutrizionista che possa individuare eventuali intolleranze alimentari, oggigiorno molto comuni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing